28 giugno 2008

Il nuovo vicario di Roma il cardinale Agostino Vallini: è un incarico di fiducia del Papa, mi rifarò alla Gaudium et Spes (Radio Vaticana)


Vedi anche:

In udienza dal Papa il sindaco di Roma, Alemanno, che ha invitato Benedetto XVI a partecipare ad una speciale seduta del Consiglio comunale (R.V.)

Il Papa: «Aspetto a Roma tutti i vescovi della Cina». Un anno fa la lettera di Benedetto alla Chiesa cinese (Liut e Mastrofini)

Il Papa riceve il Presidente del Portogallo: comunicato della Santa Sede

Card. Vallini: «Gesù sia sempre più amato e conosciuto dai romani» (Cardinale)

Gli anni del servizio ruiniano: "Consenso inatteso all'andare controcorrente" (Cardia)

Il Papa a Bartolomeo I: "Possa l'Anno Paolino aiutare il popolo cristiano a rinnovare l'impegno ecumenico"

Zizola cambia idea: la Chiesa di Ratzinger non è interessata alla politica...noi lo sapevamo da tre anni!

"Il Papa non veste Prada ma Cristo": l'analisi di Sandro Magister

Domenica in tutte le chiese la raccolta delle offerte per l'Obolo di San Pietro: una giornata per la carità del Papa (Osservatore)

I lefebvriani dicono no al Vaticano e perdono un'occasione storica (Bevilacqua)

Card. Vallini, primo giorno da vicario di Roma (Tornielli)

Pietro e Paolo: Apostoli diversi ma uniti dall'amore a Cristo (Mazzucconi)

Un Anno per riscoprire Paolo, «operaio del Vangelo e servo di tutti» (Accornero)

Ernesto Galli della Loggia: "La «Spe salvi», la Chiesa e l'Occidente" (Osservatore Romano)

Gli indirizzi di omaggio al Santo Padre dei cardinali Ruini e Vallini

Il Papa invitato a parlare al comune di Roma? Opinione personale: non ci vada!

"Caso Orlandi-Marcinkus": un articolo del Foglio del 2000 riproposto oggi e mai così attuale...

Il nuovo vicario di Roma il cardinale Agostino Vallini: è un incarico di fiducia del Papa, mi rifarò alla Gaudium et Spes

“Fare sempre meglio per il bene della Chiesa che è a Roma”. E’ l’incoraggiamento del Papa rivolto ieri al nuovo vicario di Sua Santità per la diocesi di Roma, il cardinale Agostino Vallini. Il porporato ha raccolto l’eredità del cardinale Camillo Ruini che ha lasciato per raggiunti limiti di età. Molti gli auguri arrivati al porporato dal mondo istituzionale italiano a partire dal premier Berlusconi che gli ha auspicato “ogni successo nella delicata missione pastorale”. Al microfono di Luca Collodi le impressioni del cardinal Agostino Vallini di fronte a questo suo nuovo incarico:

R. – Innanzitutto, un incarico di fiducia da parte del Santo Padre, che ancora una volta ringrazio, e che è stato motivo di grande commozione e al tempo stesso, come dicevo ieri, di trepidazione, perché Roma è una grande diocesi, è la diocesi in cui è vescovo il romano Pontefice. Collaborare dunque al fianco del Papa, certamente chiede una maggiore attenzione e responsabilità. Spero di mettercela tutta.

D. – Cardinale Vallini, i convegni della diocesi di Roma, negli ultimi tempi, hanno sottolineato il tema della emergenza educativa. Secondo lei, come si può approfondire meglio questo tema, proprio sul piano pastorale?

R. – Direi che al fondo della emergenza educativa, che il Santo Padre ha sottolineato già con la sua lettera e poi ha ripreso dicendo che è una sfida ineludibile nel discorso al convegno diocesano di alcuni giorni fa, per noi dal punto di vista pastorale si traduce innanzitutto nel bisogno di una più attenta, articolata e profonda evangelizzazione. Poi ci sono gli altri aspetti che riguardano una pastorale familiare, la pastorale giovanile e il collegamento anche con le istituzioni civili, con altre agenzie formative, come oggi si usa dire, cioè luoghi formativi dove agire in sinergia, per quanto pastoralmente ci sarà possibile, è un dovere per il bene dell’uomo.

D. – Come ipotizza la sua azione pastorale in una città così complessa come Roma, anche sul piano sociale?

R. – Chiederò aiuto a tutti, a cominciare dal vice gerente, dai vescovi ausiliari, dai prefetti, dai sacerdoti. Per conoscere ho bisogno di un periodo di noviziato. Chiederò consiglio al cardinale Ruini, che conosce molto bene la realtà. Dopo di che insieme al Consiglio episcopale vedremo come muoverci, sottoponendo al Santo Padre le scelte che sarà opportuno prevedere.

D. – Quale sarà il rapporto con le istituzioni civili, le istituzioni locali, il comune, la provincia e anche in parte la regione, per quanto riguarda anche l’elemento Roma, l’elemento sociale, la povertà, i bisogni della città?

R. – La Stella Polare è la dottrina del Concilio sui rapporti Chiesa e comunità politica, dove al numero 76 della Gaudium et Spes il Concilio già stabilisce i binari di questo. Sono rapporti di collaborazione leale, sincera e di un comune impegno per il bene comune. Lo vediamo anche camminando per la strada: c’è tanta gente che soffre. In questo senso la dimensione della Caritas, che per noi non è l’elemosina o l’occasionale aiuto, ma è un’espressione dell’amore di Gesù, paziente nella vita delle persone, dei fratelli sofferenti, sarà un punto sul quale continueremo, come sempre Roma ha fatto, in modo molto lodevole.

© Copyright Radio Vaticana

1 commento:

angelo ha detto...

Rifarsi al Concilio. Grande Vallini! Non a caso viene dalla FUCI.
AB