9 ottobre 2008

Il Nobel negato al fisico Cabibbo: banalità o ragione inconfessabile? Una "conventio ad excludendum" anti-Cattolici? (Rondoni)


Vedi anche:

Massimo Franco: Tensione strisciante tra governo e Vaticano

Antonello Venditti: il Papa? Fa omelie perfette (Il Giornale)

«In India i nuovi martiri» Il Sinodo contro le violenze (Accattoli)

Sinodo: Mentre a Roma si discute, il Québec è già stato espugnato (Magister)

CATECHESI DEL SANTO PADRE: AUDIO INTEGRALE DI RADIO VATICANA

Mieli: «Sfatiamo la leggenda nera su Pio XII» (Sacchi)

Quei pregiudizi infondati contro Pio XII (Garibaldi)

Oggi la Cappella Papale nel 50° anniversario della morte di Pio XII: il Libretto Liturgico

Nuove tematiche emergenti nel Sinodo dei vescovi: "La Parola di Dio contro il proselitismo delle sette" (Osservatore Romano)

Intervista a Paolo Mieli, storico e direttore del «Corriere della Sera»: La storia renderà giustizia a Pio XII (Osservatore Romano)

Giovanni Maria Vian: "In memoria di Pio XII" (Osservatore Romano)

Dal Sinodo le prime proposte concrete: "Omelie meno lunghe per riavvicinare i fedeli alla Parola" (Osservatore Romano)

Zio Berlicche scrive a Malacoda: Il Papa ripete in modo martellante di allargare la ragione. Tu datti alla mistica :-)) (Tempi)

Il Papa: Ci sono persone dotte che conoscono Gesù nei suoi molti dettagli e persone semplici che non hanno conoscenza di questi dettagli, ma lo hanno conosciuto nella sua verità: “il cuore parla al cuore” (Catechesi udienza generale)

Rosso "rimalpela" Politi sugli schiaffi e gli schiaffetti

Gli interrogativi del Papa: è veramente cambiato Joseph Ratzinger da quando è stato eletto Pontefice? (L'Opinione)

Il Papa: "L'esempio di San Paolo sia per noi di stimolo a farci solidali con i nostri fratelli e sorelle migranti" (Messaggio del Santo Padre per la 95a Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato)

Mons. Fisichella: "L'insegnamento teologico di Pio XII" (Osservatore Romano)

Il rabbino: no a Pio XII beato, non fece nulla per salvare gli ebrei: lo "strano" articolo di Politi

Giuliano Ferrara: "Il cardinale e lo storico fanno apologia misericordiosa della promiscuità"

Antonio Socci: "Il giudizio del Papa ci riporta dalla virtualità al mondo reale" (Sussidiario)

Il Papa, le Borse e i soldi che non sono niente (Santambrogio)

Il Papa: "Bisogna cambiare il nostro concetto di realismo" (Politi)

SINODO DEI VESCOVI SULLA PAROLA DI DIO (5-26 OTTOBRE 2008): LO SPECIALE DEL BLOG

OMELIE, DISCORSI E MEDITAZIONI IN OCCASIONE DEL SINODO DEI VESCOVI 2008

L’IPOTESI DI « CONVENTIO AD EXCLUDENDUM » ANTI- CATTOLICI

Il Nobel negato a Cabibbo

Banalità o ragione inconfessabile

DAVIDE RONDONI

Spero che l’esclusione di Cabibbo dalla rosa dei vincitori del Nobel abbia un motivo banale.
Tipo: non bastavano i soldi per tutti e quattro. Sai, la crisi, le Borse... Oppure è l’unico senza occhi a mandorla e allora non vengono bene le foto di gruppo. Sì, vorrei che la scelta di non premiare Cabibbo avesse un motivo banale, magari una grande panzana, una sciocchezza, ma banale.

Perché motivi seri dal punto di vista scientifico non ce ne sono. E dunque se non è banale e non è scientifico, il motivo allora dev’essere per forza quello che quasi tutti han pensato subito davanti allo strano annuncio: un’ingiustizia.

