18 aprile 2008

Secondo giorno del papa negli USA. Benedetto XVI detta ai vescovi le linee guida (Magister)


Vedi anche:

Il Papa: "Il più importante obiettivo del dialogo interreligioso richiede una chiara esposizione delle nostre rispettive dottrine religiose" (Discorso pronunciato in occasione dell'incontro con i rappresentanti di altre religioni)

IL PAPA RICEVE E PREGA CON UN GRUPPO DI VITTIME DI PRETI PEDOFILI

Il Papa al mondo universitario: "La libertà non è facoltà di disimpegno da; è facoltà di impegno per - una partecipazione all'Essere stesso" (Discorso al mondo universitario cattolico alla Catholic University of America)

Giovanni Maria Vian: il Papa e gli Usa, "Sotto il segno dell'amicizia" (Osservatore Romano)

E Ratzinger scrive ai soldati americani che lo arrestarono

Il Pontefice ammette per la prima volta: «La crisi dei preti pedofili gestita in modo pessimo» (Accattoli) Il caso: Bush è cattolico?

Il Papa si alza e va personalmente a salutare il grande tenore Placido Domingo

Il politologo e teologo americano Michael Novak: “Il Papa e Bush scioglieranno insieme il nodo mediorientale” (Molinari)

Il Papa: "Nessuna mia parola potrebbe descrivere il dolore ed il danno recati dall’abuso sessuale di minorenni. Proteggere i bambini!" (Omelia della Santa Messa presso il Nationals Stadium di Washington, 17 aprile 2008)

STADIO DI WASHINGTON STRACOLMO PER LA MESSA DI BENEDETTO XVI. FOLLA ANCHE ALL'ESTERNO

Fa notizia negli Usa la passione del Papa per l'aranciata. Per il suo compleanno due torte :-)

Ricchezza e scienza. Il richiamo del Papa: «Potere illusorio». «Preti e pedofilia, questione gestita in pessimo modo» (Bobbio)

"La risposta agli abusi dei preti pedofili gestita in pessimo modo": mai un Papa ha fatto un’autocritica così pesante a nome della Chiesa (Tornielli)

DISCORSI ED OMELIE DEL SANTO PADRE NEGLI USA

VIAGGIO APOSTOLICO DEL PAPA NEGLI USA (15-21 APRILE 2008): LO SPECIALE DEL BLOG

Secondo giorno del papa negli USA. Benedetto XVI detta ai vescovi le linee guida

Il testo integrale del suo discorso ai vescovi degli Stati Uniti, e attraverso di essi a quelli di tutto il mondo. Con la trascrizione del successivo botta e risposta

di Sandro Magister

ROMA, 18 aprile 2008 – Nel secondo giorno del viaggio americano di Benedetto XVI, l'attenzione pubblica ha raggiunto il suo picco con l'incontro tra il papa e il presidente George W. Bush alla Casa Bianca.
Ma per la Chiesa cattolica degli Stati Uniti il vero momento forte è stato la sera, nella cripta del santuario dell'Immacolata Concezione di Washington.

Lì, dopo il canto del vespero, Benedetto XVI ha rivolto un monumentale discorso agli oltre quattrocento cardinali e vescovi delle 194 diocesi dell'Unione.

Ma non soltanto a loro. Attraverso di essi il papa ha voluto parlare ai pastori dell'intera Chiesa cattolica. E l'ha rimarcato fin dalle prime battute:

"La comunità cattolica che servite è una delle più vaste del mondo ed una delle più influenti. Quanto importante è dunque far sì che la vostra luce brilli di fronte ai vostri concittadini e al mondo 'perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al vostro Padre che è nei cieli' (Matteo 5, 16)".

Nel suo discorso, il successore di Pietro ha detto a ciascun vescovo come essere "buon pastore" sul modello di Gesù. Ma gli ha detto anche che cosa fare – ed eventualmente come correggersi – di fronte alle maggiori sfide dell'era presente.

Tra i numerosi punti critici passati in rassegna dal papa non è mancato quello degli abusi sessuali su minori, compiuti da preti. Una "vergogna" – ha detto – "talvolta gestita in pessimo modo", che esige una rigorosa "purificazione" e soprattutto una grande opera di compassione a sostegno delle vittime e di preventiva difesa dei piccoli innocenti.

Al termine del discorso – autentica "magna carta" della guida pastorale della ChiesaBenedetto XVI ha inoltre risposto a tre domande di altrettanti vescovi, con il metodo del botta e risposta da lui già adottato più volte con sacerdoti, giovani e bambini: un metodo che egli particolarmente predilige perché gli consente di sviluppare con più libertà i temi che gli stanno a cuore.

Nell'ultima delle tre risposte, ad esempio, non ha esitato a denunciare "la quasi completa eclissi nelle nostre società tradizionalmente cristiane" di una speranza oltre questa vita. Una eclissi alla quale egli ha voluto reagire con l'enciclica "Spe salvi".

Ecco dunque i testi integrali del discorso del papa ai vescovi, col successivo botta e risposta:

Il Papa ai vescovi Usa: "Fra i segni contrari al Vangelo della vita ve n’è uno che causa profonda vergogna: l’abuso sessuale dei minori" (Discorso del Santo Padre ai vescovi degli Stati Uniti nel corso della Celebrazione dei Vespri nel National Shrine of the Immaculate Conception di Washington, 16 aprile 2008)

Il Papa risponde alle domande dei vescovi americani su secolarismo, abbandono della pratica religiosa e declino delle vocazioni... (Le franche, schiette e sincere risposte del Papa ai vescovi americani, 16 aprile 2008)

© Copyright www.chiesa consultabile qui.

3 commenti:

Carla ha detto...

Buon giorno, praticamente da due giorni ogni momento libero lo passo sul blog a leggere i numerosi discorsi(e non siamo neanche a metà del viaggio!) di Papa Benedetto in USA. Sono letteralmente "presa" dalle sue parole , dai concetti profondi, mai banali. Ho trovato particolarmente coinvolgenti il discorso ai Vescovi e quello all'Università Cattolica. Carla

Anonimo ha detto...

Ciao Raffaella, ti scrivo velocemente per segnalarti che sul Washington Post c'è scritto che il Papa ha incontrato alcune vittime degli abusi. ecco l'indirizzo http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/content/article/2008/04/17/AR2008041701058.html?hpid=topnews.
Ch

Raffaella ha detto...

Grazie :-)