31 maggio 2008

Card. Bagnasco: "Non esiste il rischio di un'alleanza fra trono e altare" (Tornielli)


Vedi anche:

Card. Arinze: "Nella liturgia si celebra la meraviglia della misericordia di Dio" (Osservatore)

Il Papa ai vescovi: «L'Italia deve uscire da un periodo difficile» (Accattoli). La nota di Massimo Franco

La risposta alla violenza? La conversione. Charles Morerod approfondisce l'argomento attraverso i testi di Benedetto XVI (Osservatore Romano)

La visita in Russia del cardinale Kasper (Osservatore Romano)

Il dizionario di Papa Ratzinger contro le malattie dell’anima (Giansoldati)

PAPA: SERVE SANA LAICITA' PER RISPONDERE A EMERGENZA EDUCATIVA (Agi)

Lettera di Benedetto XVI al Patriarca di Mosca e di tutte le Russie: "In cammino verso la piena comunione"

Sindone, Ostensione nel 2010?

Pubblicato il programma del viaggio del Papa in Australia, in occasione della XXIII Giornata Mondiale della Gioventù (Radio Vaticana)

Prof. Reale: «Emergenza educativa, una crisi che inizia dai padri» (Castagna)

PROGRAMMA UFFICIALE DEL VIAGGIO APOSTOLICO A SYDNEY IN OCCASIONE DELLA GMG (12-21 LUGLIO 2008)

I vescovi italiani: «Noi pastori dalla parte dei giovani, ma senza sconti» (Muolo)

Il realismo e la speranza: mano salda del lavoratore della vigna (Rondoni)

Nella solennità del Sacro Cuore la Chiesa celebra la Giornata mondiale per la santificazione dei sacerdoti. Intervista con mons. Piacenza (R.V.)

Mons. Amato spiega il Decreto della Congregazione per la Dottrina della Fede sulla tutela del sacramento dell'Ordine sacro (Radio Vaticana)

Sapienza, preside minacciato e sequestrato dai collettivi di sinistra (Corriere)

Nomine in predicato. Ma l’ultima parola è sempre del Papa (Magister)

Bagnasco corregge D’Alema: la Chiesa non vuole il potere

di Andrea Tornielli

In Italia non c’è il rischio di una «religione civile», non esiste un’alleanza tra «trono» e «altare», la laicità è un valore per i cristiani e la tentazione del potere per la Chiesa è appunto una tentazione.
Risponde pacatamente alle critiche di Massimo D’Alema il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, che ieri ha incontrato i giornalisti al termine della 58° assemblea generale dell’episcopato italiano.
Come si ricorderà, nei giorni scorsi, chiudendo la «summer school» della Fondazione Italianieuropei, D’Alema aveva parlato di «religione e democrazia» paventando l’alleanza tra la destra e la religione cattolica che metterebbe a rischio i fondamenti dello Stato laico e la natura stessa della Chiesa. La tentazione del potere, aveva detto l’ex ministro degli Esteri, è «demoniaca» ed è sempre stata all’origine di «misfatti». Su questi argomenti è intervenuto Bagnasco, sollecitato da varie domande.

«Non credo assolutamente che ci sia un rischio di religione civile in Italia – ha detto il presidente della Cei – La religione in tutto il mondo ha ricadute sociali, ma questo non significa la creazione di una religione civile al servizio del trono». «L’altare – ha aggiunto – non deve essere al servizio del trono, e viceversa».

Il cardinale ha ricordato che è possibile ritrovare il fondamento della laicità nello stesso Vangelo, quando parla di dare a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che è di Dio. Un «valore della Chiesa, a cui la Chiesa tiene», ha aggiunto il presidente della Cei, che entrando nel merito delle obiezioni di D’Alema ha precisato: «Le tentazioni sono umane e quindi bisogna essere tutti molto attenti. Sicuramente la comunità cristiana ha il compito di essere sale e lievito» ma anche «luce sul candelabro e città sopra il mondo».

La testimonianza evangelica non può dunque essere relegata solo al privato, perché la fede, che «assume tutto l’umano e lo compie» ha anche una rilevanza pubblica, pur non mirando la Chiesa ad alcuna egemonia politica: «Non ci sono forme e volontà di ingerenze nelle cose pubbliche. I vescovi semplicemente esercitano il loro magistero sui temi dell’etica».

Rispondendo a una domanda sull’assenza di cattolici «doc» nella compagine governativa, Bagnasco ha ricordato che «i cattolici non sono necessariamente all’interno di una organizzazione o quelli etichettati come tali» e che dunque i vescovi guardano anche ai risultati e «non solo ai principi affermati e alla devozione» delle persone.

Un modo per ribadire che l’attuale governo sarà giudicato alla prova dei fatti più che sulle dichiarazioni di principio.
Il cardinale, che al momento non ha in agenda un incontro con Berlusconi, ha poi spiegato che la richiesta di interventi di sostegno «anche da parte delle istituzioni» per la scuola cattolica è in funzione del «diritto-dovere dei genitori di offrire ai propri figli la forma educativa che ritengono più consona» e «non per il sostegno o il privilegio per quel tipo di scuola anziché per un altro».
Infine, dopo aver risposto a una domanda sulle intercettazioni relative all’inchiesta sugli appalti delle mense genovesi, nelle quali gli indagati vantavano amicizie e appoggi del Segretario di Stato Bertone e dello stesso Bagnasco («il millantato credito è una cosa che esiste sempre e purtroppo esisterà sempre»), il presidente della Cei è tornato sul tema dell’immigrazione e parlando dei Centri di permanenza temporanea ha espresso l’auspicio che «ciò che è temporaneo, non diventi troppo prolungato o addirittura permanente».
«Speriamo - ha concluso - che qualunque provvedimento prenderà il Parlamento sia ispirato alla giusta e doveresa sicurezza dei cittadini» e al «tradizionale senso di accoglienza della nostra comunità cristiana e del nostro popolo».

© Copyright Il Giornale, 31 maggio 2008 consultabile online anche qui.

Leggo:

Bagnasco ha ricordato che «i cattolici non sono necessariamente all’interno di una organizzazione o quelli etichettati come tali».

Se fossero cattolici sono coloro che fanno parte di un associazione o di un movimento, io sarei fuori dalla Chiesa e non mi pare sia questo il mio caso...
R.

1 commento:

giovanni ha detto...

Ed io sono cattolico?
Credo di no seguendo questa logica.

ha,ha,ha