10 luglio 2008

«Quegli insulti al Papa inconcepibile volgarità» E Furio Colombo? Prima si congratula con S.G. e poi si dissocia?


Vedi anche:

Rosso "malpela" l'Unità che ieri "piangeva" su Piazza Navona ma dimentica che il Papa è il bersaglio fisso di tante loro pagine

"Il caso Eluana Englaro": le opinioni di Rusconi e Garelli (La Stampa)

Eluana, condannata da giudici che si credono dei?

"Il caso Eluana Englaro": la sospensione delle cure è eutanasia? I commenti di Mons. Fisichella e di Umberto Veronesi (Corriere)

Piazza Navona, la fiera della vergogna (Brambilla)

Offese al Papa? Iniziano i distinguo. Intanto Mino Fuccillo rimprovera il Presidente Schifani per avere chiamato Benedetto XVI "Santo Padre"

DOPO IL "CASO SAPIENZA" UN'ALTRA VERGOGNA PER L'ITALIA: IL TEATRINO DI PIAZZA NAVONA. LO SPECIALE DEL BLOG

Da Vaticano gelo su volgarità di Piazza Navona (Apcom). Personalmente mi aspetto qualche parola dai vescovi che finora tacciono...

Rosario per il Santo Padre in preparazione del viaggio a Sydney ed in riparazione delle offese

Il motu proprio “Summorum Pontificum” un anno dopo (seconda parte). Padre John Zuhlsdorf ne analizza gli effetti (Zenit)

Grave sentenza dei giudici di Milano che autorizza l'interruzione dell'alimentazione a Eluana Englaro (Radio Vaticana)

Offese al Papa e Napolitano, procura attende informativa

GMG di Sydney: Padre Lombardi commenta il viaggio con i giornalisti (Sir)

Vergogna a Piazza Navona: nota del Vicariato di Roma

La procura di Roma valuta se procedere per vilipendio al Sommo Pontefice ed al Capo dello Stato

La vergogna italiota di Piazza Navona: le reazioni politiche

PADRE LOMBARDI SULLA VERGOGNA DI PIAZZA NAVONA: “LA VOLGARITÀ SI QUALIFICA PER SE STESSA”

Teatrini italioti: "Una piazza fuori controllo: attacchi e insulti senza freni" (Avvenire)

Avvenire sullo scandaloso teatrino di Piazza Navona: "Mai così in basso. Solo squallida spazzatura"

Sir sul teatrino di Piazza Navona: contro il Papa menzogna ed ignoranza!

Novena per il nostro amico Germano

«Quegli insulti al Papa inconcepibile volgarità»

Levata di scudi dei cattolici per le parole oltraggiose della ****
Il Vicariato di Roma: profondo dispiacere. Il Sir: deriva disgustosa


«La volgarità si qualifica di per sé. Non si commenta»: è lapidario il tono del direttore della Sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi, incalzato ieri mattina dai giornalisti che gli chiedevano di commentare l'attacco subito da Benedetto XVI in occasione del «No Cav Day». A stretto giro di posta ha fatto sentire la sua voce anche il Vicariato di Roma che, oltre ad esprimere «profondo dispiacere per le parole offensive riferite al Santo Padre», ha diffuso una nota – dai toni asciutti – in cui si limita a sottolineare che «quanto è avvenuto non merita ulteriori commenti».

«squallida spazzatura»

«Mai caduti così in basso», è il titolo di un corsivo dell'«Avvenire» che ha bollato «le volgari espressioni» rivolte dalla comica Guzzanti al Papa come «squallida spazzatura» in merito alla quale «non vale neppure l'alibi della satira».
Di offese che «nascono e crescono» in una «palude di menzogna e ignoranza» ha parlato invece il Sir, l'agenzia promossa dalla Cei, la Conferenza episcopale italiana. Un oltraggio contro cui – ha osservato l'agenzia – si ribella «la coscienza laica» del Paese. La manifestazione di martedì a piazza Navona – nata per contrastare i progetti del governo Berlusconi sulla giustizia – non ha nulla a che fare con la democrazia, ha denunciato ancora il Sir. «Trasformare una manifestazione pubblica di dissenso su importanti scelte politiche in un'occasione per insultare e offendere altri con toni di inconcepibile volgarità non può e non deve essere considerata un'espressione di democrazia e, quindi, neppure di intelligenza», ha tuonato l'agenzia. Si è trattato di una «deriva» che «ha disgustato persino alcuni presenti che si sono allontanati», ha osservato ancora il Sir, compiacendosi che «c'è un'Italia maggioritaria, sana, che discute e si esprime anche con toni vibranti, ma sempre rispettosi dell'altro e un'Italia assolutamente minoritaria, che per esistere ha bisogno di insultare».

