30 novembre 2007

Enciclica "Spe salvi": il commento di Padre Lombardi per Radio Vaticana


Vedi anche:

IL TESTO DELL'ENCICLICA "SPE SALVI": CLICCA QUI

L'ENCICLICA "SPE SALVI": LO SPECIALE DEL BLOG

Enciclica "Spe salvi": lo speciale di Radio Vaticana

Enciclica "Spe salvi": lo speciale dell'agenzia Sir

ENCICLICA/ PAPA: FEDE E RAGIONE NON SONO IN CONTRADDIZIONE

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELL’ENCICLICA DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI "SPE SALVI"

ENCICLICA PAPA: TRA I TEMI DI ATTUALITA' EUTANASIA E RIFORMA CHIESA

Enciclica, il Papa: "l'uomo non è solo prodotto di condizioni economiche"

ENCICLICA PAPA: IL FUTURO DELL'UOMO PASSA PER LA 'SPERANZA MOTIVATA'

Enciclica "Spe salvi": il commento di Corriere.it

ENCICLICA "SPE SALVI": PRIME NOTE DI AGENZIA

IL PAPA HA FIRMATO L'ENCICLICA "SPE SALVI"

Il miracolo del "Papa-bond" già salvate un milione di vite

Nella "Spe salvi" Paolo, Agostino, Bakhita...

La «Spe salvi» si propone di ridare un senso all'umanità disorientata (Eco di Bergamo)

Baget Bozzo risponde a Barbara Spinelli: la Chiesa salvata dai semplici

PRESENTAZIONE ENCICLICA SPE SALVI: LA CONFERENZA STAMPA IN DIRETTA SU SAT2000 E TELEPACE

Il Papa regala speranza: “Il cielo non è vuoto” (Tosatti per "La Stampa")

Il Papa invita in Vaticano gli islamici (La Rocca per Repubblica)

Osservatore Romano: la lettera dei 138 musulmani al Papa è un fatto inedito

Bartolomeo I: "Tenere lo sguardo fisso su Cristo" è il metodo del dialogo ecumenico

LA RISPOSTA DEL PAPA ALLA LETTERA DELLE 138 GUIDE RELIGIOSE MUSULMANE

Domani esce l'enciclica "Spe Salvi": lo splendido commento del Priore di Bose, Enzo Bianchi, per Radio Vaticana

Le nuove scoperte genetiche danno ragione ai medici cattolici (Zenit)

BENEDETTO XVI: AI 138 LEADER MUSULMANI, “DIALOGO FONDATO SU RISPETTO E CONOSCENZA RECIPROCA” (Sir)

"L'Osservatore Romano" messo a nuovo. Tutti i cambiamenti (di Sandro Magister)

Il commento di padre Lombardi all'Enciclica del Papa

Sulla nuova Enciclica di Benedetto XVI ecco il commento del nostro direttore, padre Federico Lombardi:

Di fronte alla fatica e all’oscurità del presente, per camminare fiduciosi verso una meta abbiamo bisogno di una speranza affidabile e “sostanziosa”, cioè non fatta solo di parole vuote o atteggiamenti puramente soggettivi: una speranza che cambi davvero la nostra vita. Questa è la speranza donata a chi crede nel Dio che è amore. La speranza che mira ad immergerci alla fine nel suo amore infinito, abbracciarlo ed esserne abbracciati, non come singoli, ma insieme, in un incontro che ristabilisca giustizia, vita e salvezza, oltre tutte le ingiustizie e le assurdità della storia di questo mondo.
Dedicando la sua seconda Enciclica alla speranza, Benedetto XVI ha colto con acutezza uno dei problemi più urgenti e drammatici del nostro tempo, ma non si attarda in una facile descrizione della disperazione diffusa nel mondo, piuttosto affronta con umiltà e coraggio una lunga serie di domande difficili – a cui non sfugge, e che anzi va a cercare – per mettere direttamente a confronto gli interrogativi e i dubbi dell’uomo contemporaneo con le risposte della fede. La speranza cristiana non è un atteggiamento vuoto, puramente soggettivo? Che senso ha parlare di “vita eterna”? Non sono parole che evocano solo una noia infinita e che chiudono il cristiano in un deprecabile individualismo? Che lo alienano dall’impegno nel mondo e dalla responsabilità di lottare per trasformarlo fin d’ora con la forza della ragione e della scienza in un regno di maggiore giustizia e libertà?

