28 maggio 2008

Un momento di chiarezza: questo è il rapporto della Digos sulle aggressioni alla Sapienza


Vedi anche:

La Cei: basta moschee che «occupano» gli spazi dei cattolici (Tornielli)

Sapienza: "Intolleranza travestita" (Cervi e Fontana)

Fermare immediatamente la stupidità e l'ignoranza alla Sapienza...

Cardinale Dias: "segni di speranza" per la Chiesa in Cina (Zenit)

Don Vitiello: "Il ritorno del sacro e del bello in fedele ascolto del Magistero di Benedetto XVI" (Zenit)

Mons. Piacenza: "A Savona e Genova un'esperienza di Chiesa viva" (Osservatore Romano)

L'identità che si apre agli altri: il commento di Casavola alla prolusione del cardinale Bagnasco

Card. Bagnasco: "Contribuire al dibattito pubblico in nome del Vangelo non minaccia la laicità dello Stato" (Radio Vaticana)

Bagnasco loda la laicità american style e chiede prudenza sulla bioetica (Il Foglio)

IL PAPA LEGGERA' LA BIBBIA IN TV: A OTTOBRE A "DOMENICA IN"

BAGNASCO: "IL J'ACCUSE DI RATZINGER SULLA PEDOFILIA E' STATO L'INIZIO DELLA RINASCITA". "CON LA GENTE PARLANO SOLO I PARROCI" (Agi)

Card. Bertone: "L'enciclica sociale uscirà in autunno. Per ora il titolo è Caritas in veritate" (Apcom)

D’Alema suona l’allarme sulla Chiesa. Ma non ce n’era affatto bisogno: Dino Boffo risponde all'ex ministro (Avvenire)

Un incontro a Roma sui rapporti tra scienza e religione: "Quando la ragione non cerca la fede" (Osservatore)

SAPIENZA, DIGOS: AGGRESSIONE E' PARTITA DA STUDENTI SINISTRA

Dopo che quelli di destra li avevano apostrofati

Roma, 27 mag. (Apcom) - "Da una ricostruzione effettuata dalla Digos, sulla base di deposizioni testimoniali e di riscontri oggettivi, quale una fotografia scattata da un cittadino privato ed acquisita sul posto, è emerso che dopo una prima fase, nella quale i giovani di destra avrebbero apostrofato i ragazzi di sinistra che stavano attaccando dei manifesti, subito dopo si sarebbero avvicinati altri ragazzi provenienti dall'università, per poi scontrarsi fisicamente con gli elementi di destra".
Questa è la spiegazione ufficiale, diffusa dall'ufficio stampa della questura di Roma, di quanto avvenuto oggi "intorno alle 13, in via De Lollis, nei pressi dell'università La Sapienza" quando "si è verificato uno scontro tra giovani di opposte fazioni politiche". Il personale del reparto volanti e del commissariato San Lorenzo - si spiega nella nota - "nell'immediatezza ha bloccato alcuni ragazzi, tutti con lievi lesioni". L'autovettura a bordo della quale viaggiavano i ragazzi di destra è stata pesantemente danneggiata.
La ricostruzione di quanto avvenuto è "stata possibile per la presenza di una fotografia che ritrae tutti gli arrestati nell'atto di affrontarsi anche con cinghie e bastoni". Gli arrestati, "quattro vicini a Forza Nuova e due ai Collettivi universitari, tutti e sei leggermente feriti con prognosi da cinque a sette giorni ad eccezione di un ragazzo dei colletttivi refertato per 20 giorni, saranno processati domani mattina con rito direttissimo".

Questo per fare chiarezza visto che alcuni elementi (anche politici), dopo avere beatamente taciuto quando fu il Papa ad essere "aggredito", ora tentano di strumentalizzare la vicenda in chiave politica.
Ieri nessuno ha avuto ragione, entrambe le parti sono state violente, ed entrambe le parti meritano condanne politiche e sociali.
Oggi vedremo come si muovera' la magistratura penale.
Stamattina una giornalista di Repubblica (da qualcuno indicata fra i papabili per la direzione dell'Unita') scrive: "Per la mancata visita del Papa a manifestare davanti alla facoltà alla fine erano poco più di un centinaio".
E che scoperta! Il Papa non c'era!
Basta difendere questi ragazzini: hanno pari responsabilita' dei loro compagni di merende di opposta fazione.
Considerato il rapporto della Digos, Repubblica dovrebbe modificare la prima notizia del suo sito
.
R.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Ormai si è preso il vezzo che basta essere donna e carina per fare carriera. Almeno Berlusconi le sue le ha messe nei banchi dove possono copiare, ma la Concita, forte dell'esperienza noglobal, sa già tutto.Cordialmente, Eufemia

mariateresa ha detto...

ma chi diamine legge ancora l'Unità?

Anonimo ha detto...

NON bisogna dimenticare anche le aggressioni violente subite dal prof faurisson alla università di teramo

brustef1 ha detto...

E c'è ancora qualcuno che dubita che fu il ministro Amato -nonostante la tartufesca smentita- a chiedere al Vaticano l'annullamento della visita per difendere l'incolumità del Papa? Che continuino pure a farsi del male...che differenza con le civilissime (e rarissime) contestazioni a BXVI negli Usa!

University58 ha detto...

SAPIENZA, DIGOS: AGGRESSIONE E' PARTITA DA STUDENTI SINISTRA

Io aggiungo facciamo chiarezza su questi episodi ........... perchè fateci caso, sono aumentati, da quando a Roma è cambiato il Sindaco!
Strano vero?????????!