Solidarietà dell'Azione cattolica

Solidarietà al Papa – ma anche al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, bersaglio di analoghi attacchi verbali – è giunta dall'Azione cattolica. A entrambi Ac esprime innanzitutto «vicinanza e gratitudine per il servizio che, in ruoli diversi, prestano per l'unità del nostro Paese e tra i popoli». «Una società come la nostra – si legge in una nota della presidenza di Azione Cattolica –, che faticosamente cerca di ritrovare le ragioni del vivere comune, non può in nessun modo mettere in discussione il messaggio denso di valori spirituali e civili, impregnato di concordia e di pace, che Papa Benedetto e Giorgio Napolitano ogni giorno rivolgono a tutti gli uomini».

«Rileggete la Divina commedia»

Ma, sull'altro fronte, c'è chi invece difende gli insulti volati a piazza Navona. La butta sull'ironia Francesco «Pancho» Pardi, senatore dell'Italia dei valori e storico animatore dei girotondi: «Anche Dante mandò più di qualche Papa all'inferno». La replica è ovviamente alle polemiche per l'invettiva della ***** contro Papa Ratzinger. Un invito a rileggere la Divina Commedia arriva anche da Marco Travaglio, giornalista dell'Unità, animatore della manifestazione: «Forse bisogna smettere di leggere Dante che mandò all'inferno Bonifacio VIII?».

© Copyright Eco di Bergamo, 10 luglio 2008

Quindi la comica e' paragonabile a Dante? hihihiihiihihihhiih
La migliore battuta dei girotondini...

R.

Da "Il Giornale" apprendiamo un'altra verita' incredibile. Colombo smentisca la sua invitata se lo ritiene opportuno.

Dopo il "No Cav Day" a sinistra scoppia l'ultima guerra civile

Roma - Alla fine, questa manifestazione di Piazza Navona, questo ennesimo girotondo, diventerà probabilmente materia per gli storici e, se ci fosse un documentario di Quark, dovrebbe essere raccontato come un nuovo Big Bang il punto in cui tutti i punti di solidarietà a sinistra, e tra le sinistre, sono saltati, il giorno in cui tutti sono diventati nemici di tutti. C’era davvero qualcosa di strano, ieri, in quella cerimonia di dissociazioni che ha finito per alluvionare le agenzie.

Ma non doveva stupire, se è vero che il primo record, nel girotondo di Piazza Navona, lo aveva stabilito Furio Colombo con una inedita dissociazione istantanea.

Marco Travaglio fa le pulci al Presidente della Repubblica, e lui si dissocia; S. G. mette nel mirino sia il Colle sia Papa Ratzinger, e lui si dissocia. Peccato che poi la stessa attrice abbia raccontato che, appena scesa dal palco, Colombo le aveva fatto i complimenti.

Eppure, il girotondo di Piazza Navona è stato questo, una grande centrifuga che ha separato amicizie antiche; l’ex direttore dell’Unità era stato uno dei più appassionati sostenitori sia del giornalista sia dell’autrice satirica, e adesso prendeva le distanze. Così come Antonio Di Pietro, che fino al giorno prima li esaltava e li portava a esempio, e che sempre ieri, dopo il girotondo, era costretto a puntualizzare: «Non sono d’accordo con le loro critiche al capo dello Stato».

Il grande Big Bang ha fatto esplodere anche quella contraddittoria e fragile alleanza che aveva tenuto insieme Veltroni e Di Pietro, e dunque Veltroni va a Matrix a dire: «La manifestazione di piazza Navona aveva un copione che sembrava scritto da Silvio Berlusconi, è il miglior regalo che si potesse fare al centrodestra». Ovviamente Paolo Flores d’Arcais e Pancho Pardi sostengono esattamente il contrario, e cioè pensano che sia il Partito democratico la vera ambiguità, la formazione che regala al centrodestra una legittimità che la vittoria non gli ha concesso. Insomma, l’opposizione moderata si divide da quella radicale, ma dentro l’opposizione radicale ci sono i girotondini più puri e duri, e quelli meno duri, ci sono i girotondini politicamente corretti e quelli politicamente scorretti, ci sono i girotondini che pensano che la loro identità sia sparare con più ferocia sul centrosinistra che tradisce dialogando con Berlusconi come se questo fosse ancora più importante che opporsi a Berlusconi.

