16 ottobre 2008

Vergogne inglesi: la BBC dà il via libera alle battutacce su Cristiani e Vaticano. Vietare quelle contro i Musulmani! La "profezia" di J. Ratzinger


Vedi anche:

Card. Ruini: "Giovanni Paolo II e le visite alle parrocchie della sua diocesi" (Osservatore Romano)

Card. Deskur: "Il mio amico Karol" (Osservatore Romano)

Arrigo Levi: "A trent'anni dall'elezione di Giovanni Paolo II. E quel giorno iniziò la fine dell'Unione Sovietica (Osservatore)

Il bimbo spagnolo selezionato per curare il fratello. La strategia del caso pietoso (Lucetta Scaraffia)

«Abusi plurimi». Il Papa allontana prete fiorentino (Avvenire)

Il cardinale Stanislaw Dziwisz racconta la sera del 16 ottobre 1978 (Osservatore Romano)

Gian Franco Svidercoschi: "Giovanni Paolo II suggerì ai vaticanisti come essere più giornalisti" (Osservatore Romano)

Trent'anni fa l'elezione di Karol Wojtyla, Vian: "Da un Paese lontano" (Osservatore Romano)

L'intervento del cardinale Zen al Sinodo: la Cina non abbia paura della libertà religiosa (Radio Vaticana e Sir)

Il Papa ritorna a Pompei a dieci anni di distanza dall'ultima visita (Radio Vaticana)

Il Papa: "Vediamo che "la Chiesa di Dio" non è solo una somma di diverse Chiese locali, ma che le diverse Chiese locali sono a loro volta realizzazione dell’unica Chiesa di Dio. Tutte insieme sono "la Chiesa di Dio", che precede le singole Chiese locali e si esprime, si realizza in esse" (Catechesi udienza generale)

Le "stranezze" di Bruno Vespa che riesce a parlare di tutti i Papi ma non di Benedetto XVI

Sinodo, una donna cinese chiede al Papa di aprire un blog

Il premier indiano Singh: «Puniremo chi brucia chiese» (La Stampa). Ancora silenzio dalle autorità religiose indù e buddiste

Vian: "Modestamente io ho un editore infallibile". Un giorno all’Osservatore Romano (Boffi)

Repulisti a Firenze. Il testo integrale della Notificazione sul "caso" Cantini (Magister)

SINODO DEI VESCOVI SULLA PAROLA DI DIO (5-26 OTTOBRE 2008): LO SPECIALE DEL BLOG

Leggiamo questa vergognosa ed incredibile notizia:

GB: BBC SI' A BATTUTE SU CRISTIANI,VIETATE SUI MUSULMANI

Alla Bbc si potra' continuare a fare battute, anche irriverenti, sui cristiani o sul Vaticano ma ogni presa in giro dell'Islam e' severamente vietata.
Lo ha deciso, secondo quanto riporta il tabloid Daily Star, Mark Thompson direttore generale del servizio pubblico britannico. Per il numero uno della Bbc i musulmani "sono piu' suscettibili" dei cristiani e quindi e' meglio non irritarli.
La Bbc, in sintesi, ha scelto di non irritare la numerosa comunita' musulmana.

© Copyright Agi

Bbc: "Battute solo sui cristiani"

Gb,"evitare la satira contro musulmani"
Alla Bbc si potrà continuare a fare battute, anche irriverenti, sui cristiani o sul Vaticano ma ogni presa in giro dell'Islam è severamente vietata. Lo ha deciso, secondo quanto riporta un tabloid, il direttore generale del servizio pubblico britannico. Per il numero uno della Bbc, memore delle proteste per le vignette blasfeme su Maometto, i musulmani "sono più suscettibili" dei cristiani e quindi è meglio non irritarli.

© Copyright Tgcom

Ma non si prova un po' di sana vergogna?
Non ci si rende conto che non esiste una generica liberta' di offendere una religione ed un divieto di insultare le altre?
Nessuna battuta sui Musulmani (perche' suscettibili), nessuna battuta su altre religioni perche' e' politicamente scorretto.
Avanti tutta con le battutacce e gli insulti contro i Cristiani (specie se Cattolici presumo...) ed il Vaticano.
Povera Gran Bretagna...povera Europa.
E la BBC? Beh, sono anni che ha perso la sua leggendaria obiettivita'.

Ancora una volta Joseph Ratzinger e' stato profetico
:

...

Nella nostra società attuale grazie a Dio viene multato chi disonora la fede di Israele, la sua immagine di Dio, le sue grandi figure. Viene multato anche chiunque vilipendia il Corano e le convinzioni di fondo dell'Islam.

