24 settembre 2008

Ognibene risponde ai media ed a Ferrara: la posizione del card. Bagnasco non è nè una «svolta» nè una «rinuncia» (Avvenire)


Vedi anche:

Rosso Malpelo: Novità, conferme e reduci «giapponesi»

Magister: "Da Bagnasco una svolta sul testamento biologico" (Il Sussidiario)

Prolusione del card. Bagnasco: i commenti di Galeazzi e Giansoldati. Grande sensibilità di entrambi nel parlare delle violenze anticristiane

Prof Marino: "Imporre l'alimentazione? Non mettiamo troppi paletti". Prof Scaraffia: "Ribadito il no all'abbandono del malato" (Corriere)

Mons. Sgreccia: "Dal card. Bagnasco niente svolte. Esclusi solo accanimenti terapeutici" (Cremonesi)

Prolusione del card. Bagnasco: il commento di Aldo Maria Valli (Europa)

Visita del Santo Padre al Quirinale: il dossier di Radio Vaticana

I giovani: "Papa Benedetto ci fa strada. Seguiamolo" (Ruggeri)

Card. Gracias: "Parola di Dio e speranza, antidoti contro le violenze in India" (Osservatore Romano)

Joseph Ratzinger, il professore che divenne Papa (un brano tratto dal libro di Gianni Valente "Ratzinger professore")

Verso il Sinodo sulla Parola di Dio: gli insegnamenti di Benedetto XVI (Radio Vaticana)

Il Papa sarà a San Giovanni Rotondo nel 2009: l'annuncio del cardinale Bertone (Radio Vaticana)

Benedetto XVI-L’altare e i fratelli: "Un richiamo alla coerenza e alla giustizia" (Sir)

CARDINALE BAGNASCO: "L'ITALIA NON E' DA INCUBO, MA SERVONO PIU' VALORI CRISTIANI" (Agi)

Prolusione del card. Bagnasco, Possenti: «Diagnosi precisa e vicina ai problemi della gente». Il Foglio: "Eminenza, qui la cosa non funziona"

Prolusione del card. Bagnasco: parole pertinenti ai problemi (D'Agostino)

Il testo integrale dell'articolo di "Civiltà Cattolica" su Pio XII (Magister)

Geninazzi (Avvenire): contro le persecuzioni ci vuole un’ingerenza umanitaria (Sussidiario)

Testamento biologico: il commento di Massimo Franco sulla prolusione del card. Bagnasco

Card. Bagnasco: "La GMG sfida riuscita. Sydney si è arresa all'entusiasmo dei giovani. Spazzato via lo scetticismo intellettuale"

PROLUSIONE DEL CARD. BAGNASCO: TESTO INTEGRALE

La vergogna dell’India e quella dell’Europa e del mondo (Padre Cervellera)

I VESCOVI NON MOLLANO ALCUNA POSIZIONE

Per tutti una situazione nuova
Tenerne conto è solo saggezza


FRANCESCO OGNIBENE

Ma davvero c’è da credere a chi asserisce che nella posizione espressa lunedì scorso dal cardinale Angelo Bagnasco in tema di fine-vita ci sarebbe una «svolta» se non addirittura una «rinuncia» rispetto alle posizioni classiche fin qui sostenute dalla Chiesa, per deragliare verso una «risposta intimidita e confusa», cedevole insomma nei confronti di una «cultura post-moderna che si mangiucchia pezzo per pezzo... ciò che resta della resistenza al relativismo soggettivista»?
No, evidentemente è roba da non credere, che puzza di impraticabilità lontano mille miglia. Come si fa ad addebitarla alla Chiesa? È come dire: se uno vuol morire, che muoia pure, quando e come preferisce, aiutato da chi vuole, da chi lui stesso designa anche con un anticipo di decenni, e a prescindere da qualunque valutazione medica circostanziata e pertinente. Insomma, l’esatto contrario di ciò che la Chiesa ha sempre tenacemente affermato, e continua tenacemente ad affermare.
«Se abbiamo capito bene», è la doverosa premessa dell’anonimo editorialista del Foglio allo spericolato ragionamento. Ecco, appunto, forse stavolta l’amico Ferrara – quasi sempre capace di leggere in tema di bioetica là dove gli altri stentano ad arrivare – non ha capito bene, come hanno equivocato alcuni altri, sul versante opposto, e già questa inopinata confluenza dovrebbe indurre a qualche istintivo sospetto.
Ipotizzare che i vescovi abbiano negoziato lontano da occhi indiscreti una sorta di resa culturale con «la cultura postmoderna» è un grave errore concettuale e politico, un autentico abbaglio, che dà per acquisite certezze inconsistenti. È difficile infatti leggere nelle parole pronunciate lunedì dal cardinale Bagnasco al Consiglio permanente Cei una svendita o un’inversione di rotta, come ha efficacemente annotato monsignor Elio Sgreccia, interpellato dal Corriere.
«Nelle parole del cardinale Bagnasco – ha detto – non vedo alcun rovesciamento di posizioni: il presidente della Cei ha ribadito e rafforzato la posizione del Santo Padre».
Guardiamo senza paraocchi la realtà: è vero, in questa vicenda c’è chi ha cambiato le carte in tavola. Si tratta della Corte di Cassazione che il 16 ottobre di un anno fa, rovesciando clamorosamente un consolidato orientamento giurisprudenziale, ha di fatto autorizzato la Corte d’Appello di Milano a dare il via libera per il distacco del sondino che tiene in vita Eluana, sulla base di argomentazioni friabili, del tutto sproporzionate a una sentenza chiamata a decidere della vita di una persona disabile incapace di esprimere la propria volontà attuale.

