12 luglio 2008

Card. Bagnasco sulla vergogna di piazza Navona: "Un gesto irragionevole respinto dall'opinione pubblica" (Osservatore)


Vedi anche:

GMG, «Con Benedetto XVI testimoni della gioia di essere cristiani» (Muolo)

Prof. Dolce (luminare nella cura degli stati vegetativi): «L’agonia di Eluana sarà lunga e dolorosa» (Lambruschi)

Prof. Violini (diritto costituzionale): «Il consenso di Eluana non è provato». Il padre: «Faremo in fretta» (Nava e Lambruschi)

Le riflessioni sulla 23.ma GMG di Sydney del card. Rylko, di padre Lombardi e di padre Atanasio Gonelli (Radio Vaticana)

IL PAPA SULL'AEREO PER L'AUSTRALIA: SERVIZIO DI SKYTG24

Le prime parole del Papa a bordo dell'aereo: la GMG, una "festa della fede" sempre valida per annunciare il Vangelo ai giovani (Radio Vaticana)

LA PARTENZA DEL PAPA PER SYDNEY: VIDEO

Dall'aereo papale: Benedetto prega affinchè fra gli Anglicani non ci siano altre fratture. Poi parla di ecologia e GMG

Card. Tettamanzi sul caso di Eluana: "Mai chiudere la porta della vita, il mistero ci sfugge"

Messaggio del Santo Padre per la Giornata Missionaria Mondiale 2008: "Evangelizzare è una priorità assoluta"

PAPA: IN AUSTRALIA LE SCUSE PER GLI ABUSI SESSUALI (Agi)

Il Papa: Chiesa in Occidente e' in crisi, ma sono ottimista. Affronterò il tema della pedofilia nel clero

GIORNATA MONDIALE DELLA GIOVENTU' SYDNEY 2008: LO SPECIALE DEL BLOG

IL PAPA SULL'AEREO PER SYDNEY: ESSERE PRETE E' INCOMPATIBILE CON LA PEDOFILIA

Il Papa è partito per Sydney: il testo del telegramma al Presidente Napolitano e la risposta di quest'ultimo

IL PAPA E' PARTITO PER SYDNEY: BUON VIAGGIO, SANTO PADRE!

GMG. Cardinale Maradiaga: “L’uso del preservativo non impedisce la diffusione del contagio dell’Aids"

IL PAPA IN AUSTRALIA: SERVIZIO DI SKYTG24

Rosso "malpela" l'Unità, talmente accerchiata da dover usare (a sproposito!) le parole di Joseph Ratzinger

GMG SYDNEY: LE SFIDE E LE SPERANZE DEI GIOVANI AUSTRALIANI (Sir)

Anglicani, crolla la Chiesa-ponte (Di Giacomo)

Il Papa si reca in Australia, il Paese forse più secolarizzato (Zenit)

Benedetto XVI vola in Australia per il suo viaggio più difficile (Tornielli)

Inizia il terzo viaggio intercontinentale di Benedetto XVI. A Sydney con i giovani del mondo (Osservatore Romano)

Rosario per il Santo Padre in preparazione del viaggio a Sydney ed in riparazione delle offese

Vescovo anglicano di Sydney: impossibile piena unità fra Cattolici e Anglicani ma profondo rispetto per Benedetto XVI

Mentre Sgarbi critica in modo geniale il Camilleri pentito, Repubblica, Unità, Europa e La Stampa fanno i girotondi...sì, no, anzi sì

Novena per il nostro amico Germano

DOPO IL "CASO SAPIENZA" UN'ALTRA VERGOGNA PER L'ITALIA: IL TEATRINO DI PIAZZA NAVONA. LO SPECIALE DEL BLOG

Il cardinale Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana, sulla manifestazione a piazza Navona