Laddove invece si tratta di Cristo e di ciò che è sacro per i cristiani, ecco che allora la libertà di opinione appare come il bene supremo, limitare il quale sarebbe un minacciare o addirittura distruggere la tolleranza e la libertà in generale. La libertà di opinione trova però il suo limite in questo, che essa non può distruggere l'onore e la dignità dell'altro; essa non è libertà di mentire o di distruggere i diritti umani.

C'è qui un odio di sé dell'Occidente che è strano e che si può considerare solo come qualcosa di patologico; l'Occidente tenta sì in maniera lodevole di aprirsi pieno di comprensione a valori esterni, ma non ama più se stesso; della sua propria storia vede oramai soltanto ciò che è deprecabile e distruttivo, mentre non è più in grado di percepire ciò che è grande e puro.

...

(da "Europa. I suoi fondamenti spirituali ieri, oggi e domani". Lectio magistralis del Cardinale Joseph Ratzinger, Biblioteca del Senato, 13 maggio 2004)

Tutto estramamente chiaro...
R.

8 commenti:

mariateresa ha detto...

cara amica, buongiorno.
La BBC ha detto apertamente quello che si intuiva dai fatti. E', se posso parlare in modo sfumato, uno schifo.
Non solo i cristiani, in varie parti del mondo, stanno rimettendoci la pelle proprio dove sono andati ad operare per amore dell'uomo e di Cristo, ma possono essere messi alla berlina perchè non sono suscttibili. Chi ha, in passato, esaltato la obiettività e la fama della BBC, è meglio che vda a sciacquarsi la bocca con la varecchina.

Raffaella ha detto...

Esattamente :-)
Almeno adesso giochiamo a carte scoperte!
La credibilita' della BBC? Beh...pari a quella di chi ne esalta l'obiettivita'!

Anonimo ha detto...

Buongiorno ragazze
Però che cuore impavido quelli della la BBC! Dopo questa hanno perso la poca faccia che gli era rimasta. Spero che il card. O' Connor e colleghi della "Perfida Albione" si facciano sentire.
Alessia

Cindy ha detto...

Forse non è stato solo il Card. ratzinger a essere profetico, ma anche la povera Oriana Fallaci, che diceva più o meno le stesse cose del Papa.
E comunque chi ha detto che anche noi cristiani non siamo suscettibili?

euge ha detto...

Cara Raffaella devo segnalarti se ancora non hai avuto modo di leggerlo, che la BBC sta per mandare in onda una serie Horror che se non sbaglio si intitola " Apparizioni" nella quale oltre a sce ne di sesso, verrà presentata una scena in cui Madre Teresa viene sottoposta ad esorcismo ed altre schifezze che per buon gusto non inserisco nel post.
Mi chiedo se questo oltraggio ai cristiani ed alla religione nonchè a personaggi che sono passati alla storia della Chiesa come Madre Teresa, che ha messo in pratica gli insegnamenti di Cristo per tutta la vita, non debba essere censurato e punito. Perchè la BBC non produce fil Horror su Maometto e la religione islamica? perchè la BBC non dedica il suo tempo ai gossip dei reali inglesi?
Quando ho letto stamattina su Affari Italiani questo articolo credetemi sono rimasta basita, schifata, nauseata ed oltraggiata.
ADESSO E' ORA DI FINIRLA Le guance da porgere sono finite almeno le mie.

Raffaella ha detto...

Ciao Euge, forse il comunicato di stanotte serviva proprio a giustificare l'orrore dell'horror!
Non sarebbe male sentire la voce del cardinale di Londra che in tante occasioni e' stato piu' che loquace...
C'e' un limite a tutto.
Spero che si costituisca presto una lega antidiffamazione sull'esempio di quella ebraica.
R.

euge ha detto...

Credimi Raffaella, quando ho letto la notizia non credevo ai miei occhi. Per questo ho creduto opportuno segnalarti il tutto.

Ma, non esisteva già una lega antidiffamazione? Che fini ha fatto?

Anonimo ha detto...

Strano che nessuno abbia detto: grazie BBC di questa ragionevole presa di posizione ed affermazione conseguente e cioè che solo i cristiani, fra le grandi religioni monoteistiche, non sono suscettibili e quindi esenti, in forza proprio della novità del Cristianesimo, dall'accusa di fanatismo religioso. Credo proprio che l'insegnamento di Cristo venga continuamente travisato e disatteso: sia da tanti "fedeli", che da tanti "importanti prelati".
I veri cristiani devono essere preparati anche agli insulti e controbattere con il retto operare e il disinteressato amore per il prossimo e non a usare " il dente per dente" o " occhio per occhio", che appartengono ad altre religioni.