18 ottobre 2008

Vaticano, pronto il rimpastone. Raffica di nomine in Curia. Girandola di poltrone in Cei (Bevilacqua)


Vedi anche:

Sinodo, nuovi passi nel secolare confronto con le altre religioni (Osservatore Romano)

Rito ambrosiano antico. Oggi a Legnano la prima messa cantata (Tornielli)

Cacciari: La Bibbia? Studiamola tutti (La Rocca)

Vian: "Ignazio di Antiochia è il primo vescovo che esercita un episcopato monarchico" (Tornielli)

Ignazio di Antiochia il Papa che non c’era (Tornielli)

Stamattina, ore 10.00, presso la Chiesa della SS.Trinità dei Pellegrini (Roma), Messa Pontificale secondo il rito tridentino

Pompei in grande attesa: domenica c'è l'arrivo di Papa Benedetto XVI

Beatificazione di Pio XII, gli Ebrei francesi "minacciano" il Vaticano: a rischio rapporti con la Santa Sede

Mamma, ho perso l’arca: L’archeologia biblica, i ritorni della nouvelle theologie e le indagini di Corrado Augias (Respinti)

Il Sinodo tira le somme del dibattito in aula: "Una Chiesa che ascolta sa anche predicare e celebrare" (Osservatore Romano)

Il canadese di fiducia di Benedetto XVI: Così il card. Ouellet guida il Sinodo sulla Parola (Rodari)

La fede e la ragione operino assieme per il bene dell’umanità: il commento del filosofo Vittorio Possenti all’indomani del discorso del Papa (R.V.)

Sant'Ignazio di Antiochia. Un Papa in incognito? (Osservatore Romano)

Fede e scienza unite per il bene dell’uomo (Santamaria)

Nelle omelie, no a opinioni personali: è la Chiesa che insegna. Intervista al prof. Salvatore Vitiello (Zenit)

Benedetto XVI: "Papa Wojtyla affrontò sino alla fine la sofferenza con la tempra del montanaro e la pazienza dell’umile servitore del Vangelo" (Discorso del Santo Padre in occasione della proiezione del film "Testimonianza" su Giovanni Paolo II)

Per alzare i livelli di qualità della predicazione i padri sinodali propongono un "direttorio". Ma l'esempio vivente è Benedetto XVI (Magister)

Rosso "malpela" l'ultima di Luzzatto secondo il quale gli zeloti di Papa Ratzinger darebbero del laicista a Roncalli...

Wall Street Journal: "Il giornale del Vaticano è una vera novità editoriale" (Corriere della sera)

La "riscossa" dei seguaci di Mons. Lefebvre (Griseri)

SINODO DEI VESCOVI SULLA PAROLA DI DIO (5-26 OTTOBRE 2008): LO SPECIALE DEL BLOG

Su segnalazione di Elisabetta leggiamo:

Fisichella verso Milano. Miglio favorito per Torino. In pensione Sardi, Caccia e Viganò

Vaticano, pronto il rimpastone

Raffica di nomine in Curia. Girandola di poltrone in Cei

di Andrea Bevilacqua

Si preannunciano importanti movimenti, nelle prossime settimane, all'interno della curia romana.
Il Sinodo dei vescovi in corso in questi giorni in Vaticano, infatti, ha portato a Roma diversi presuli e così è stato facile, per il Pontefice e i suoi più stretti collaboratori, avere scambi di opinione in merito a prossimi assestamenti da effettuare nell'organigramma del governo della Chiesa.
L'assestamento principale riguarda la congregazione per il Culto Divino.
Qui avverrà un doppio cambio al vertice: in una sola volta cambieranno sia il prefetto, il cardinale nigeriano Francis Arinze, che il segretario, il cingalese Malcom Ranjith.
Ad Arinze subentrerà il cardinale spagnolo Antonio Cañizares Llovera, arcivescovo di Toledo. Mentre per la successione di Ranjith i giochi sono aperti. C'è chi parla con insistenza dell'arrivo del liturgista salesiano Manlio Sodi.
Ma la cosa resta di difficile attuazione, viste le prese di posizione polemiche che in passato Sodi ha avuto nei confronti del motu proprio papale Summorum Pontificum col quale è stato liberalizzato l'antico rito rivisto nel 1962 da Giovanni XXIII.

