31 marzo 2008

Se uno si convertisse all'Islam sarebbe una sfida? Lettera a Beppe Severgnini (Corriere)


Vedi anche:

Regina Coeli: audio integrale di Radio Vaticana

Le tappe cagliaritane di papa Ratzinger (7 settembre 2008)

Per il Vaticano re Abdullah pesa più di 138 dotti musulmani di Sandro Magister

Trovati in Germania sei sermoni di sant'Agostino in un manoscritto del XII secolo a Erfurt. Si parla di carità, elemosine e resurrezione dei morti

La pietra di Magdi (Cardini per "Europa")

Padre Lombardi smentisce "La Stampa" ed il Tg1

La rivelazione irresistibile e la conversione (Gianfranco Ravasi per "Il Sole 24 ore")

Il Papa: "Dalla misericordia divina, che pacifica i cuori, scaturisce poi l’autentica pace nel mondo, la pace tra popoli, culture e religioni diverse" (Regina Coeli, 30 marzo 2008)

Il prezzo della coerenza e del coraggio: altissimo livello di sicurezza per la visita del Papa negli USA

Inizio francamente a stancarmi di un certo giornalismo, di certi commenti, di una certa Chiesa...

Allam, Pietro De Marco: "La conversione non è amata perchè luogo di identità e differenza" (L'Occidentale)

CONVERSIONE DI MAGDI CRISTIANO ALLAM: ARTICOLI, INTERVISTE E COMMENTI

Su segnalazione di Eufemia leggiamo:

Se uno si convertisse all'Islam sarebbe una sfida?

Egregio Severgnini, la sto studiando. Non ero un lettore del "Corriere" e pertanto l'ho conosciuta solo di recente attraverso i suoi libri. Superbi. Da essi tuttavia traspare che lei è credente e per di più cattolico. Un credente-cattolico-brillante per me è una novità in assoluto e per questo la osservo. Osservo ad esempio che risponde ad un lettore giustificando il comportamento di Allam e della chiesa, in relazione al recente suo battesimo, in ragione della lotta all'islam radicale. Davvero pensa che per la lotta all'islam radicale da parte di un musulmano sia una buona idea farsi battezzare dal Papa,

Sandro Tigli,

Penso, caro Tigli, che nella notte di Pasqua l'obiettivo di Magdi - e quello di Benedetto XVI - non fosse "lottare contro l'islam radicale". Si trattava della conversione di un personaggio che ha deciso - non da oggi - di vivere la sua fede in pubblico. Una provocazione? Solo se qualcuno vuole considerarla tale. Ma allora dovremmo chiederci: perché? Se un cristiano si convertisse pubblicamente all'Islam non credo che la prenderemmo come una sfida, un oltraggio o altro.

Italians di Beppe Severgnini

Bella risposta! Diamo atto a Severgnini di avere preso una posizione chiara, non censoria!
Al signor lettore vorrei ricordare che di Cattolici brillanti ce ne sono moltissimi
.
R.

4 commenti:

brustef1 ha detto...

Perfetta la risposta di Severgnini, ma io aggiungerei: è il violento che vede provocazioni dappertutto, e ne approfitta per aggredire il debole: "superior stabat lupus"...ma il colmo dei colmi sono i deboli che si allineano al pensiero e ai pretesti dei violenti

Anonimo ha detto...

In tutta questa cagnara per il battesimo in mondovisione, i più costernati sono stati i cristiani adulti e post, seguiti anche da insoliti compagni di strada. I mussulmani hanno protestato blandamente, sapendo che hanno il coltello dalla parte del manico in tutti i sensi.Saluti, Eufemia

Syriacus ha detto...

In questo paese un Odifreddi può pubblicare in tutta tranquillità un "Perchè non possimo essere cristiani". In esso ci dà dei cretini. Ma scommetto che se Allam, magari a quattro mani con un logico cristiano, pubblicasse un analogo "Pechè non possiamo essere mussulmani", beh... E' fin troppo immaginabile quel che accadrebbe...

Carla ha detto...

bravo Severgnini, e sono d'accordo con brustef 1 , fondamentalmente chi "vede provocazioni dppertutto" fondamentalmente è alla ricerca di giustificazioni per polemizzare....buon giorno Carla