7 luglio 2008

Cosa ci fa Benedetto XVI in Tv? Fa il suo mestiere (Liberace)


Vedi anche:

Mons. Ravasi: "Paolo, quante lettere!"

La preghiera del Papa agli otto Grandi: “Pensino ai poveri” (Rossi)

GMG: Frosinone si sintonizza con Sydney (Pietropaoli)

E la curia di Milano pensa solo a lisciare il pelo ai musulmani (Granzotto). Linguaggio politico? (Lomartire)

Maroni: "La curia di Milano? Solo insulti, pensi ai cittadini". Intervista a Mons. Bottoni

Mentre quasi tutti i giornali aprono con l'appello del Papa al G8, il Corriere insiste sulla polemica politica fra Maroni e la curia ambrosiana

La voce del Papa per i grandi del G8: «Pensate ai poveri»

Rémi Brague: Gesù mostra il volto di Dio. "E voi chi dite che io sia?" La domanda ai discepoli il primo sondaggio d'opinione

Card. Pell: "Mi aspetto le scuse del Papa per i preti pedofili". Io mi auguro che questa notizia sia stata riportata male...

La curia milanese: «Chiudere la moschea è da fascisti». La Chiesa ambrosiana commette grave ingerenza politica ed il Corriere? Applaude!

Novena per il nostro amico Germano

Il Papa scherza con i fedeli: "Avete osservato il nuovo tetto?"

Il Papa: "Soffiando nella vela della Chiesa, lo Spirito divino la spinge a "prendere il largo" sempre di nuovo, di generazione in generazione..." (Parole del Papa alla recita dell'Angelus)

Solo Lourdes può redimere i Lefebvriani (Rodari)

La rimozione del Crocifisso è un problema della Chiesa in tutta Europa. Perchè cardinali e vescovi non hanno ripreso l'allarme del card. Ratzinger?

Il 5 ottobre su Rai1

Cosa ci fa Benedetto XVI in Tv? Fa il suo mestiere

di Paola Liberace

Sfidando l’adagio che lo vuole riflessivo e riservato di fronte alle telecamere, in contrapposizione a un Woytila estroverso e perfettamente a suo agio davanti all’obiettivo, il professor Ratzinger comparirà sul primo canale RAI, il 5 ottobre prossimo, nel tardo pomeriggio, di fronte a una platea tutt’altro che ristretta, per aprire la lettura integrale della Bibbia trasmessa dalla televisione pubblica.
L’intervento papale inaugurerà un ciclo che vedrà alternarsi, per sette giorni e sei notti, di fronte al leggìo di Santa Croce in Gerusalemme – e agli schermi di Rai Educational - più di milleduecento lettori, dalle fisionomie più svariate: non solo religiosi, ma laici; non solo volti noti, ma persone comuni di ogni estrazione. Per l’esordio, Ratzinger sarà affiancato dal rabbino capo di Roma Riccardo Di Segni, che leggerà in ebraico il medesimo primo libro della Genesi; a chiudere sarà poi sabato 11, con il XXII capitolo dell'Apocalisse, il cardinal Bertone.
Chi aveva definito Benedetto XVI un papa “antimediatico” - non solo e non tanto per le riserve espresse sui mezzi di comunicazione di massa, ma soprattutto in confronto alla telegenicità del suo predecessore Giovanni Paolo II - resterà forse deluso, o almeno stupito. E’ vero che, con la scelta di accettare la proposta della RAI, Ratzinger conferma la diversità del suo carisma da quello del suo grande predecessore: a ben vedere, una iniziativa del genere sarebbe forse stata più stretta a Woytila di quanto non lo sia per l’attuale pontefice. Eppure, tra la strategia comunicativa finora perseguita da Ratzinger e la scelta di declamare la Bibbia sul piccolo schermo non c’è alcuna contraddizione: tra le pubblicazioni, cui il pontefice ha sinora affidato di preferenza il suo pensiero - che spaziano dalle encicliche al “Gesù di Nazareth” -, e questa comparsa sul palcoscenico televisivo c’è meno distanza di quanta si potrebbe pensare.
Di certo, la partecipazione di Ratzinger sarà ben altra cosa rispetto ad altre recenti declamazioni televisive di testi celebri, come le esibizioni di Benigni o di Fo: si tratterà di una semplice lettura, senza alcun commento, senza alcuna velleità attoriale né superfetazioni interpretative, che tradirebbero – più ancora che lo spirito - la materia stessa dell’evento. Qui non sono previsti fraintendimenti, o deviazioni: facili a sperimentarsi per chiunque, provenendo dall’esterno, si accosti alla TV, col risultato di venirne assorbito, dimenticando il suo mestiere e mescolandosi alla grande corrente ormai incolore dell’”intrattenimento”. Qui non è in gioco nient’altro che l’essenza del messaggio sacro, nella sua forma più semplice e diretta, quella della parola rivelata, restituita come tale a chi vuole accoglierne l’annuncio.
Un modo nuovo per fare apostolato, da parte del Papa, e insieme un nuovo modo per ribadire quale sia la propria interpretazione del suo “mestiere”: non certo per allontanarsene, o per confonderlo con il mestiere altrui.

© Copyright L'Occidentale, 7 luglio 2008

1 commento:

Cindy ha detto...

Sarà anche vero che Benedetto non avrà mai quella sovraespozione mediataica di GPII ma quando si è trattato di mettersi davanti a una telecamera o a una macchina fotografica non ha mai detto di no! e questa apparizione TV in autunno lo conferma, basta che poi qualche commentatore non continui a fare paragoni insopporatabili...