3 ottobre 2008

Cento leader cristiani nel mirino dei fanatici induisti (Micalessin). Perchè i capi religiosi induisti (e buddisti) tacciono?


Vedi anche:

VIOLENZE ANTI-CRISTIANE IN INDIA: RACCOLTA DI ARTICOLI

Laicità, una parola di cui si abusa, ma alla quale manca la giusta definizione (Maddalena)

Continuano le violenze contro i Cristiani in Orissa (Asianews)

Zio Berlicche a Malacoda: "Ti prego, evitiamo le battute facili" (Tempi)

I «preamboli della fede»: Il soprannaturale è una persona in carne e ossa (Inos Biffi per l'Osservatore Romano)

Aspetti teologici e dottrinali dell'«Humanae vitae». Veramente liberi e liberamente veri (Card. Caffarra per l'Osservatore Romano)

Visita del Papa al Presidente Napolitano. Intervista all'ambasciatore Zanardi Landi: "Un incontro di valore particolarissimo" (Osservatore Romano)

Il vescovo Nikolaus Messmer su attese e difficoltà dei cattolici del Kyrgyzstan: "I grandi orizzonti di una piccola comunità" (Osservatore Romano)

Il testo della lettera di Benedetto XVI ad Alessio II: "Profondo affetto per tutti i fratelli ortodossi"

Il card. Sepe dona ad Alessio II una reliquia di San Gennaro e consegna una lettera del Papa: cattolici e ortodossi russi sempre più vicini (R.V.)

Fides: anacronistico sostenere che il rito postconciliare della Santa Messa sia più ricco, mentre il Messale di San Pio V povero e poco accurato

Card. Bagnasco: verso i media con una mentalità nuova (Muolo)

Il Papa ai vescovi dell'Asia Centrale: "Professare la propria fede liberamente è uno dei diritti umani fondamentali e universalmente riconosciuti"

Rosso "malpela" la De Gregorio che si scusa per la vignetta "fascista" su Brunetta ma non usa lo stesso metro con Papi e Cattolici

Pio XII, il silenzio degli storici. «Accusato di aver taciuto sulla Shoah, ma nessuno l'ha studiato davvero» (Messina)

Andrea Tornielli: "Betori, il motu proprio e le parole di Perl". Da leggere per bene (personalmente condivido in pieno)

Intervista esclusiva di Andrea Tornielli a Mons. Georg Ratzinger: "Mio fratello Papa Ratzinger (che voleva fare l'imbianchino)"

Cento leader cristiani nel mirino dei fanatici induisti

di Gian Micalessin

Cento cristiani nel mirino, cento cristiani da uccidere a ogni costo. La violenza religiosa nello Stato indiano dell’Orissa è a una nuova drammatica svolta. Dopo gli assalti di questa settimana a villaggi e chiese, dopo l’uccisione di tre fedeli tra cui una donna bruciata viva, preti e vescovi temono un complotto degli estremisti indù per eliminare i principali esponenti della comunità religiosa.
«Siamo tutti nel mirino, gli estremisti indù hanno pronta la lista con i nomi di cento cristiani da uccidere e io sono uno di quelli» - ha dichiarato ieri Raphael Cheenath, arcivescovo cattolico della diocesi di Cuttack-Bhubaneswar. La gravissima minaccia resa pubblica dall’alto prelato è contenuta in una lettera spedita a lui e ad altri esponenti della comunità cristiana. «La minaccia di morte è chiara ed esplicita, la lettera promette la mia eliminazione» chiarisce l’arcivescovo, ricordando che il coprifuoco imposto dopo le violenze degli ultimi giorni non basta a bloccare gli assalti.
«L’amministrazione è assolutamente irresponsabile, la situazione è ormai fuori controllo - accusa monsignor Cheenath - il coprifuoco non serve a nulla, qui solo i cristiani rispettano la legge, gli altri sono assolutamente liberi di bruciare chiese e uccidere senza che nessuno alzi un dito per fermarli».
La denuncia del vescovo è confermata dall’appello al governo indiano lanciato ieri da Amnesty International. L’organizzazione sollecita Nuova Delhi a «far seguire alle parole fatti concreti per garantire che le minoranze cristiane dello Stato di Orissa siano protette da ulteriori atti di violenza».

I ventimila cristiani rifugiatisi a settembre nei campi di raccolta istituiti dal governo di Orissa subiscono, stando ad Amnesty, costanti intimidazione degli estremisti indù che promettono di ucciderli se torneranno ai loro villaggi senza essersi convertiti all’induismo.

E a nulla sarebbero servite le assicurazioni fornite alla Francia, in qualità di presidente di turno dell’Unione europea, dal primo ministro indiano Manmohan Singh. Lunedì durante l’incontro a Parigi con il presidente Nicolas Sarkozy, il premier indiano aveva definito la violenza una «vergogna nazionale» e aveva garantito una «ferma presa di posizione» del suo esecutivo per metter fine ad assalti e minacce alle comunità cristiane. Nello stesso incontro Sarkozy gli aveva espresso la serie preoccupazione dell’Unione europea per il «massacro dei cristiani».

© Copyright Il Giornale, 3 ottobre 2008 consultabile online anche qui.

Assordante id imbarazzante il silenzio dei leader religiosi indu' e del governo tibetano in esilio proprio in India.
E i media? Cerchiamo di immaginare che cosa sarebbe accaduto se a tacere sulle violenze su buddisti ed induisti fosse stato il Vaticano.
Ricordate tutte le polemiche per il fatto che il Papa "tardava" a lanciare appelli a favore del Tibet?
Benedetto XVI ha lanciato un monito forte e chiaro, liquidato poi dalla stampa come una sorta di "atto dovuto".
Stupisce e fa pensare il silenzio dei capi religiosi induisti e del Dalai Lama.
Non sono ne' politicamente ne' mediaticamente ne' religiosamente corretta e quindi non ho alcun problema a denunciare la politica dei due pesi e due misure dei mass media occidentali
.
Raffaella

Vedi anche:

Somalia, Al Qaida distrugge anche l’ultima chiesa di Fausto Biloslavo

3 commenti:

mariateresa ha detto...

cara, qualcuno che parla c'è:
http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/207048?ref=hpchie
ma si tratta di brave persone isolate.

Anonimo ha detto...

Cara Raffaella,
sul tristissimo argomento "Come fedele indù provo vergogna..."
Un autorevole discepolo di Vivekananda rompe il generale silenzio sulle violenze in India. Prende le difese dei cristiani e accusa i loro aggressori di tradire lo spirito dell'induismo
di Sandro Magister
www.chiesa
Ciao
Alessia

giuseppe ha detto...

sono dell avviso che le autorità delle pseudo religioni induiste e buddiste siano corresponsabili di questi atroci massacri