28 ottobre 2007

I 498 martiri spagnoli: la cerimonia di beatificazione e l'Angelus


Vedi anche:

Il "martirio" incruento è la la testimonianza silenziosa ed eroica di tanti cristiani che vivono il Vangelo senza compromessi

"Sorelle, fatevi un blog"

"GESU' DI NAZARET" DI JOSEPH RATZINGER-BENEDETTO XVI

Don Pezzi ordinato ieri Arcivescovo di Mosca. Alessio II: rilancio dell'ecumenismo.

Provvedimenti disciplinari su sacerdoti

Indiscrezioni: il cardinale Ruini lascerà il Vicariato di Roma a Pasqua?

Padre Pio: Tornielli risponde (per le rime!) a Melloni

IL PAPA: IL GRANDE BEETHOVEN RIECHEGGERA' NEL MIO INTIMO

L'arcivescovo di Barcellona ricorda che i martiri sono testimoni di fede, perdono e riconciliazione

Mons. Camino: i 498 martiri spagnoli saranno beatificati per la fede e non per l'appartenenza politica

I testi ufficiali degli editoriali di Vian e Di Cicco per l'Osservatore ed il commento di Angela Ambrogetti

Oggi vedremo quanto è nuovo il vecchio Osservatore Romano :-)

Di Cicco (vicedirettore Osservatore) spiega come il Pontificato di Benedetto XVI vada ripulito dalle distorsioni mediatiche

I 498 martiri risposta a Zapatero? Peccato che la beatificazione sia stata decisa da Papa Wojtyla ben prima dell'ascesa del premier spagnolo

La lettera del Papa al Prof.Vian, da oggi Direttore dell'Osservatore Romano

Benedetto XVI, il Papa che fa paura (vero Romano?)

SOLDI ALLA CHIESA VERITA' E BUGIE: LO SPECIALE DI AVVENIRE

Padre Pio: il commento di Alberto Melloni

Il carisma del Papa, le paure del Corriere ("Il Timone risponde a Sergio Romano)

Card. Biffi: quanto divertimento nel leggere le previsioni e le analisi sul Conclave degli "intelligenti" e dei "sapienti"

Repubblica contro la Chiesa: Dino Boffo (Avvenire) risponde ad Ezio Mauro (Repubblica)

Sergio Romano (Corriere) si chiede (anche lui!) come mai Papa Benedetto sia così popolare...

Continui confronti: Ratzinger batte Wojtyla! Un articolo oscillante fra i dati del ragioniere ed il solito razzismo italiota

Luzzatto (Ebraismo): le stigmate di Padre Pio sono false...chissà che cosa accadrebbe se un cattolico offendesse in questo modo un ebreo...

SPECIALE: IL MOTU PROPRIO "SUMMORUM PONTIFICUM"

CONSIGLIO DI LETTURA: IL SITO DI FRANCESCO


Alla cerimonia in San Pietro ha partecipato anche una delegazione del governo di Madrid

Il cardinale Saraiva ammonisce: "Non accontentiamoci di un cristianesimo vissuto timidamente"

Beatificati 498 martiri spagnoli
"Difendiamo la nostra identità"


I nuovi beati sono stati uccisi tra il 1934 e il '37. Il Papa: "Il loro numero dimostra che la suprema testimonianza del sangue non è un'eccezione riservata soltanto ad alcuni"

