29 agosto 2008

Rosso "malpela" "Corriere", "Unità", Fania per "Liberazione" e Valli per "Europa"


Vedi anche:

Casini: «La Chiesa surroga la politica su etica e identità» (Marroni)

India. Benedetto XVI condanna le violenze interreligiose e gli attacchi contro i cristiani nell'Orissa (Marroni)

Induisti italiani scrivono al Papa: solidarietà ai cristiani

Il 21 settembre il Papa si recherà in visita pastorale ad Albano Laziale

Il sacro e il santo nei sacramenti cristiani: "Il rito tra visibile e invisibile" (Inos Biffi per l'Osservatore Romano)

PIME: digiuno e preghiera in unione coi cristiani dell'India. Una proposta ai politici italiani (Asianews)

MEETING RIMINI: I PARLAMENTARI SI UNISCONO ALL’APPELLO DEL PAPA PER L’INDIA

Il Dalai Lama è in India per controlli medici. Potrebbe essere l'occasione giusta per dire una parola contro le violenze ai Cattolici...o sbaglio?

Se rischia la libertà religiosa. Analisi delle parole chiarissime e misurate di Benedetto XVI (Rosati)

Zio Berlicche scrive a Malacoda: "Melloni vede la Chiesa come noi" (Tempi)

Il Papa «studia» la morte di Gesù e invita a Castel Gandolfo due esegeti luterani e i suoi ex studenti (Guerriero)

"Il professor Ratzinger". Recensione del libro di Valente (Rizzi)

Dal blog di Tornielli: Il Papa e l’Orissa. E Lutero cede il posto a “Gesù di Nazaret”

Paolo e Benedetto XVI: una riflessione del Prof. Lucio Coco

Mons. Paul Hinder: Ratisbona ha riaperto il dialogo con l'Islam (Il Sussidiario)

VIOLENZE ANTI-CRISTIANE IN INDIA: RACCOLTA DI ARTICOLI

Lupus in pagina

a cura di Rosso Malpelo - Gianni Gennari

Libertà, inadeguatezze, allineamenti a sorpresa

In democrazia si può scrivere di tutto, ma talora si approda al ridicolo.
Sorprende leggere sul "Corsera" (28/8, p. 27: "E Cristo si rivelò nella pittura"") che il cristianesimo pose fine all'era dell'arte antica «introducendovi per la prima volta un elemento irrazionale destinato a dominare per molti secoli»! Domanda: prima, l'arte greca e romana " dei, miti, leggende epiche " era tutta "razionale"?
Martedì 26 l'inadegua-tezza era doppia, e a tutta pagina, per due ritratti di papi, Giovanni Paolo I su "Liberazione" e Paolo VI sull'"Unità".

È libertà, ovviamente, ma con un minimo di informazione ti rendi conto del riduzionismo da prolungato digiuno intellettuale, almeno in tale materia.

Più grave, però, e dove meno te l'aspetti, ("Europa", 26/8, p. 1 e 6: "La Chiesa e il tabù federalista"), l'inadeguatezza di un commento al discorso del cardinale Bagnasco al Meeting di Rimini.
Mentre gli altri giornali annotano il tono positivo nei confronti del federalismo, purché «solidale e non egoistico» " per esempio "Stampa": "Italia federale, sì dei vescovi"; "Corsera": "Bagnasco e la devolution: possibile in un Paese unito"; "Messaggero": "Bagnasco, la devolution non allarma se serve alla gente e non mina l'unità" " ti tocca leggere questa conclusione secca: «negli italiani una coscienza civile nazionale è debole, perché nei secoli in cui in Europa maturavano le coscienze nazionali, da noi la Chiesa remava in senso contrario».

"Avvenire", stesso giorno, segnala come causa anche «l'individualismo di massa»? Macché! È colpa della Chiesa" Allineati e coperti anche su "Europa": bersaglio il nemico unico?

© Copyright Avvenire, 29 agosto 2008

2 commenti:

salernitanodoc ha detto...

Ecco che cosa fanno i vescovi "progressisti" e che cacciano in malo modo i fedeli che chiedono la messa in latino:

Salerno, sequestrato l'8 per mille alla Curia

mariateresa ha detto...

Buongiorno cara. Sono d'accordo con Malpelo, c'è una bella ignoranza diffusa. E una gran voglia di allinerarsi in alcuni .
Il discorso sull'atteggiamento della Chiesa verso il neonato Stato italiano è complesso e deve essere un discorso storico, non ha senso uno slogan in un editoriale. Posso solo, di sguercio, segnalare che forse, nella diffidenza della Chiesa italiana verso la classe dirigente e politica che era espressione del nostro Risorgimento , qualche ragione c'era. Insomma, questa diffidenza aveva qualche ragione storica.O forse nel creare lo Stato italiano quella classe dirigente ebbe anche qualche incapacità a creare un sentimento unitario diffuso e l'auspicio di D'Azeglio, di fare gli italiani oltre all'Italia rimase un pio auspicio.
Si vede anche oggi.
Ma sono solo battute. Un discorso sul nostro Risorgimento non è un brustullo che si può masticare in un editoriale.