21 luglio 2008

Il Papa è a suo agio fra le folle: l'analisi di Tornielli


Vedi anche:

Bellissima intervista a Sandro Magister: "Un Papa che incanta i giovani portandoli all’essenza del fatto cristiano" (Sussidiario)

Sono le 9.21 e il sito del Corriere non riporta ancora la notizia dell'incontro del Papa con le vittime di abusi? Perchè?

LA PARTENZA DEL PAPA DA SYDNEY: VIDEO DI REPUBBLICA TV

Le ferite dell'uomo: la lezione australiana di Papa Benedetto (Bobbio)

Perché non ci siano più abusi sessuali sui minori. Intervista al presidente della Conferenza Episcopale Australiana (Zenit)

IL PAPA LASCIA L'AUSTRALIA E INCONTRA LE VITTIME DI ABUSI: SERVIZIO DI SKYTG24

Il Papa incontra le vittime dei preti pedofili (Tornielli)

Incontro del Papa con le vittime di abusi. Card. Pell: "Un momento molto bello e commovente"

GMG SYDNEY: IL “BACIO” DEL PAPA SUI PRINCIPALI QUOTIDIANI (Sir)

Il Papa è ripartito per Roma: buon viaggio, Santo Padre!

Incontro del Papa con le vittime di abusi sessuali: comunicato della Santa Sede e annotazioni di Padre Lombardi

SYDNEY: IL PAPA HA INCONTRATO UN GRUPPO DI VITTIME DI PRETI PEDOFILI

Cala il sipario sulla GMG di Sydney. Padre Lombardi: "Non posso escludere incontro con vittime dei preti pedofili" (Apcom)

I giornali italiani dedicano intere pagine alla condanna della pedofilia da parte del Papa. Osservazione: indelicato contrapporre due Papi!

All'Angelus l'annuncio che la prossima GMG si terrà a Madrid nel 2011. Precisamente dal 15 al 21 agosto 2011 (Radio Vaticana e Sir)

Da Benedetto XVI le parole più forti sulla vergogna degli abusi (Mazza)

Intervista con padre Lombardi sulla GMG di Sydney (Radio Vaticana)

L’anatema del Papa sui preti pedofili: «Siano processati» (Tornielli...da leggere!)

Una preghiera per Gianluca Barile, direttore di Petrus

DISCORSI, OMELIE E MESSAGGI DEL SANTO PADRE A SYDNEY

IL PAPA IN AUSTRALIA: TUTTI I VIDEO

GIORNATA MONDIALE DELLA GIOVENTU' SYDNEY 2008: LO SPECIALE DEL BLOG

Come Wojtyla, adesso è a suo agio tra le folle

di Andrea Tornielli

A piccoli passi, vincendo la preoccupazione per un viaggio lungo, temuto e per sua stessa ammissione «logorante», l’ottantunenne Benedetto XVI ha scritto un altro importante capitolo del suo pontificato. Si era discusso non poco sull’opportunità di questa trasferta transoceanica, un volo lungo un giorno intero con un’unica breve sosta a Darwin. Joseph Ratzinger, che soffre particolarmente il cambiamento di fuso orario e fin dai primi anni Novanta ha avuto problemi cardio-circolatori, ha superato questo scoglio, grazie ai provvidenziali primi tre giorni di riposo, nonostante il successivo programma denso di celebrazioni, incontri e discorsi. Ha sopportato bene le lunghe cerimonie, mostrando di saper misurare le forze.

Si era detto, subito dopo la sua elezione, nell’aprile 2005, che il successore del Papa globetrotter Giovanni Paolo II avrebbe viaggiato poco, a causa dell’età: da allora non solo ha visitato vari Paesi europei, ma ha fatto viaggi in Brasile, Stati Uniti e ora in Australia. In settembre andrà a Parigi e Lourdes, e per l’anno prossimo sono allo studio trasferte in Messico (per il raduno mondiale delle famiglie) e in Africa. È noto il desiderio del Pontefice di potersi recare in Giordania, Israele e Territori palestinesi, ovviamente se le condizioni per un tale viaggio si realizzeranno; come pure c’è chi prospetta la possibilità di un viaggio in India. Allo stesso modo, il Papa che non ama le messe oceaniche e i raduni-spettacolo, ha fatto esperienza della bontà dell’intuizione del suo predecessore e ha appena finito di celebrare la sua seconda Giornata mondiale della Gioventù, con una messa dove si è cantato anche in gregoriano, ma durante la quale abbiamo assistito a una suggestiva processione del vangelo accompagnato da canti e danze di aborigeni con la gonna di paglia.

Sempre timido davanti alle folle, sempre sorpreso, come il primo giorno, dell’affetto dei giovani, che magari hanno fatto un po’ difficoltà a seguire la veloce lettura dei suoi discorsi in inglese, ma lo acclamano come acclamavano Wojtyla, Papa Ratzinger prima ha detto «addio» ai 350mila ragazzi nell’ippodromo di Randwick, poi ha corretto con un «arrivederci», concludendo: «Spero di rivedervi fra tre anni», a Madrid.
Dopo questi giorni vissuti a Sydney è ancora più evidente che le centinaia di migliaia di giovani pacifici e festanti, che hanno «invaso» la città senza creare alcun incidente, che l’hanno percorsa a piedi in lungo e in largo, che hanno pregato e ascoltato catechesi, rappresentano una forza straordinaria. E non seguono questo o quel Papa, ma «il» Papa, in quanto vicario, testimone e annunciatore di una persona viva e presente da duemila anni, la risposta alle attese più profonde del cuore dell’uomo.

© Copyright Il Giornale, 21 luglio 2008 consultabile online anche qui.

4 commenti:

mariateresa ha detto...

Sono d'accordissimo con l'analisi di Tornielli. I ragazzi seguono il Papa e le GMG sono ormai un patrimonio stabile della pastorale della Chiesa.Ho letto le stesse considerazioni, udite udite, anche sulla Croix. I ragazzi percepiscono il carattere timido di papa Benedetto e lo accettano così com'è.E' un uomo che sa farsi voler bene.
Ora tante cose lette e scritte in questi tre anni appaiono per quello che erano:luoghi comuni e peti editoriali.
Anche in un certo mondo cattolico auspico una riflessione.E non da oggi.

paola ha detto...

E' sorprendene quanto i giovani siano più avanti di tanti giornalisti e commentatori,penso qa chi h detto che discorsi del Papa erano troppo difficili,i ragazzi che erano là erano tutti motivati,preparati,pronti a testimoniare e BXVI penetra nel cuore di tutti. Mi preme segnalare l'ottimo lavoro di Sat2000 che ha permesso atutti di seguire per intero l'avvenimento,sono stati veramente bravi

euge ha detto...

Come ho avuto modo di dire in un altro post, non tutti i ragazzi sono uguali ......... non tutti sono abbagliati dal denaro, dal potere e dai divertimenti se così li vgliamo definire, che ti possono stroncare la vita a 16 anni. Molti anzi moltissimi, hanno un modo tutto loro di assimilare quello che di bello e di alto il nostro Pontefice con la sua semplicità e timidezza, riesce a trasmettere. Hai ragione Paola quando dici che i ragazzi spesso sono più motivati e più avanti, di certi operatori di carta stampata e di certa chiesa, imprigionati in luoghi comuni e vedute ristrette da far venire l'orticaria.

Scenron ha detto...

E non dimentichiamoci Cagliari a settembre!! :D