Il Papa rovescia questi interrogativi indicando la vera natura della speranza cristiana e presentandola incarnata nella vita concreta di figure luminose di martiri e testimoni delle diverse epoche dalla Chiesa fino ad oggi. Non solo, ma il Papa è convinto che il rifiuto della fede e della speranza cristiana – in fondo il rifiuto di Dio – porti alla fine l’uomo a perdere se stesso. Per dirla con le parole impressionanti di Kant, “il regno dell’uomo solo” si risolve nella “fine perversa di tutte le cose”. Ma lo spirito del ragionamento di Benedetto XVI non porta affatto ad una critica meramente negativa, anzi, si pone ancora una volta in una prospettiva di dialogo, di aiuto reciproco fra ragione e fede. In un passaggio centrale, egli afferma che “è necessaria un’autocritica dell’età moderna in dialogo con il cristianesimo e con la sua concezione della speranza. In un tale dialogo anche i cristiani devono imparare nuovamente in che cosa consista veramente la loro speranza, che cosa abbiano da offrire al mondo e che cosa invece non possano offrire. Bisogna che nell’autocritica della società moderna confluisca anche un’autocritica del cristianesimo moderno, che deve sempre di nuovo imparare a comprendere se stesso a partire dalle proprie radici”.

Abbiamo tanto apprezzato i “mea culpa” risonati spesso nei discorsi dei Papi precedenti; qui abbiamo probabilmente un “mea culpa” caratteristico di questo pontificato, in cui la dimensione pastorale e quella culturale si uniscono così profondamente. Ma perché i cristiani imparino nuovamente che cosa hanno da offrire al mondo devono – come Benedetto XVI ha già detto nella prima enciclica – ripartire da Dio; non un Dio qualsiasi, ma il Dio che ci è venuto incontro e in Cristo si è rivelato come Amore. La fiducia in questo Amore – continua il Papa – alimenta una preghiera di desiderio che allarga il cuore; sostiene una speranza impegnata e operosa, che sa e vuole cambiare il mondo proprio perché mira aldilà di esso; trova la forza di portare le sofferenze e scoprirne il senso, anche quando sono ingiuste.

Infine, permette di affrontare la grande sfida ultima della fede e della speranza, cioè il problema terribile del male nel mondo, vera radice dell’ateismo moderno. E qui, senza compromessi e timidezze, il discorso del Papa giunge fino alle “cose ultime”, alle questioni del “dopo” questa vita, al purgatorio, all’inferno, al Giudizio; un Giudizio con la G maiuscola, visto ancora una volta non solo per l’individuo, ma per tutti. Un Giudizio che richiama con forza alla responsabilità, ma che ristabilisce in modo pieno e definitivo la giustizia e la immerge nella prospettiva dell’Amore. Un Giudizio a cui guardare dunque non con terrore, ma con speranza.

Certo, nonostante la finezza spirituale e la ricchezza culturale per intercettare gli interrogativi e le attese profonde dell’uomo d’oggi, non si può negare che si tratti di un discorso sconcertante per una mentalità abitualmente chiusa nell’orizzonte terreno, qual è quella di gran parte dei nostri contemporanei. Ma proprio questo è quanto di più importante i cristiani hanno da offrire loro, e diciamo pure anche di più bello. Siamo perciò grati a Benedetto XVI di averci riportato ancora una volta, con forza e dolcezza, con rigore e intensità spirituale, alle questioni decisive della proposta cristiana per l’uomo e per il mondo: quelle che spesso rischiamo di dimenticare, mentre sono quelle da cui dipende il nostro stesso modo di vivere e di camminare nel mondo.

© Copyright Radio Vaticana

1 commento:

giovanni ha detto...

Leggo i blog, a volte, di vari siti ma i commenti... spesso sono inutili o poca cosa davanti a prole come quelle di un Pontefice come Benedetto XVI e a quanto scritto da Padre Lombardi.
Cosa aggiungere, se non ricordare, piuttosto, quanto siamo piccoli e miseri noi uomini. E ben venuto sia questo Santo Padre che ha avuto l'intelligenza e il coraggio (perchè ci vuole anche coraggio oggi) a ricordarci che esiste il Giudizio di Dio.
Grazie Benedetto XVI.
Giovanni