18 aprile 2008

Le testimonianze delle vittime che hanno incontrato il Papa: "Benedetto è stato straordinario", "Le scuse del Papa mi hanno commosso"...


Vedi anche:

Al centro dei colloqui tra Benedetto XVI e il presidente Bush: "Diritti umani famiglia libertà religiosa" (Osservatore)

Consegnati a Benedetto XVI i nomi di mille persone molestate. Il Papa spiega il significato di "dialogo interreligioso" (Tornielli)

Preti pedofili: il Papa incontra le vittime. Dal Pontefice parole di incoraggiamento e speranza (Bobbio)

Ratzinger l'Occidente e la storia (Baget Bozzo)

Il Papa con le vittime dei preti pedofili Usa, qualcuno piange tra le sue braccia

Secondo giorno del papa negli USA. Benedetto XVI detta ai vescovi le linee guida (Magister)

Il Papa: "Il più importante obiettivo del dialogo interreligioso richiede una chiara esposizione delle nostre rispettive dottrine religiose" (Discorso pronunciato in occasione dell'incontro con i rappresentanti di altre religioni)

IL PAPA RICEVE E PREGA CON UN GRUPPO DI VITTIME DI PRETI PEDOFILI

Il Papa al mondo universitario: "La libertà non è facoltà di disimpegno da; è facoltà di impegno per - una partecipazione all'Essere stesso" (Discorso al mondo universitario cattolico alla Catholic University of America)

Giovanni Maria Vian: il Papa e gli Usa, "Sotto il segno dell'amicizia" (Osservatore Romano)

E Ratzinger scrive ai soldati americani che lo arrestarono

Il Pontefice ammette per la prima volta: «La crisi dei preti pedofili gestita in modo pessimo» (Accattoli) Il caso: Bush è cattolico?

Il Papa si alza e va personalmente a salutare il grande tenore Placido Domingo

Il politologo e teologo americano Michael Novak: “Il Papa e Bush scioglieranno insieme il nodo mediorientale” (Molinari)

Il Papa: "Nessuna mia parola potrebbe descrivere il dolore ed il danno recati dall’abuso sessuale di minorenni. Proteggere i bambini!" (Omelia della Santa Messa presso il Nationals Stadium di Washington, 17 aprile 2008)

STADIO DI WASHINGTON STRACOLMO PER LA MESSA DI BENEDETTO XVI. FOLLA ANCHE ALL'ESTERNO

Fa notizia negli Usa la passione del Papa per l'aranciata. Per il suo compleanno due torte :-)

Ricchezza e scienza. Il richiamo del Papa: «Potere illusorio». «Preti e pedofilia, questione gestita in pessimo modo» (Bobbio)

"La risposta agli abusi dei preti pedofili gestita in pessimo modo": mai un Papa ha fatto un’autocritica così pesante a nome della Chiesa (Tornielli)

DISCORSI ED OMELIE DEL SANTO PADRE NEGLI USA

VIAGGIO APOSTOLICO DEL PAPA NEGLI USA (15-21 APRILE 2008): LO SPECIALE DEL BLOG

Leggiamo queste toccanti testimonianze.
Notiamo l'atteggiamento precedente l'incontro con il Papa e le parole piene di speranza e di ammirazione seguite al colloquio con Benedetto XVI.
L'incontro e' stato organizzato in segreto dal cardinale Sean O'Malley che si e' accordato direttamente con il Santo Padre dopo che un primo incontro con le vittime a Roma sfumo' per "resistenze di ambienti ecclesiastici"
.
R.

USA - Il Papa incontra le vittime degli abusi sessuali

E' stata la prima volta che un gruppo di vittime dello scandalo scoppiato a Boston nel 2002 e dilagato a macchia d’olio tra le diocesi d’America ha avuto l’opportunità di incontrare il Pontefice

WASHINGTON – Boston, la città epicentro dello scandalo della pedofilia che ha travolto in questi anni la Chiesa americana, era rimasta tagliata fuori dal viaggio americano di Benedetto XVI.
Il suo arcivescovo, il cardinale Sean O'Malley, non si è però dato per vinto: prima ha tentato di portare un gruppetto di vittime di abusi sessuali in Vaticano, poi ha messo a segno un blitz programmato in segreto per settimane, organizzando a Washington l’incontro che era sfumato a Boston e a Roma.
Un gesto di fronte al quale la principale organizzazione che riunisce coloro che sono rimasti vittime degli abusi si è detta «grata» dall’incontro, ma anche convinta che serva «più delle parole» per sanare la ferita.