Lo dicono gli scienziati italiani, ma lo dicono anche all’estero. Una evidente ingiustizia. Per compiere la quale, i giurati del Nobel possono avere due motivazioni: o hanno preso un gigantesco abbaglio (e allora bisognerebbe che li sostituissero) o hanno fatto certi loro calcoli (e forse li tengono in giuria proprio per questo).
Ma un premio ingiustamente gestito è non solo un premio di poco valore – nonostante il blasone e i soldi che i premiati si portano via – ma anche un danno per la cultura. Si tratterà, dunque, di un motivo banale... Forse il suo nome ricorda troppo quello di un pupazzone televisivo e se girava la notizia che aveva vinto il Nobel il Gabibbo agli italiani, già in questo momento di confusa incertezza, veniva un accidente e il magone.

Però, come dice il saggio, un caso singolo può esser letto come una coincidenza, un po’ di casi simili tra loro indicano che c’è un problema o una volontà.

Ad esempio, se dalla Fisica passiamo alla letteratura, vediamo che a riguardo dell’Italia si fanno cose strane. Sono cinque i nostri premiati: Carducci, Deledda, Pirandello, Quasimodo, Fo. La scelta cadde su di loro anche se, contemporaneamente, nel nostro Paese vivevano, in alcuni casi, artisti di certo e di gran lunga più valevoli. Forse fu il caso o forse la volontà di premiare tutti autori italiani che però non provengono o non esprimono una cultura cattolica – tranne Pirandello, che però ancora oggi viene manipolato e frainteso.

Come dire: dall’Italia, sede del Papa , in arte e scienza nulla di buono dal campo cattolico. Chi sarà mai Ungaretti? E chi Luzi? E chi è questo prof. Cabibbo, che stranamente è il più citato sulle riviste scientifiche di tutto il mondo, e oltre ad essere cattedratico alla Sapienza, presiede una ' oscura' Pontificia Accademia delle Scienze?

Se lo saran chiesto i giurati svedesi del premio dedicato all’inventore della nitroglicerina. Ma questo non c’entra con il motivo sicuramente banale della ingiusta esclusione. I giurati hanno sempre negato interferenze legate alla politica o a identità religiose. Lo hanno fatto anche di fronte a evidenti contraddizioni, come documentò Dario Fertilio sul Corriere della Sera di qualche mese. E quindi non c’è da preoccuparsi il motivo dev’essere sicuramente banale: forse avevano finito le buste, o un errore di qualche segretaria che ha perso il quarto nome.
O quella simpatica e accidentale somiglianza con il nome popolare di un simpatico pupazzone per cui no, non era proprio il caso... Il professor Cabibbo è un signore e dunque non si scompone. Il Nobel è certo un premio serio.

© Copyright Avvenire, 9 ottobre 2008

Strano, vero?
Sara' una coincidenza? Forse...peccato che io non abbia mai creduto alle coincidenze
.
R.

4 commenti:

Alessandra Mirabella ha detto...

Ho fatto un pò di ricerche in merito e, negli ultimi 10 anni sono stati assegnati 4 Nobel a membri della Pontificia Acaccademia delle Scienze: 3 in chimica e 1 in fisiologia.

Questo dovrebbe bastare per eliminare ogni sospetto.

Ma siccome io sono un pò malpensante un conto è dare il Nobel a misconosciuti membri ( io stessa prima di poco fa non sapevo nemmeno chi erano) ed un conto è assegnare il Nobel al Presidente di detto Pontificio Consiglio....

Forse era troppo? Boh....

Carla ha detto...

Se è per questo anche Rita levi Montalcini, non cattolica, è componente della Pontificia Accademia delle Scienze. Certo, sarebbe preoccupante se ci fosse questa ostilità di fondo contro scienziato e letterati di matrice cattolica. NPer di più da parte di chi predica il "politically correct" (ma evidentemente razzola male).

Carla ha detto...

pos, volevo segnalare, a proposito del quale sul caso Eluana, l'articolo di Marina Corradi su "Avvenire" intitolato "Mettere fine al loro inferno o a quello di chi li assiste?" Inoltre, se fosse possibile, desidererei sapere (nel caso qualcuno nel blog fosse al riguardo informato): i medici della Regione Lombardia possono essere obbligati, nel caso che la Cassazione si pronunci definitivamente per la morte di Eluana, a "indicare" la struttura dove potrà essere lasciata morire perchè non più alimentata?

DAEMONES EFFUGATE ha detto...

@Alessandra

no, non elimina i sospetti. I tempi cambiano, in 10 anni la situazione per la Chiesa è drammaticamente peggiorata. Pensa alla faccia di Odifreddi che doveva constatare un Nobel conferito alla odiata Chiesa cattolica...