2 ottobre 2008

Zio Berlicche a Malacoda: "Ti prego, evitiamo le battute facili" (Tempi)


Vedi anche:

I «preamboli della fede»: Il soprannaturale è una persona in carne e ossa (Inos Biffi per l'Osservatore Romano)

Aspetti teologici e dottrinali dell'«Humanae vitae». Veramente liberi e liberamente veri (Card. Caffarra per l'Osservatore Romano)

Visita del Papa al Presidente Napolitano. Intervista all'ambasciatore Zanardi Landi: "Un incontro di valore particolarissimo" (Osservatore Romano)

Il vescovo Nikolaus Messmer su attese e difficoltà dei cattolici del Kyrgyzstan: "I grandi orizzonti di una piccola comunità" (Osservatore Romano)

La realtà dell'Uzbekistan nelle parole del vescovo Jerzy Maculewicz: "La consegna del Vangelo della carità" (Osservatore Romano)

A colloquio con l'arcivescovo Tomash Peta, presidente dei vescovi del Kazakhstan: "La fedeltà di una Chiesa segnata dal martirio" (Osservatore Romano)

La Chiesa celebra la memoria degli Angeli Custodi: la riflessione del teologo Salvatore Vitiello (Radio Vaticana)

Il card. Sepe dona ad Alessio II una reliquia di San Gennaro e consegna una lettera del Papa: cattolici e ortodossi russi sempre più vicini (R.V.)

Fides: anacronistico sostenere che il rito postconciliare della Santa Messa sia più ricco, mentre il Messale di San Pio V povero e poco accurato

Il testo della lettera di Benedetto XVI ad Alessio II: "Profondo affetto per tutti i fratelli ortodossi"

Card. Bagnasco: verso i media con una mentalità nuova (Muolo)

Il Papa ai vescovi dell'Asia Centrale: "Professare la propria fede liberamente è uno dei diritti umani fondamentali e universalmente riconosciuti"

Il Papa ad Alessio II: "Profondo affetto per tutti i fratelli ortodossi"

La Chiesa e i media un rapporto da rafforzare (Osservatore Romano)

Romano Guardini, «faro» di Benedetto XVI: l'analisi di Franco Volpi

Alessio II al cardinale Sepe: "Grazie a Benedetto XVI per la sua lettera autografa"

Rosso "malpela" la De Gregorio che si scusa per la vignetta "fascista" su Brunetta ma non usa lo stesso metro con Papi e Cattolici

Pio XII, il silenzio degli storici. «Accusato di aver taciuto sulla Shoah, ma nessuno l'ha studiato davvero» (Messina)

I riflessi della Bibbia nella storia dell'arte. La Bibbia, istruzioni per l'uso (Osservatore Romano)

Il Papa: "La libertà cristiana non s'identifica mai con il libertinaggio o con l'arbitrio di fare ciò che si vuole, ma si attua nella conformità a Cristo"

Benedetto XVI ha un padre, Romano Guardini (Magister e Zucal)

Andrea Tornielli: "Betori, il motu proprio e le parole di Perl". Da leggere per bene (personalmente condivido in pieno)

Richiamo del card. Bagnasco sulla sobrietà dei matrimoni: il commento (da non perdere!) di Lorenzetto

Intervista esclusiva di Andrea Tornielli a Mons. Georg Ratzinger: "Mio fratello Papa Ratzinger (che voleva fare l'imbianchino)"

Ti prego, evitiamo le battute facili

di Berlicche

Mio caro Malacoda, non ti devi far trascinare dalla battuta facile. È vero che di solito funziona, che lo slogan è più efficace di un ragionamento, ma bisogna stare attenti a non indurre scintille di curiosità nei nostri assistiti.
La curiosità, un’iniziale manifestazione di interesse per il vero, può, se supera lo strato di epidermide a cui solitamente si arresta (il distratto «Che cos’è la verità» di Pilato), diventare pericolosa. Te lo ripeto perché la divertente vignetta di Staino su Emme, l’inserto satirico dell’Unità di lunedì scorso, potrebbe indurre in tentazione chi provasse a prenderla sul serio.