Due dei cinque protagonisti dell’incontro vi si sono recati con una punta di scetticismo. Bernie McDaid e Olan Horne, prima di recarsi dal Papa, hanno rilasciato un’intervista alla National Public Radio nella quale hanno sottolineato di «non sapere cosa aspettarsi».

«Non gli bacerò l’anello – ha detto Horne – e se andremò là e ci verrà servito un bel piatto di belle parole, posso garantire che sarò la prima persona a dire che quest’uomo manca dell’autorità morale per gestire la Chiesa cattolica. Mi aspetto qualcosa più delle scuse quando lascio la stanza».

Per ore dopo l’incontro i protagonisti non hanno rilasciato dichiarazioni, ma il Vaticano ha descritto la scena come carica di commozione.

O'Malley, il protagonista della vicenda, è il successore del cardinale Bernard Law, che fu praticamente rimosso da Boston da Papa Giovanni Paolo II e vive ora a Roma, anche ha continuato a mantenere la carica e gli onori da cardinale.

«Ero pronto. Aspettavo questo momento da sette anni», ha detto McDaid aggiungendo che il Papa lo ha ringraziato.

Faith Johnston, ancora una ragazza, ha scelto la Cnn per raccontare la sua emozonante esperienza: «Le lacrime hanno parlato per me», ha detto la giovane donna che è andata al colloquio nella Nunziatura di Washington con il mano il rosario dono della madre e a cui il pontefice ha fatto gli auguri per l'imminente matrimonio..

Horne, che ha consegnato al Papa le foto, ha detto che come prima cosa Benedetto XVI «si è scusato», ed è stato «straordinario».

Al papa è stato consgenato anche un libriccino con i nomi di un migliaio di vittime perchè Benedetto «possa pregare per loro».

«Ora ho di nuovo speranza», ha detto Horne: «Abbiamo ricevuto una promessa sincera dal Papa. Questo primo passo è un inizio. Capiva le cose di cui parlavamo».

McDaid ha detto che il Papa gli ha stretto la mano:
«Gli ho detto che ero un chierichetto quando è successo. Che quel che è successo non è stato solo un abuso sessuale ma una violenza spirituale». L’uomo ha riferito anche di aver detto al papa che «c'è un cancro che cresce nella sua chiesa, che deve fare qualcosa» e ha aggiunto che, a suo avviso, Benedetto XVI ha recepito il messaggio: «Le sue scuse mi hanno commosso».


Horne ha detto che il Papa si è impegnato con lui a far di più e, tra le misure possibili, ha parlato di rendere i vescovi responsabili per gli abusi commessi nelle diocesi di loro competenza. «Sono uscito ottimista, pieno di speranza».

È stato l’energico arcivescovo francescano, noto per girare sempre in saio, ad essersi accollato il compito di rimettere in piedi la diocesi segnata dalla crisi.
O'Malley lo scorso anno aveva chiesto ufficialmente al Papa di recarsi anche a Boston. Quando l’ipotesi è sfumata, secondo quanto hanno riferito fonti della Chiesa cattolica americana, il cardinale ha provato a portare a Roma un gruppetto di vittime di abusi, per farle incontrare con il Papa prima che partisse per gli Usa.

Un progetto che avrebbe incontrato resistenze in ambienti ecclesiastici. L’arcivescovo si sarebbe quindi rivolto direttamente a Benedetto XVI, ottenendo il via libera per organizzare l’incontro a Washington.

Oltre a portare la piccola delegazione nella Nunziatura nella capitale, il cardinale ha anche consegnato al Papa un elenco con un migliaio di nomi di vittime.