CITTA' DEL VATICANO - Circa 40.000 persone hanno seguito in piazza San Pietro la cerimonia per la beatificazione di 498 martiri spagnoli uccisi negli anni 1934, '36 e '37. A presiedere il rito il cardinale Josè Saraiva Martins, delegato dal Papa, che ha celebrato in spagnolo. In Piazza San Pietro anche una delegazione del governo guidata dal ministro degli Esteri Miguel Angel Moratinos accompagnato dall'ambasciatore di Madrid presso la Santa Sede, Francisco Vazquez e dal direttore generale degli Affari religiosi, Mercedes Rico.
Ancora, tra i presenti i rappresentati di alcuni governi autonomi della Spagna in base alla provenienza dei martiri, tra gli altri quello di Catalogna: 146 dei martiri infatti sono stati uccisi nell'arciodeci di Barcellona.
I martiri caduti durante la Guerra civile spagnola dal 1934 al 1937, ha detto il cardinale Saraiva, si sono "comportati da buoni cristiani e hanno offerto la loro vita gridando: viva Cristo re". Tra i martiri elevati oggi alla gloria degli altari ci sono persone che vanno dai 16 ai 78 anni; si tratta di preti, monache e religiose ma anche di laici. "Tutti - ha ricordato il Prefetto della Congregazione per le cause dei santi - sono chiamati alla santità, tutti senza eccezioni come ha dichiarato il Concilio Vaticano II".
Ma il cardinale ha anche fatto qualche riferimento all'attualità spiegando che "non possiamo accontentarci di un cristianesimo vissuto timidamente". Nel discorso, il cardinale ha citato più volte l'insegnamento di Benedetto XVI e in particolare ha ricordato che "essere cristiani coerenti impone di non inibirsi di fronte al dovere di dare il proprio contributo mal bene comune e di modellare la società sempre secondo giustizia, difendendo, in un dialogo forgiato dalla carità, le nostre convinzioni sulla dignità della persona, sulla vita, dal concepimento fino alla morte naturale, sulla famiglia fondata sull'unione matrimoniale unice e indissolubile tra un uomo e una donna e sul dovere primario dei genitori all'educazione dei figli".
I nuovi beati spagnoli sono stati ricordati successivamente anche dal Papa durante la celebrazione dell'Angelus: "I 498 martiri uccisi in Spagna negli anni '30 del secolo scorso sono uomini e donne diversi per età vocazione e condizione sociale, che hanno pagato con la vita la loro fedeltà a Cristo e alla sua Chiesa", ha detto Benedetto XVI.
"La contemporanea iscrizione nell'albo dei beati di un così gran numero di martiri - ha affermato ancora il Pontefice - dimostra che la suprema testimonianza del sangue non è un'eccezione riservata soltanto ad alcuni individui, ma un'eventualità realistica per l'intero Popolo cristiano".

Repubblica.it


MARTIRI SPAGNA: PAPA, "PAGARONO LORO FEDELTA' A CRISTO"

Elevati oggi all'onore degli altari, "i 498 martiri uccisi in Spagna negli anni '30 del secolo scorso sono uomini e donne diversi per eta', vocazione e condizione sociale, che hanno pagato con la vita la loro fedelta' a Cristo e alla sua Chiesa". Lo ha affermato Banedetto XVI prima della preghiera dell'Angelus, salutando la grande folla che ha partecipatto al rito della beatificazione: 40 mila pellegrini arrivati dalla Spagna, oltre alle consuete migliaia di romani che non mancano mai agli appuntamenti di piazza San Pietro. "Il mese di ottobre, dedicato in modo particolare all'impegno missionario - ha detto il Pontefice - si chiude cosi' con la luminosa testimonianza dei martiri spagnoli, che vanno ad aggiungersi ai martiri Albertina Berkenbrock, Emmanuel Gomez Gonzales e Adilio Daronch, e Franz Jaegerstaetter, proclamati beati nei giorni scorsi in Brasile e in Austria: il loro esempio sta a testimoniare che il Battesimo impegna i cristiani a partecipare con coraggio alla diffusione del Regno di Dio, cooperandovi se necessario col sacrificio della stessa vita". (AGI)

3 commenti:

Anonimo ha detto...

mi piace pensare che oggi, questi 498 martiri, insieme ai moltri altri uccisi per aver testimoniato la loro fede, siedono accanto al trono di Dio, nel più alto dei cieli.

Anonimo ha detto...

Un mio conoscente spagnolo, presente ieri in piazza San Pietro, è rimasto deluso perché non è stato il Papa a presiedere la cerimonia di beatificazione.
Si chiede se motivi di opportunità politica hanno spinto il Pontefice a limitarsi a commentare l'avvenimento solo durante l'Angelus.

Io mi limito a riferire senza prendere posizione

Raffaella ha detto...

No, nessuna opportunita' politica. Il Santo Padre non presiede mai le cerimonie di beatificazione, ma solo quelle di canonizzazione. E' stata una delle prime decisioni del suo Pontificato in quanto la santificazione impegna l'infallibilita' del Papa e offre il nuovo santo alla venerazione della Chiesa Universale. Il beato, invece, e' venerato nella Chiesa Particolare (nella diocesi). Di solito le beatificazioni avvengono nella diocesi di appartenenza del Servo di Dio mentre le canonizzazioni dei beati in Piazza San Pietro. Per i martiri spagnoli e' stata fatta un'eccezione e sono stati beatificati a Roma nonostante l'iniziale contrarieta' del Santo Padre.
Ciao