Sempre in curia romana si parla con oramai con sempre più insistenza di tre importanti cambi nella segreteria di Stato, ovvero in quell'organo di comando che ha il maggior potere oggi all'interno della Santa Sede. Si tratta del probabile imminente addio di monsignor Sardi, monsignor Caccia e monsignor Viganò. Sardi, anni fa professore di teologia morale al seminario della diocesi di Acqui Terme, è colui che redige le bozze dei discorsi del Pontefice. Monsignor Viganò è invece a capo dell'ufficio del personale della Santa Sede: vigila quindi su ogni assunzione. Mentre Caccia è assessore agli affari generali, in sostanza «viceministro». Sono tre nomine di seconda fila ma, per gli incarichi ricoperti, di grande importanza. Tanto che nonostante il segretario di Stato, Tarcisio Bertone, abbia da tempo in animo di metterle in pratica, ancora fatica a trovare degni sostituti ai tre e, soprattutto, a trovare dei nuovi incarichi che non suonino per loro come delle bocciature.

Dalla curia romana alle diocesi italiane. Sistemata la grana Firenze - al posto del cardinale Ennio Antonelli il Papa ha nominato arcivescovo monsignor Giuseppe Betori - restano aperti i nodi Milano e Torino.
Milano è la diocesi nella quale si potrebbe avere a breve il nome del successore del cardinale Dionigi Tettamanzi. I seguaci di Tettamanzi e del precedente arcivescovo, il cardinal Martini, non disdegnerebbero l'arrivo di un milanese, ma da più parti si parla anche di una possibilità che prende il nome di monsignor Rino Fisichella.
Questi è stimato nel mondo dell'associazionismo milanese e la nomina, seppure di rottura rispetto a Martini e Tettamanzi, sarebbe di grande prestigio.

Quanto a Torino, manca ormai poco più di un anno all'addio di Poletto. Anche qui i giochi sono tra coloro che vogliono continuità rispetto alla presente gestione e coloro che vogliono invece un rinnovamento. Se continuità sarà la nomina più probabile è quella del vescovo di Ivrea Arrigo Miglio. Altrimenti tutto è possibile.

© Copyright Italia Oggi, 17 ottobre 2008

5 commenti:

Luisa ha detto...

Ecco a mio avviso, il tipico articolo che non serve a niente. Vento, aria, venticello, niente di concreto solo rumors.

don Marco (aspirante curiale) ha detto...

ho letto il titolo ed ho abboccato come un luccio. "Raffica di nomine" pensavo ci fosse qualche cambiamento invece si tratta dei soliti pettegolezzi di sacrestia. A dire il vero però ci sta qualcuno in Segreteria di Stato che ama fare queste rivelazioni per fortuna non hanno niente a che fare col Divino.
Lasciamo lavorare il Santo Padre, il suo mestiere, dopo qualche scivolata, lo sa fare molto bene. La prox volte meglio certezze che opinioni dubitabili, come dice cartesio: Cento dubbi non fanno una certezza. Vabbè, ho letto un pochino di gossip :))

Anonimo ha detto...

Quando "certe voci" non vanno a genio le si chiama rumori.
Anche il gatto quando non arriva al lardo dice che è rancido.
Cmq aspettiamo le nomine.......

Anonimo ha detto...

Secondo La Rocca su Repubblica, i vescovi saranno presto pensionabili tre anni più tardi. Ma a molti la proroga viene data anche adesso... Saluti, Eufemia

davide ha detto...

Non scivola affatto questo Papa invece, cammina ben diritto sulle sue gambe, cari miei. Lasciamogli fare il suo lavoro che sa fare sin troppo bene...!