03 marzo 2008

IL PAPA ANALIZZERA' CON I SUOI EX ALLIEVI LA FIGURA DI LUTERO: RIVOLUZIONARO O RIFORMATORE?


Vedi anche:

I salesiani appartengono alla folta schiera di quei discepoli che Cristo ha consacrato a sé per mezzo del suo Spirito con uno speciale atto d'amore

Il Papa: "Nell’evangelizzazione e nella sfida dell’educazione rendete attuale il carisma di Don Bosco, consacrandovi senza riserve a Dio e ai giovani"

IN FUTURO FORSE IL PAPA A SAN GIOVANNI ROTONDO

Ai microfoni della Radio Vaticana, la testimonianza dell’arcivescovo di Kirkuk che ringrazia il Papa per la sua vicinanza al popolo iracheno

La VI Giornata europea degli universitari: incontro con il Papa

Padre Pio, tomba riaperta dopo 40 anni. Il vescovo: alcune parti ancora intatte (Accattoli e Tornielli)

"Chiesa reale e Chiesa di carta": Michele Serra risponde a Dino Boffo...

Il ginecologo Bovicelli: «Sulla Ru486 i medici dicano tutta la verità» (Avvenire)

Una nuova immagine del femminismo e delle femministe (Lucetta Scaraffia per l'Osservatore Romano)

LA TERZA ENCICLICA DI PAPA BENEDETTO: SERVIZIO DI SKYTG24

Preghiera per gli Ebrei: "Se questo Papa fa il Papa..." di Maria Giovanna Maglie

Il cuore di Benedetto XVI è vicino a chi soffre: il commento di Radio Vaticana all'Angelus

Al cieco guarito Gesù rivela che è venuto nel mondo per separare i ciechi guaribili da quelli che non si lasciano guarire, perchè presumono di essere sani... (Angelus, 2 marzo 2008)

«Occidente, dalle università rinasca la civiltà dell’amore». Il Papa incontra gli universitari...

Il cristianesimo costituisce un legame forte e profondo tra il cosiddetto vecchio continente e quello che è stato chiamato il "nuovo mondo"

Religione e laicità in Francia (Philippe Capelle per l'Osservatore Romano)

Il Papa ai giovani universitari: "Rinnovate con il vangelo la civilta’ occidentale"

La Chiesa non ha il diritto di cambiare ciò che Cristo stesso ha istituito (Osservatore Romano)

PAPA/ CON EX ALLIEVI ANALIZZA LUTERO: RIVOLUZIONARO O RIFORMATORE?
Seminario a porte chiuse l'estate prossima a Castel Gandolfo

Città del Vaticano, 2 mar. (Apcom)

Il Papa e i suoi ex allievi discuteranno di Martin Lutero e di protestantesimo nel corso di un seminario a porte chiuse che si svolgerà alla fine della prossima estate nella residenza di Castel Gandolfo.

La questione al centro delle discussioni, in sintesi, è se il monaco tedesco che nel Cinquecento spaccò in due la cristianità voleva creare una frattura - come sostiene quasi unanimemente la storiografia - o, invece, intendeva sì riformare, ma senza traumi, la storia millenaria della Chiesa.

I sacerdoti, i teologi, i filosofi che studiarono teologia con Ratzinger all'epoca in cui insegnava negli atenei tedeschi (c'è anche un cardinale, l'arcivescovo di Vienna Christoph Schoenborn) analizzeranno, a quanto si apprende, un argomento apparentemente specialistico ma dalle ampie ripercussioni culturali e religiose: la successione apostolica.

Gli apostoli, infatti, hanno trasmesso la loro autorità ai vescovi. Ma mentre per i cattolici e per gli ortodossi questo 'passaggio di consegne' è la garanzia che la Tradizione non vada persa, per la maggior parte dei protestanti la successione apostolica va intesa solo come successione della parola di Dio e non delle strutture ecclesiastiche, che rimangono teologicamente leggere e non si frappongono tra il credente e Dio.

Alcuni studi realizzati di recente in Germania e nel Nord Europa hanno iniziato a istillare un dubbio. Non sarà che questa distinzione era intesa da Lutero in modo meno rigido di quanto non sia sembrato nel corso dei secoli?

In Svezia, ad esempio, la Chiesa protestante riconosce la successione apostolica in un modo che è più vicino al mondo cattolico. La domanda è se anche Lutero (1483-1546) aveva idee 'più cattoliche' di quanto abbia stabilito la storiografia successiva. Un'eventualità che potrebbe non piacere a tutti i protestanti, ma che, per Benedetto XVI e i suoi studenti, potrebbe aiutare al dialogo con il mondo protestante.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Penso che la diffusione del protestantesimo sia largamente dovuta all'insofferenza degli staterelli tedeschi, baltici e dell'Inghilterra verso i re e imperatori Asburgo. Dal punto di vista politico-economico gli è andata bene e allora hanno cercato una giustificazione morale e religiosa per questo parricidio nei confronti della Chiesa e del suo braccio armato. Se i luterani hanno prodotto il film Lutero, il papa fa bene a indossare nuovamente i paramenti di Leone X (che dal punto di vista artistico ci capiva di più di Lutero). Cordialmente, Eufemia