Cosa c’è di pericoloso in quella vignetta? Un suggerimento, un invito a informarsi direttamente alle fonti superando la vulgata e quindi la disinformazione.

Dice Bobo a sua figlia leggendo la notizia su un giornale: «Il Papa leggerà la Bibbia in tv». Risponde la figlia: «Il vero scoop sarebbe stato che leggesse la “Dichiarazione dei diritti dell’uomo” dell’Onu».

Si ride facile, l’obiettivo è raggiunto, il movimento delle mascelle blocca quello del cervello, ma… c’è un ma. Qualche anima ingenua potrebbe prendere sul serio l’indicazione bibliografica e andarsi a leggere la “Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo” e scoprire che Benedetto XVI l’ha veramente letta, ed è uno dei pochi.

E che se coloro che la citano in continuazione la leggessero, smetterebbero di citarla perché dovrebbero ammettere che quel documento dà più ragione all’arcigno teologo bavarese che non ai suoi detrattori.
Perché quel documento fu il «risultato di una convergenza di tradizioni religiose e culturali, tutte motivate dal comune desiderio di porre la persona umana al cuore delle istituzioni, leggi e interventi della società, e di considerare la persona umana essenziale per il mondo della cultura, della religione e della scienza».
Sarebbe difficile infatti negare che i diritti umani «sono basati sulla legge naturale iscritta nel cuore dell’uomo e presente nelle diverse culture e civiltà»; risulterebbe quindi arduo per chiunque misconoscere «il fatto che non solo i diritti sono universali, ma lo è anche la persona umana, soggetto di questi diritti». Una lettura non avveduta e non guidata di quella carta fondamentale internazionale potrebbe indurre nella mente del neofita che i diritti umani, oltre che “universali”, sono anche “indivisibili” e mandare così a monte sessant’anni di lavoro durante i quali abbiamo preso quel documento e l’abbiamo tirato da tutte le parti finché ne abbiamo fatto pezzettini sparsi, diritti singoli che vagano orfani per il mondo senza riferimento alcuno alla “persona” che dovrebbero difendere, appesi a un concetto di legalità che è diventato il loro unico fondamento. Ma l’esperienza ci insegna che quando la legalità prevale sulla giustizia, «i diritti rischiano di diventare deboli proposizioni staccate dalla dimensione etica e razionale, che è il loro fondamento e scopo. Al contrario, la Dichiarazione universale ha rafforzato la convinzione che il rispetto dei diritti umani è radicato principalmente nella giustizia che non cambia».
Ti prego, a questo punto, di non chiedermi il nome dell’autore dei virgolettati, mi sono stufato di fargli pubblicità. Il cristianesimo, contrariamente alle malattie, se lo conosci non lo eviti più. Riguardati.

Tuo affezionatissimo
zio Berlicche

© Copyright Tempi, 2 ottobre 2008

:-))))))))))))))))))))))))))))))))))))))

3 commenti:

euge ha detto...

Già cara Lella


:-)))))))))))))))))))))))))))!!!!!!

Gioacchino Belli ha detto...

A proposito della vignetta:


ECCO COME DARSI LO ZAPPONE SUI PIEDI :-))))))))

Carla ha detto...

Buon giorno a voi, considerata anche dal punto di vista anticattolico, il senso della battuta di Staino è NULLO. Che c'è da eccepire sulle posizioni della Chiesa cattolica in materia di diritti umani? Semmai saranno gli amici di Staino, magari in materia di aborto, eutanasia e bioetica, tanto per fare degli esempi a caso, a non dimostrare un perfetto allineamemto con i principi contenuti nella Dichiarazione dei diritti dell'uomo. Carla