6 settembre 2008

Altroché Sapienza, a Parigi Papa Ratzinger parlerà a 600 prof (Bevilacqua)


Vedi anche:

VIAGGIO APOSTOLICO IN FRANCIA (12-15 SETTEMBRE 2008): LO SPECIALE DEL BLOG

Anno Paolino: aumentano i pellegrini a Tarso ma nella città dell'Apostolo delle Genti manca ancora una chiesa permanente. L'appello di mons. Padovese

Dalla Gallura a Cagliari in 1500, comitiva in viaggio per il Papa. Bus, navette ed annulli speciali delle Poste

Cagliari, Mons. Mani: «Nell'Isola c'è la vera fede». Pronta la brocca sarda che sarà donata al Papa

Beni beniu: le parole di Mons. Atzei e lo speciale de "Il Portico" sulla visita di Benedetto XVI a Cagliari

Milleottocento anni di storia: "Da Ponziano a Benedetto, i Papi in terra sarda" (Osservatore Romano)

IL PAPA A CAGLIARI: LE DIRETTE TELEVISIVE

Mons. Ravasi: "Europa, riparti dalla bellezza" (Osservatore Romano)

Il "sermone" di Ezio Mauro alla Chiesa ed ai Cattolici. Qualche riflessione...

Trapianti e morte cerebrale. "L'Osservatore Romano" ha rotto il tabù (Magister)

Quei dubbi sulla morte censurati da 40 anni (Lorenzetto)

Papa Ratzinger si iscrisse tra i donatori di organi

Il direttore Vian ha trasformato l´Osservatore Romano: il colore, l´assunzione di giornaliste, interventi su temi finora impensabili (La Rocca)

Qualche giorno di vacanza ma con un occhio al blog

VIOLENZE ANTI-CRISTIANE IN INDIA: RACCOLTA DI ARTICOLI

Su segnalazione di Elisabetta leggiamo:

Curie e Curiali Altroché Sapienza, a Parigi Ratzinger parlerà a 600 prof

Andrea Bevilacqua

La notizia è notevole e viene dalla Francia.
In vista del viaggio apostolico di Benedetto XVI (dal 12 al 15 settembre) a Parigi e poi a Lourdes, è stato restaurato in grande stile il College des Bernardins, ovvero l'edificio gotico più prestigioso di Parigi dopo la cattedrale di Notre Dame. Qui, infatti, il Papa verrà accolto da 600 invitati (professori universitari e intellettuali) che ascolteranno la sua attesissima lectio magistralis.
Qualche mese dopo l'accoglienza del tutto diversa che l'università La Sapienza di Roma non ha saputo (né voluto) dare al Pontefice, la Francia dà una lezione di stile all'Italia e, in occasione del discorso del Papa riservato al mondo della cultura e della scienza, apre l'edificio gotico dopo sei lunghi anni di ristrutturazione.

I lavori sono stati voluti dalla Chiesa con il sostegno dello Stato, la città di Parigi e la regione Ile de France. In tutto sono costati ben 50 milioni di euro.

Dopo l'arrivo del Papa, dal 15 settembre, partirà nell'edificio una programmazione artistica e culturale che farà di questo luogo, a due passi dalla Senna e dall'Università Sorbona, «un centro di incontro e di dialogo in cui la cultura è al servizio dell'uomo», ha spiegato l'arcivescovo di Parigi, André Vingt-Trois. Il College - ha aggiunto - «sarà totalmente aperto e offrirà libertà di parola e di creazione. Oltre agli studi di teologia dell'Ecole Cathedrale, il College de Bernardins accoglierà esposizioni di arte contemporanea, come quella dell'artista italiano Claudio Parmiggiani, una sala di cinema, una biblioteca, concerti e festival di musica classica e contemporanea, un centro per trasmettere via radio e televisione, oltre a un polo di ricerca e a sale per dibattiti e conferenze. Si è voluto insomma ritornare alla funzione originaria di centro per gli studi e la ricerca, ha continuato il Cardinale Ving-Trois: «Un luogo in cui intraprendere una riflessione sull'uomo, sul suo posto e il suo avvenire nella società».
L'idea di far risorgere il College des Bernardins era venuta al cardinale Jean-Marie Lustiger alla fine degli anni Novanta, proprio ripensando alle parole di Giovanni Paolo II a Parigi nel 1980: «È nella cultura che si fonda la distinzione capitale tra quello che l'uomo è e quello che ha». Il progetto architettonico, curato da Hevé Baptiste e da Jean-Michel Wilmotte, ha voluto preservare la bellezza della struttura cistercense caratterizzata dalla purezza delle linee e dalla loro sobrietà, aggiungendo un tocco di contemporaneità nel design. In tutto, il “nuovo” monastero si estende su 5.000 metri quadrati.

Insomma, per la prima di Benedetto XVI in Francia il mondo della cultura d'Oltralpe si mobilita in grande stile e riserva al successore di Pietro un'accoglienza da grandi occasioni.

© Copyright Italia Oggi, 5 settembre 2008

L'ennesima figuraccia per la povera Italia...molto e' cambiato nel panorama politico e culturale italiano da gennaio ad oggi, ma nessuno ha ancora presentato formali scuse al Pontefice.
A quando la riparazione del torto subito? A quando una sincera assunzione di responsabilita'?

Ricordo che Marco ci aveva segnalato dei siti sul College des Bernardins, ma non riesco a recuperarli.
Caro Marco, se leggi, potresti rimettere i link?
Grazie
.
Raffaella

6 commenti:

Luisa ha detto...

Su questo sito, dedicato alla visita del Papa a Parigi, troverete tutte le informazioni, comprese quelle sul Collège des Bernardins.

http://www.papeaparis.org/

Luisa ha detto...

Senza dimenticare il sito della nostra cara amica Béatrice !

http://beatriceweb.eu/BenoitEnFrance/

Anonimo ha detto...

Ecco due siti che parlano del College des Bernerdins:

Qui si parla dell’inaugurazione con il card. Vingt-Trois

http://eucharistiemisericor.free.fr/index.php?page=0509089_bernardins

e il sito ufficiale

http://www.collegedesbernardins.fr/

Sul quale vi consiglio di dare un’occhiata al video e alle immagini, è un vero splendore dell’arte gotica!! Non vedo l’ora di vedere il papa in quei luoghi. C’è molta attesa per il discorso al mondo della cultura. Marco

Raffaella ha detto...

Grazie Luisa e Marco per i link :-)
R.

Trilussa ha detto...

Cara Raffaella, all'inizio ( appena eletto ), ci fu un timido invito da parte del Sindaco di Roma ad accogliere il Santo Padre in Campidoglio....... ma, a seguito delle critiche avanzate dai " soliti studenti sapienti" e dell'opposizione, la cosa è passata nel dimenticatoio e pensare che con quell'invito, era intenzione del primo cittadino di Roma, proprio riparare lo sgarbo della Sapienza! Mah! secondo me è meglio che Benedetto non accetti a questo punto sono tutti uguali!

Raffaella ha detto...

Sottoscrivo, Trilussa :-)