26 marzo 2008

Mambo (Il Riformista): "Il fanatismo di Furio Colombo (e di Liberazione) contro Allam"


Vedi anche:

Osservatore Romano: «Allam, nessuna intenzione ostile verso l'islam» (Eco di Bergamo)

Noi, come Allam convertiti al Cristianesimo. Ora viviamo nel terrore (Il Giornale)

«Magdi annunciò il suo battesimo e poi ci disse: chi rischia è il Papa» (Tornielli)

Il solito teatrino dei media (attacchi al Papa e silenzio sulle persecuzioni dei Cristiani) e grande delusione per l'atteggiamento di certi Cattolici

Una riflessione di Mons. Eugenio Romero Pose sulle radici cristiane dell'Europa (Osservatore)

Conversione Allam, Di Giacomo: Quanti rischi per gli “apostati”. 4 domande a Maurizio Lupi...(La Stampa)

Conversione Allam, Vian: "Il gesto del Papa ha un importante significato perché afferma, in modo mite e chiaro, la libertà religiosa" (Osservatore)

Vacanze a Bressanone, l'unica richiesta del Papa: un pianoforte nella sua stanza

Traduzione in russo della "Spe salvi", Mons. Pezzi: "Segnale positivo per il dialogo tra cattolici e ortodossi" (Radio Vaticana)

Conversione Allam, protestano i 138 saggi musulmani. Enno'! La libertà religiosa non è negoziabile!

Apologia di una conversione: "Il musulmano e l'acqua santa. Incanto barocco, gesto coraggioso" (Giuliano Ferrara)

Il Re saudita organizzerà un incontro fra fedi monoteiste. Abdullah: "Ho parlato con il Papa che condivide la mia idea"

Settimana Santa: le omelie nascoste di Papa Benedetto. Commento di Sandro Magister: stupendo il paragone con Leone Magno e Agostino

Per Magdi una gioia discreta che sa tremare (Rondoni per "Avvenire")

Allam: «Cristiano e felice grazie al Papa. Ora rinnego totalmente l'islam» (Libero)

Rosso "malpela" Luzzatto: "Veleni di lumachelle: tra sfortune e vanagloria"

CONVERSIONE DI MAGDI CRISTIANO ALLAM: ARTICOLI, INTERVISTE E COMMENTI

Conversione di Magdi Cristiano Allam: i commenti di Claudio Magris e Vittorio Messori (Il Corriere)

Su segnalazione di Mariateresa leggiamo questo commento di "Mambo" (Peppino Caldarola) per "Il Riformista":

Mambo

IL FANATISMO DI COLOMBO CONTRO ALLAM

Mercoledì 26 marzo 2008

In questo luogo in cui abito da anni e che usualmente chiamo sinistra, capita di incontrare la gente più strana. Mai avrei pensato, però, che Furio Colombo e “Liberazione” avrebbero svolto gli stessi argomenti per criticare la conversione di Magdi Allam. Magdi è un amico e un uomo di straordinario coraggio e limpidezza intellettuale. La sua conversione mi fa riflettere anche se non modifica la mia lontananza dal cattolicesimo. Però c’è una sinistra, in disaccordo su tutto, che a una voce imputa a lui e al papa due cose. Il carattere pubblico della conversione, la manifesta ostilità verso l’islam. Da qui l’idea comune alle due sinistre di chiamare islam e ebraismo a fare fronte comune contro il cattolicesimo di Ratzinger. Vediamo. La conversione di Allam è stata un fatto privato con rito pubblico: per fortuna i cattolici non sono costretti alla clandestinità se non nel mondo arabo-musulmano, dal quale sono spariti, così come gli ebrei, spesso con la violenza. La conversione comprende il confronto fra ciò a cui si era legati prima e ciò che si vuole oggi. Magdi pensa che l’Islam non dia spazio alla tolleranza. Ha torto? Infine. La preghiera per la conversione degli ebrei è un errore della Chiesa, ma davvero Furio Colombo e “Liberazione” pensano che islamici ed ebrei sono perseguitati dai cattolici? A questa sinistra dico addio. Ce n’è un’altra meno fanatica?

© Copyright Il Riformista, 26 marzo 2008 consultabile online anche qui.

Non pubblicheremo in questa sede gli articoli di Liberazione (quotidiano comunista) e dell'Unità (organo del Partito Democratico) non per una questione di censura, ma perche' ripetono sempre le stesse "tiritere": il Papa e' un politico, il Papa vuole convertire musulmani ed ebrei (bah!), il Papa butta all'aria quarant'anni di dialogo.
Quale dialogo? Quello delle strette di mano?
Cari amici di Liberazione e dell'Unita' serve un altro dialogo, quello fondato sulla Verita' da entrambe le parti.
Vi ricordo che il dialogo quarantennale non ha impedito l'attentato alle Torri Gemelle, la guerra in Iraq, il genocidio dei Cristiani nel Medio Oriente e le minacce di Bin Laden all'Occidente ed al Papa.
Serve ben altro dialogo, signori miei!

Raffaella

3 commenti:

brustef1 ha detto...

Bella differenza tra Magdi Allam e Furio Colombo: il primo vive sotto scorta e in costante pericolo di vita per il coraggio del proprio pensiero e delle proprie azioni, il secondo ha sempre razzolato nella greppia del potere e nella ricchezza, da presidente di Fiat America alla gauche au caviar, che è sempre una garanzia di protezione e di politicaly correction

Gianpaolo1951 ha detto...

Ecco l’ennesima riprova – se ce ne fosse ancora bisogno - che l’ipocrisia regna sovrana proprio in quella sinistra, a più facce, che si ritiene unica e verace e di cui Veltroni è solo il cavallo di Troia!

malapenna ha detto...

strano vedere come i sedicenti strenui difensori dei diritti civili e dell'ostentazione della libera identità e pratica sessuale (anche davanti al colosseo) inciampino sempre nel diritto alla libertà e pratica religiosa, l'unica a dover restare fatto interiore e privato, soprattutto quella cattolica