Abusi sessuali, l’abbraccio di Benedetto XVI alle vittime

Roma, 18 apr (Velino) - L’abbraccio di Benedetto XVI alle vittime degli abusi sessuali da parte di esponenti del clero si è concretizzato ieri pomeriggio (le 22.15 ora italiana), quando nella nunziatura a Washington ha ricevuto cinque di loro, accompagnate dal cardinale di Boston Sean O’Malley. Già tre volte - in conferenza stampa sull’aereo, con i vescovi e alla Messa al Nationals Stadium - il Papa era tornato sulla vicenda che negli ultimi anni ha scosso la Chiesa degli Stati Uniti, e che sta diventando il leit motiv del viaggio apostolico. L’insistenza di Bendetto XVI dice di quanto la ferita sia ancora aperta, e di quanto importante sia che il Papa si pronunci in modo chiaro, per poter davvero ripartire.
Gli americani aspettavano il conforto del successore di Pietro, il quale ha risposto con decisione e calore insieme. Lo dimostra l’incontro di ieri, in cui il Papa “ha pregato insieme” alle vittime e “ha ascoltato i loro racconti personali e detto loro parole di incoraggiamento e di speranza - informa una nota della Sala stampa vaticana -.
Il Papa li ha assicurati della sua preghiera per le loro intenzioni, per le loro famiglie e per tutte le vittime di abuso sessuale”.

E se qualcuno era arrivato all’incontro perplesso, si è dovuto poi ricredere: “Ora ho di nuovo speranza”, ha detto alla Cnn Olan Horne, che alla mattina aveva rilasciato dichiarazioni piuttosto scettiche. Horne ha anche consegnato alcune foto-testimonianza al Papa, che le ha accettate: “Nessuno ci ha detto quel che dovevamo dire - ha raccontato -, abbiamo potuto parlare liberamente”. Il papa “si è scusato”, è stato “straordinario”, ma soprattutto “capiva le cose di cui parlavamo”. Una comprensione testimoniata anche dagli altri presenti, così come la speranza con cui sono usciti dall’incontro.

5 commenti:

euge ha detto...

Forse qualcuno di La7 che stamattina ha liquidato come inutile il viaggio di Benedetto XVI che ha parlato in America del diritto alla vita e della vergogna dei preti pedofili, dovrebbe leggere attentamente queste dichiarazioni. Rimango sbalordita ancora una volta, dell'acredine che si manifesta ogni volta che questo Papa, cerca con la sua dolcezza e fermezza di affrontare e condannare certe parti oscure della storia della chiesa, che forse in passato per eccesso di fiducia e magnanimità, non hanno avuto la soluzione che meritavano.
Non oso pensare a quello che ci toccherà sopportare dopo il discorso all'Onu di oggi; già mi immagino quanti si sentiranno non di esprimere opinioni che ovviamente e giustamente possono essere diverse ma, da quell'atteggiamento che sappiamo proprio di certe persone che pontificano e giudicano senza avere l'umiltà di comprendere fino in fondo, il significato dei discorsi del Santo Padre.
La mia non è polemica ma, solo una dolora constatazione.
Grazie.

Carla ha detto...

Cara Eugenia, evidentemente ancora non hanno capito quale profonda voragine si è aperta tra loro e la società civile, italiana e non. Qualcuno si offre volontario per spiegarglielo? Viaggio inutile quello di Papa Benedetto? , ma chi ha detto questa sciocchezza si è per caso fatto un giro sui siti dei maggiori giornali USA, a cominciare da quelli "liberal", non certo sospettabili di simpatie cattoliche? Carla

Raffaella ha detto...

Ecco perche' qualcuno perde le elezioni... :-))

gemma ha detto...

inutile alla causa antiamericana e anticlericale, forse si, e certi politologi italiani non possono far altro che storcere il naso. O la chiesa "evolve" in senso protestante e diventa filopalestinese (eccetto per la "preghiera del venerdi" rivolta ai giudei) o filocomunista (tranne quando si tratta di difendere la cuasa tibetana) o per loro è inutile
Sono gli stessi che faticano a capire come mai chi non frequenta i loro salotti, televisivi e non, non condivide il loro pensiero. Gli consiglierei di uscire dal salotto del loft e di tornare a frequentare il vecchio bar adiacente al bilocale condominiale di periferia. Possono tornare utili anche quattro chiacchiere nei cortili o alla fermata del bus o in fila al Cup

euge ha detto...

Cara Carla, spiegare cose evidenti a certa gente, penso sia inutile non capirebbero soltanto perchè non fa comodo, alla loro ideologia capire certe cose. Evidentemente i giri di cui tu parli è chiaro che non si sono sprecati neanche a farli o facendoli, hanno trovato tuttaltro da quello che speravano di trovare.
Il solo fatto che le vittime stesse dopo l'incontro abbiano definito straordinario Benedetto, evidentemente, non fanno altro che provocare travasi di bile a tutti coloro che la pensano come il tizio di stamattina a La7.