31 marzo 2008

La pietra di Magdi (Cardini per "Europa")


Vedi anche:

Padre Lombardi smentisce "La Stampa" ed il Tg1

La rivelazione irresistibile e la conversione (Gianfranco Ravasi per "Il Sole 24 ore")

Il Papa: "Dalla misericordia divina, che pacifica i cuori, scaturisce poi l’autentica pace nel mondo, la pace tra popoli, culture e religioni diverse" (Regina Coeli, 30 marzo 2008)

Il prezzo della coerenza e del coraggio: altissimo livello di sicurezza per la visita del Papa negli USA

Inizio francamente a stancarmi di un certo giornalismo, di certi commenti, di una certa Chiesa...

Allam, Pietro De Marco: "La conversione non è amata perchè luogo di identità e differenza" (L'Occidentale)

CONVERSIONE DI MAGDI CRISTIANO ALLAM: ARTICOLI, INTERVISTE E COMMENTI

La pietra di Magdi

FRANCO CARDINI

Il giornalista e saggista Magdi Allam ha quindi scelto: una scelta importante, che corona un iter iniziato forse molti anni fa. Forse anni fa quando egli frequentava giovanissimo le scuole cattoliche nel suo paese natale. Una scelta che forse aprirà una fase davvero nuova nella sua esistenza: c’è adiritura chi prevede per lui un eventuale posto nel governo italiano. Anzitutto, e proprio perché talvolta ci siamo trovati su posizioni molto lontane e non senza qualche episodio polemico, vorrei fargli le mie felicitazioni e i miei auguri. Felicitazioni, perché l’annunzio ch’è un nato un nuovo fratello in Cristo non può che far felice un cattolico. Auguri, perché mi rendo conto che la sua è stata una scelta difficile e coraggiosa.
Intendo sottolineare questo elemento di coraggio, perché è cosa nota che non da ieri Allam è oggetto di minacce: che debbono essere apparse gravi e serie a chi gli ha addirittura fornito una scorta. Almeno in linea teorica e concettuale, la sua scelta lo pone al rischio della vita: nessuno può sottovalutare un pericolo del genere.
Debbo anche aggiungere, per esser chiaro fino in fondo, che non ho apprezzato per nulla le insinuazioni di quanti hanno attribuito a questo gesto un valore opportunistico. Una conversione è un passo grave, serio, solenne: chi lo compie ha sempre e comunque diritto al rispetto di tutti.
Ci si può solo augurare che esso sia stato compiuto in piena consapevolezza e con al massima buonafede.
Ciò non significa che a mia volta io non nutra qualche dubbio o non abbia provato un senso d’insoddisfazione: non tanto sulle circostanze della sua conversione, quanto sulle scelte che l’hanno accompagnata e immediatamente seguita. Avrei preferito che il neocattolico Magdi Allam iniziasse la sua vita spirituale con un gesto più consono alla nostra fede comune: vale a dire con un po’ più d’umiltà. Il battesimo è una cosa seria e, soprattutto, un sacramento: scegliere proprio il giorno di Pasqua, e farsi battezzare dal capo della Chiesa cattolica in persona, significa senza dubbio godere di forti appoggi e di grande potere mediatico, ed è certo il modo più trionfale e solenne d’entrare nella Casa di Cristo. Ma non è esattamente il più appropriato.
La conversione richiede sobrietà e raccoglimento: e più si è importanti, più si è in vista, più tali qualità sono richieste e necessarie. Non mi è piaciuta quella scelta: se l’ha sollecitata, non l’approvo; se gli è stata proposta, avrei preferito sapere che l’aveva rifiutata.
Ancor più inopportuna, anzi decisamente grave e irrispettosa per lo stesso pontefice, mi è apparsa la lettera-denunzia che il neocattolico ha redatto, all’indomani del suo ingresso nella Chiesa e pertanto come primo suo atto pubblico. Credo che Magdi Allam sappia che, mentre ebraismo e islam sono religioni “di legge”, lo spirito profondo del cristianesimo è carità e perdono. Non ho visto l’ombra né nell’una, né dell’altra nel quadro pieno di malevolenza e di livore che Magdi Allam ha tracciato della sua ex-religione.
Certo, l’islam ha molti volti: e il fatto che in esso non vi sia un centro disciplinare, una Chiesa, non ne facilita l’univoca comprensione. Tuttavia, il quadro che Allam ce ne offre non trova riscontro nell’immagine che della sua grande tradizione e della sua alta spiritualità ci hanno autorevolmente fornito non dico i musulmani stessi, ma anche e soprattutto i nostri migliori e più attendibili studiosi. L’Islam di Allam non somiglia in nulla a quello di Massignon, né di Bausani, né di Noja, né di Moreno, né di Peirone, per limitarsi agli italiani. Consiglierei fraternamente ad Allam di leggere Il libro delle preghiere a cura di Enzo Bianchi (Einaudi), per rintracciare i segni e la sostanza della profonda consonanza tra ebraismo, cristianesimo e islam, al di là delle differenze teologiche e del peso della storia. Gli consiglierei la meditazione sull’esempio di Muhammad Abd al-Jalil, brillante giovane intellettuale marocchino che, convertitosi al cristianesimo e scelto di vestire l’abito francescano, ottenne da papa Pio XI il permesso di portare quello di Jean- Muhammad come nome religioso, convinto che il cristianesimo fosse il compimento e il perfezionamento, non la negazione dello stesso islam.
Disapprovo il documento di Allam perché esso pesa come una pietra sui rapporti tra islam e cristianesimo proprio in un momento in cui, con la lettera dei 138 dotti musulmani al papa, essi potevano esser giunti a una svolta qualificante. E alla luce delle conoscenze effettivo che egli dimostra nella sua lettera sull’islam io mi chiedo se sia mai stato davvero un buon musulmano: se cioè abbia mai avuto della sua antica fede, che pur ha mantenuto a lungo, un’appropriata e approfondita conoscenza.
Non deve sembrar offensivo quanto affermo: conosco cristiani che si dicono tali, che magari frequantano chiesa e sacramenti, e che non hanno nemmeno un’idea di che cosa sia la sostanza del cristianesimo; conosco gente che ha abbandonato esplicitamente la fede senza averla in realtà mai conosciuta e che ne parla con convinzione come d’una cosa lontanissima dalla realtà.
Rinnovo di cuore tutti i miei auguri a Magdi Allam. Non so se sia stato un buon musulmano e non sta a me giudicarlo: gli auguro di diventare un buon cristiano. La strada da percorrere per questo è lunga: e, a parte la Grazia, gli ci vorranno per percorrerla molta pazienza, molto studio, molta comprensione, molta onestà, molto rigore. Se ci riuscirà, un giorno forse riuscirà anche a comprendere sul serio – da cristiano – quanto splendente e profonda sia quella parola dell’islam ch’egli ha pur superato col battesimo. È già successo ad altri cristiani di comprenderlo: a Charles de Foucauld, per esempio.

