5 ottobre 2008

APERTURA DEL SINODO DEI VESCOVI: DIRETTA IN CORSO

Diretta televisiva su Raiuno, Telepace e Sat2000.
Diretta web sul sito di Sat2000 a questo indirizzo oppure sul sito del Vaticano a questo link.
Per accedere direttamente clicca qui o vai sul sito di Radio Vaticana.

CONSIGLI PER SEGUIRE LE DIRETTE CON IL SANTO PADRE

1 commento:

gippo pippo ha detto...

L’imminente Sinodo dei Vescovi, anche sugli arricchenti stimoli apportati dalla lettura femminile e femminista ad una più profonda comprensione delle Sacre Scritture, oppure il tema “fastidioso” sarà accantonato, perché mette in discussione l’impianto maschilista della Chiesa cattolica romana? E, ancora, l’Assemblea avrà consapevolezza che, anche oggi, le normative del magistero papale, che verbalmente si richiamano alla Bibbia, rischiano talora di darne una interpretazione indebita ed errata, proprio come accadde quando Galileo fu condannato perché in contrasto con l’apparente ovvietà del geocentrismo biblico sosteneva l’eliocentrismo?
Sono, questi, alcuni degli interrogativi che emergono dal contributo che la Comunità cristiana di base di San Paolo in Roma ha elaborato in vista dell’Assemblea sinodale che, presenti circa 250 padri provenienti da tutto il mondo, dal 6 al 26 ottobre in Vaticano rifletterà sulla Parola di Dio nella vita e nella missione della Chiesa.
Secondo il documento, “fu un grande dono di Dio alle Chiese che, nel secolo XVI, Martin Lutero, Giovanni Calvino e gli altri Riformatori denunciassero i guasti enormi che gravavano sulle Chiese a causa della loro dimenticanza della Parola di Dio, sostituita dal ricorso alle tradizioni umane, alla filosofia, alla letteratura, e perfino alla fantasia. Ma purtroppo la Controriforma tridentina portò, di fatto, a togliere dalle mani dei cattolici la Bibbia, con le pessime conseguenze derivanti da questa amputazione. Grazie a Dio, il rinnovamento biblico del Novecento, e soprattutto il Concilio Vaticano II, hanno rimesso in mano ai cattolici le Sacre Scritture: molto è stato fatto, ma moltissimo ci sembra resta ancora da fare perché tale ‘riscoperta’ porti, anche attraverso il dialogo ecumenico, i suoi frutti”.
E, insieme ai frutti, anche “una spina nella carne” (2Cor 17,7) delle istituzioni: “Ogni Chiesa conclude il testo si fonda sulla Parola e sulla Cena del Signore; ma, per molti aspetti, la grande nemica delle Chiese istituzionali non è il mondo, non sono i non cristiani, non sono gli atei o gli agnostici, non è la secolarizzazione, ma è proprio la Parola, perché essa le mette in crisi, le contesta, relativizza le istituzioni da esse create, le pungola continuamente a convertirsi ed a decidere di perdere la loro vita per amore di Gesù e degli umiliati ed umiliate del mondo”.