A segnare una linea di discrimine, il confine fra i moderati e i radicali, ieri non era l’appartenenza politica, ma addirittura una cifra stilistica, linguistica, espressiva. Ciò che unisce la radicalità di S. G. e di Marco Travaglio non è quindi una sigla o uno schieramento, ma è la loro assoluta indipendenza da qualunque controllo e da qualunque appartenenza di partito. Ieri Antonio Di Pietro si considerava per certi versi un vincitore, il titolare dell’unico partito che si oppone al regime, ma nel momento stesso in cui iniziava a erodere consensi al Partito democratico per lui diventava un problema condividere la radicalità delle critiche espresse da Travaglio e dalla ****. C’era in quel patto elettorale, firmato prima delle elezioni da Veltroni e da Di Pietro, un’ambiguità di cui tutti erano consapevoli. Veltroni accettò di sbattere la porta in faccia ai socialisti che non volevano rinunciare al proprio simbolo, sostenendo che Di Pietro si era accordato con lui sulla scelta di un gruppo unico dopo le elezioni. Ovviamente era una balla a cui non credette nessuno, e infatti il primo atto di Di Pietro dopo le elezioni fu la costituzione di un gruppo autonomo dell’Italia dei valori.
Così il risultato di oggi è che ci sono i socialisti che recriminano per la mancata alleanza e fischiano Veltroni per la scelta di escluderli dalla coalizione, ci sono i socialisti che fischiano Veltroni solo perché difende l’alleanza con Di Pietro, senza poter immaginare che solo due giorni dopo Veltroni andrà a Matrix a scaricare Antonio Di Pietro. Tutti contro tutti, in un grande Big Bang, vuol dire che una sorta di febbre ha contagiato la sinistra, e tutte le sinistre. I rifondatori dell’ex ministro Ferrero odiano più di tutti i rifondatori di Nichi Vendola, i rifondatori di Nichi Vendola accusano quelli di Ferrero di essere in realtà d’accordo con i Comunisti italiani per difendere la loro identità, e ne ricevono in cambio l’accusa di essere già pronti a traslocare nelle file del Pd. Poi c’è il leader della Sinistra democratica Claudio Fava che grida dal palco del suo congresso: «Non entreremo mai nel Partito democratico». E poi ci sono i leader delle neonate correnti del Partito democratico, a cominciare da Red, quella di Massimo D’Alema che ripete in ogni comizio: «Non stiamo facendo una corrente, non vogliamo rompere le scatole a Walter». In realtà, anche il Partito democratico è colpito dalla balcanizzazione che attraversa la sinistra, al punto che qualcuno ha coniato perfino un aforisma: «Nel Pd ci sono due anime: quelli che vogliono continuare a perdere con Veltroni leader, e quelli che vogliono continuare a perdere senza Veltroni leader».

Insomma, così come l’urlo di Nanni Moretti a Piazza Navona fu l’inizio di un anno di guerra civile a sinistra, così l’eresia di S. G. a piazza Navona è diventato il punto di avvio di un terremoto di cui siamo in grado di registrare l’entità, ma non ancora gli effetti.

Ieri l’Unità aveva un titolo che sembrava un paradosso e parlava di «una bella manifestazione rovinata da Grillo». Già, perché anche Beppe Grillo è adorato dal pubblico della sinistra, ma scatenatosi contro i dirigenti della sinistra, anche da Beppe Grillo si fa a gara a dissociarsi, lui chiama Veltroni Topo Gigio e Veltroni dice: «Abbiamo fatto bene a non scendere in piazza con lui». Sì, quello di Piazza Navona è stato un Big Bang, quello di una galassia che fino a ieri era tenuta insieme da una sola forza gravitazionale, l’antiberlusconismo. Adesso a furia di dissociazioni non è rimasto neanche quello.

© Copyright Il Giornale, 10 luglio 2008 consultabile online anche qui.

4 commenti:

brustef1 ha detto...

Scusate, ma mi sembra tutto molto chiaro: ci sono politici vigliacchi che delegano a certi comici, appositamente invitati, gli insulti al Papa, "tanto è satira" e chi non l'accetta è fascista. Poi fingono, i vermi, di dissociarsi. La vergogna somma è però Di Pietro, questurino ladro di polli aspirante ras della "opposizione". Un quadretto delizioso, come vedete, ma credo che gli italiani non siano fessi

brustef1 ha detto...

Mi fa morire dal ridere che la delicata piazza ineggiasse al devoto mariano Oscar Luigi Scalfaro e nello stesso tempo alle blasfemie della coccadipapà. Chissà che dice il devoto mariano?

un passante ha detto...

quello che schiaffeggiò una sifnora solo perchè aveva un decolletè che lo turbava?
Ma è storia vera o è anche questa una bufala?

brustef1 ha detto...

Non solo questa storia è vera e testimoniata, ma il devoto mariano, nei pochi mesi che passò da magistrato prima di andare a rimpinzarsi per il resto della vita nella greppia della politica, comminò diverse pene di morte, poco prima che la pena capitale venisse abolita, mentre altri magistrati sospendevano il giudizio perché non fosse giustiziato nessuno. E questo campione di democrazia adesso è uno degli idoli della sinistra. D'altra parte lui alla sinistra deve tanto, perché lo salvò dall'incriminazione per la sparizione dei fondi neri del ministero dell'interno (100 milioni al mese per quattro anni). In cambio, questo "vecchio malvissuto", direbbe Manzoni, regalò il governo alla sinistra quando cadde il primo governo Berlusconi, alla faccia del responso elettorale