© Copyright Europa, 30 marzo 2008 consultabile online anche qui.

Mah, non apprezzo molto questo atteggiamento di superiorita'.
Cardini quoque...
Chi da' il diritto ai Cattolici di fare i "maestrini" dei convertiti?
Come ci insegnano Benedetto XVI e Sant'Agostino la conversione non si esaurisce in un dato momento storico, ma prosegue per tutta la vista di chi ha ricevuto questo grande dono
.
Non e' possibile dare il benvenuto ad Allam senza fare distinguo e mettere i puntini sulle "i"?.
R.

7 commenti:

Carla ha detto...

...Non c'è che dire, splendido esempio di "caritas" e pedissequa applicazione del all'insegnamento di Gesù "amatevi l'un l'altro come io vi ho amati".....Complimenti. Ciao Carla

mariateresa ha detto...

buongiorno a tutti.
credo che, anche in questo caso, i distinguo nascono da altre opinioni (rispetto a quelle di Allam)sui temi di geopolitica.
Non sono un'esperta ma mi pare che Cardini sia convinto che l'11 settembre sia stato un puffo. O un complotto o giù di lì. Insomma la sua è una posizione antiamericana e credo anche antisraeliana molto netta.
Quindi non c'è da stupirsi per quello che dice. In compenso separa queste considerazioni dal valore della conversione che è un'altra cosa infatti.
beh, ho letto di peggio.

Anonimo ha detto...

Un bell'esempio di pelosa ipocrisia, non c'e che dire.
Tra l'altro, Franco Cardini è stato uno dei 200 firmatari del famigerato appello, apparso lo scorso luglio su Reset, contro il libro di Magdi, Viva Israele.
Felice settimana.
Alessia

Luisa ha detto...

Quanta, ma quanta saccenza, e quanta ma quanta poca carità in questo articolo !
E quanta ma quanta IPOCRISIA!
Ti do un caramella dolce, uno zuccherino e poi ti passo una pozione avvelenata...questo articolo è un modello del genere da incorniciare ! Uno dei migliori esempi.
Senza dubbio Cardini è il prototipo del buon cristiano almeno lui deve crederlo, io ne dubito....
Quanto al gruppo dei "138", perchè Cardini non parla della lettera scritta al Papa da uno dei suoi membri ?
Niente da ridire a questo signore?
Normale che si offenda non solo Benedetto XVI, ma la nostra fede, la nostra Liturgia che ne è il cuore e sullo slancio anche l`operato delle scuole cattoliche nel mondo?
Niente da ridire Cardini?

Luisa ha detto...

Aggiungo...tutto sembra tollerato e permesso ai musulmani, anche offendere il Santo Padre, ma nulla assolutamente nulla può essere detto o fatto che eventualmente potrebbe urtare la loro suscettibilità....ripenso alla frase di Pallavicini che ha accusato Allam e il Papa di mancanza di sensibilità perchè il battesimo ha avuto luogo la vgilia ( o il giorno dopo) del compleanno del profeta !
Beh già che ci siamo, sempre in virtù del dialogo, io propongo che si sposti la data di Pasqua se e quando coinciderà con quella festa musulmana!

Anonimo ha detto...

Mi pare che tutti quegli intellettuali che erano stati spiazzati dall'affaire Sapienza, cerchino ora di rialzare le penne e rifarsi una verginità a poco prezzo. Non c'era bisogno del comunicato di padre Lombardi: se uno vuole vivere la sua fede privatamente lo faccia pure ma farne una regola significa che la Chiesa non serve. E' normale che ci siano delle divergenze ma qui si nega il diritto di esprimere i propri punti di vista. Cordialmente, Eufemia

mariateresa ha detto...

mi ero completamente dimenticata dell'appello dei duecento, cara Alessia. Mamma mia.
Quello è un punto molto basso per un crstiano.Sotto la suola delle scarpe. E mai ho capito come Enzo Bianchi. ci sia finito in mezzo. Ma ci è finito, che mi piaccia o no.