Un drammatico colpo di mano, contro il quale – non a caso – si è levato un coro di giuristi allarmati per la pericolosa crepa aperta nel diritto alla vita. Con la sua sbalorditiva sortita la Suprema Corte ha di fatto, e a suo modo, legiferato in una materia nella quale devono valere garanzie e tutele indisponibili.

Se queste vengono ignorate, non solo su Eluana ma anche sui duemila pazienti in stato vegetativo come lei pende un verdetto di condanna: libero d’ora in poi chi li accudisce di sospendere l’alimentazione artificiale, se evoca vaghe dichiarazioni rese anni prima e in condizioni di piena salute, col beneplacito di una parte minoritaria della magistratura.
Prendere atto che questi sono i fatti nuovi con i quali occorre fare i conti è un segno di saggezza, non certo di disinvoltura. Di lungimiranza, non di ripiegamento. Di coerenza, non di rovesciamento delle posizioni. E se la politica per una volta si mostra agile nel voler porre mano a una situazione che sta ormai sfuggendo al controllo, perché affidata al soggettivismo e alla creatività di singoli attori, come possono i vescovi non tenerne conto e non affidare ai legislatori le loro attese (i famosi 'paletti' evocati dalla signora Coscioni) rispetto alla legge che si vuol far nascere? Possibile che non dica nulla il fatto che oggi, dopo la famosa sentenza della Cassazione, sono proprio alcuni dei propugnatori storici del testamento biologico a dire 'meglio nessuna legge'? Certo, dal loro punto di vista, hanno già ottenuto tutto dalla Cassazione, a che serve ora una legge, forse a restringere le possibilità? Sì, esattamente a questo deve servire, e non – ovvio – a deragliare rispetto ai binari di un umanesimo che sa preservarsi integro per le generazioni future. Amico Ferrara, che ti succede? Dove è andata a finire la tua rinomata lucidità, la tua proverbiale e caparbia autonomia di pensiero?

© Copyright Avvenire, 24 settembre 2008

1 commento:

Carla ha detto...

La "lezione" della 194 e della legge 40 dovrebbero aver dimostrato in modo esauriente che è pura utopia ed illusione la possibilità che venga alla fine approvata una "legge sulla fine della vita" che sia pienamente coerente con i principi delineati dal Magistero della Chiesa. Così avremo una legge in qualche articolo della quale sarà concesso qualche "contentino" ai cattolici, poi ci sarà, come da copione, il solito referendum abrogativo, e di nuovo la Chiesa sarà costretta ad una soluzione di compromesso sul "male minore". Inoltre, non convince , nella replica di "Avvenire", che questa legge in realtà sia la via obbligata perchè altrimanti(v. caso Eluana ) si deciderà della vita delle persone "a colpi di sentenza". Secondo me, a parte le considerazioni (non da poco!) sulla sacralità della vita che ci viene da Dio e sul venire ad esistenza della quale l'uomo "coopera soltanto", per me è comunque preferibile una sentenza della Cassazione in questa materai delicatisima (che da noi per fortuna non crea un precedente di fatto vincolante, poichè non siamo in un paese anglosassone) piuttosto che una legge (che prevedo comunque pasticciata e lacunosa) che dispone una volta per tutte astrattamente e nella generalità dei casi su tale delicatissimo tema (generalità di casi che in questa materia è arduo elaborare). Saluti Carla