23 settembre 2008

Testamento biologico: il commento di Massimo Franco sulla prolusione del card. Bagnasco


Vedi anche:

Testamento biologico: le parole testuali del cardinale Bagnasco

Il commento di Giuseppe Fiorentino all'appello del Papa ai leader mondiali (Osservatore Romano)

Card. Bagnasco: "La GMG sfida riuscita. Sydney si è arresa all'entusiasmo dei giovani. Spazzato via lo scetticismo intellettuale"

Consiglio permanente della Cei: prolusione del cardinale Bagnasco (Sir)

PROLUSIONE DEL CARD. BAGNASCO: TESTO INTEGRALE

Albano si stringe attorno al Papa: bagno di folla con i fedeli (Valentini)

Discorso del cardinale Joseph Ratzinger per il 60° anniversario dello sbarco alleato in Normandia (4 giugno 2004)

Messaggio del Papa ai leader mondiali: solidarietà globale (Giansoldati)

Vescovi e fedeli anglicani in pellegrinaggio a Lourdes. Il cardinale Kasper: un evento "miracoloso" (Radio Vaticana)

La vergogna dell’India e quella dell’Europa e del mondo (Padre Cervellera)

Il Papa ai vescovi: "Il vostro ministero sarà pastoralmente fruttuoso soltanto se poggerà sulla vostra santità di vita"

Il Papa alla vigilia dell'assemblea generale dell'Onu «Solidarietà e fraternità prevalgano su ogni altra ragione» (Bobbio)

Tra vescovi e tradizionalisti la disputa del rito in latino: i commenti (molto di parte) di Politi e Prosperi

Il silenzio sul massacro dei Cristiani in India (Luca Volontè)

Cristianofobia: le violenze nel mondo (Avvenire)

Padre Lombardi vede nella Francia una speranza per la Chiesa (Zenit)

Dall'auto di Pacelli a quelle di Ratzinger (Mosca)

Bagnasco su bioetica, immigrati e economia

Testamento biologico
«Ma niente eutanasia mascherata»


di MASSIMO FRANCO

Il lessico usato dal cardinale Angelo Bagnasco riflette tutta la diffidenza dei vescovi italiani per il modo in cui è stato riempito finora il vuoto legislativo sul testamento biologico.
Chiedere al Parlamento «una legge sul fine vita» tende a sollecitare una riflessione nuova; e a prevedere una serie di paletti legali che dovrebbero impedire «forme mascherate di eutanasia». In sé il tema viene dibattuto da tempo. E Cei e Vaticano hanno scelto posizioni così nette da comportare anche polemiche laceranti.
Ma l’accenno di Bagnasco ad alcuni recenti «pronunciamenti giurisprudenziali» sembra un riferimento alla sentenza della Corte di Cassazione sul caso di Eluana Englaro, la ragazza di Lecco in coma dal 1992. È quel dramma ancora dolorosamente sospeso ad avere suggerito una pressione esplicita sul potere legislativo. Alcune decisioni della magistratura, è la tesi del presidente della Cei, avrebbero «inopinatamente aperto la strada all’interruzione legalizzata del nutrimento vitale»; e dunque condannato «queste persone a morte certa». Si tratta di critiche indirette, ma chiare; e del rifiuto di avallare una situazione che per Bagnasco può portare a «esiti aberranti». Il suo appello alle Camere è un tentativo di esorcizzare quelle che le gerarchie cattoliche considerano interpretazioni inaccettabili.
L’impressione è che i vescovi confidino in una legge approvata a grande maggioranza: anche da quei cattolici che sono stati eletti nelle liste del centrosinistra. Per questo non è da escludersi qualche tensione soprattutto nel Pd. Ma nelle parole di Bagnasco si avverte la convinzione che in Parlamento esistano i numeri e la volontà trasversale per arrivare al risultato sperato. Sebbene la Cei continui a non mostrarsi particolarmente «governativa». I giudizi sulla maggioranza sono in chiaroscuro. Si dà atto al centrodestra guidato da Silvio Berlusconi di avere fatto qualcosa in materia di riforme: scuola, federalismo fiscale, giustizia. E di avere affrontato alcune emergenze.
Ma si tratta di riconoscimenti espressi con cautela, senza trascurare i rischi che comportano alcune misure e l’inadeguatezza di altre. Proprio in materia di famiglia le richieste al governo rimangono incalzanti, esigenti, critiche. Rappresentano la parte più puntuta di un discorso che non trascura di insistere sull’impoverimento di chi ha un solo reddito; e sui segnali pericolosamente negativi che comincia a dare il Paese nel rapporto con gli immigrati. Sono richiami che qualcuno può ritenere prevedibili e quasi di maniera. Eppure appaiono significativi, dopo i recenti episodi di violenza a Milano e in Campania, nei quali è difficile non scorgere anche germi di razzismo.
Affiora l’immagine di un’Italia non bella, ma che la Cei si rifiuta di considerare «da incubo». Forse, perché la vede come l’estrema diga contro una «cristianofobia» annidata perfino nelle pieghe dell’Europa e di alcune leggi italiane: un incubo da scacciare, a costo di essere accusata di ingerenza.

© Copyright Corriere della sera, 23 settembre 2008 consultabile online anche qui.

Mah...la cristianofobia e' un dato di fatto.
Dispiace che in questo editoriale non ci sia alcun cenno alla situazione drammatica dei Cristiani in India e Medio Oriente
.
R.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Adesso anche in Vietnam, Raffaella.

Sotto lo sguardo della polizia, picchiatori assaltano i cattolici di Thai Ha
http://www.asianews.it/index.php?l=it&size=A
Alessia

ilsanta ha detto...

"Mah...la cristianofobia e' un dato di fatto.
Dispiace che in questo editoriale non ci sia alcun cenno alla situazione drammatica dei Cristiani in India e Medio Oriente."

Di grazia cosa centra?
L'argomento dell'editoriale era un altro.
Più che di cristianofobia si dovrebbe parlare di cristianopatia

Raffaella ha detto...

Cerchiamo di moderare i termini.
La prolusione del card. Bagnasco e' o non e' l'argomento dell'editoriale?
Bene, allora si parli del suo contenuto, non solo di cio' che e' piu' comodo...

ilsanta ha detto...

"Cerchiamo di moderare i termini."
Sono già moderati, sempre che la moderazione non si debba intendere a senso unico.

L'argomento dell'editoriale è o non è il testamento biologico secondo la visione di Bagnasco?
L'editoriale parla di una parte della prolusione di Bagnasco e questo lo ha postato Lei non certo io.

"Bene, allora si parli del suo contenuto, non solo di cio' che e' piu' comodo..."
Il contenuto dell'editoriale, perchè quello Lei ha postato, fa riferimento SOLO alla parte sul testamento biologico.
Poichè il titolo dell'editoriale è chiaro, mi spiega quale attinenza hanno le Sue righe di commento con l'editoriale stesso?

Raffaella ha detto...

Io avrei dedicato l'editoriale a tutti gli argomenti trattati dal cardinale Bagnasco, ma questo riflette una mia particolare sensibilita'.