Un gesto irragionevole respinto dall'opinione pubblica

Roma, 11. "Una goliardata turpe e indecorosa immediatamente respinta dall'opinione pubblica generale come gesto insensato, immotivato e irragionevole. Volgarità abissali, che come tali non vanno neppure commentate perché defluiscano là da dove sono venute": così si è espresso il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Conferenza episcopale italiana, sulla manifestazione svoltasi martedì sera a piazza Navona.
L'iniziativa è stata organizzata sullo stile dei "girotondi", nati nel 2002 per volontà di movimenti e associazioni al di fuori dei partiti con l'obiettivo di esprimere la mobilitazione spontanea, dal basso, di parte della popolazione e il suo eventuale dissenso su determinate scelte politiche. Intitolata "No Cav Day", l'adunata si è trasformata in un'occasione - si legge in una nota del Sir - "per insultare e offendere altri con toni di inconcepibile volgarità". Una tale manifestazione, così svilita, "non può e non deve essere considerata un'espressione di democrazia e quindi - continua la nota - neppure di intelligenza".
L'attacco al Papa e al Presidente della Repubblica italiana da parte di due comici ha prodotto un clamoroso effetto contrario: "Molto confortante - ha detto il cardinale Bagnasco - è la convergenza di riprovazione e di condanna" registrata nei giorni successivi a proposito di quelle inattese e inqualificabili espressioni. "Ad un vescovo - ha spiegato il presidente della Cei - interessa immensamente di più l'ondata di affetto che in questa circostanza sta salendo verso la persona del Papa e il suo mite, pacifico e suadente magistero. Lo stesso dicasi per le manifestazioni di vicinanza e di solidarietà che sono state espresse nei riguardi del Capo dello Stato. La coscienza vigile della nazione, il sentire diffuso della nostra gente - sottolinea Bagnasco - sanno riconoscere l'indegnità per concentrarsi su ciò e su Chi unisce e costruisce".
Per questo i vescovi italiani "sono accanto al loro popolo e sono come non mai affettuosamente vicini e grati al Santo Padre, in procinto di partire per un lungo viaggio che lo porterà ad incontrare i giovani rappresentanti del mondo intero". E ancora una volta "esprimono al Presidente della Repubblica la loro viva considerazione e deferente stima".
Quella di piazza Navona è stata l'ennesima occasione di dialogo persa per "un costruttivo, seppur pluralistico dibattito di idee circa i problemi dell'attualità politica" e ha degradato lo spirito, il pensiero di un movimento di opposizione e di protesta (condivisibile o meno) in una scena da avanspettacolo deplorata anche da chi, di quei "girotondi", era stato il promotore. Una considerazione andrebbe fatta - afferma il cardinale Bagnasco - "su certa idea di politica che si vuole confinante con un certo modo di vivere lo spettacolo e che insieme finiscono invece per corrompersi a vicenda".

Una risposta immediata l'ha data la stessa gente presente quella sera in piazza Navona. Molti, disgustati, si sono allontanati a conferma - sottolinea il Sir - "che c'è un'Italia maggioritaria, sana, che discute e si esprime anche con toni vibranti ma sempre rispettosi dell'altro, e un'Italia assolutamente minoritaria che per esistere ha bisogno di insultare.

Una miserevole realtà che trova e troverà spazio per qualche ora su video e giornali ma che è destinata a essere rimossa dalla coscienza laica di un Paese come il nostro. Ed è proprio questa coscienza laica - conclude il comunicato dell'agenzia di stampa della Conferenza episcopale italiana - a ribellarsi soprattutto alle offese a Benedetto XVI, alla menzogna e all'ignoranza che formano la palude in cui nascono e crescono parole ed espressioni che ci rifiutiamo di credere possano appartenere a un cittadino responsabile, a una persona che pensa e critica, credente o non credente che sia".
Anche il Vicariato di Roma ha espresso nei giorni scorsi il "profondo dispiacere per le parole offensive riferite al Santo Padre" limitandosi a sottolineare che "quanto è avvenuto non merita ulteriori commenti". Del resto - ha detto il direttore della Sala stampa della Santa Sede, padre Federico Lombardi - "la volgarità si qualifica da sé". (giovanni zavatta)

(©L'Osservatore Romano - 12 luglio 2008)

3 commenti:

don Marco (giurista e avvocato) ha detto...

Carissima Raffaella con grande gioia ho sentito testè la notizia del Tg2 che annunciava che la Procura di Roma ha aperto u fascicolo relativo ai fatti di Piazza Navona.
Li ho tartassati di mail, vedrai se si so mossi,
W il Papa

Raffaella ha detto...

Bene, bene, caro Don Marco :-)
Vedremo come andra' a finire, ma gia' questo atto (dovuto) e' un passo avanti.
R.

euge ha detto...

Don Marco ( giurista ed avvocato ) Mi auguro che questa indagine giunga a buon fine ed insieme a lei dico

W PAPA BENEDETTO XVI