22 aprile 2008

Attivista per i diritti umani: il Papa all’Onu mostra la strada verso la pace (Asianews)


Vedi anche:

PAPA IN USA - Il silenzio, la preghiera, il ricordo: A Ground Zero “la sintesi” del viaggio apostolico (Zavattaro)

Il Papa negli Usa: l'America applaude Benedetto e ora riflette (Bardazzi)

Le giornate del Papa negli Stati Uniti: il "diario" di Sandro Magister

Benedetto XVI: «La Chiesa statunitense si purifichi» (Marroni)

Le vetrate di Ratzinger e “Il fauno di marmo” di Nathaniel Hawthorne (Magister)

Il Papa negli Usa: il bilancio nel commento di Salvatore Izzo (Agi)

Audio e traduzione dell'intervento del Santo Padre al canale radiofonico "The catholic channel" di New York

Messaggi del Papa ai Capi di Stato di USA, Canada, Irlanda, Francia e Italia. La risposta del Presidente Napolitano

Tempo di bilanci per il viaggio del Papa: il servizio di Stefano Maria Paci (Skytg24)

La riconoscenza e l'augurio nel terzo anniversario di pontificato (Osservatore Romano)

Gli auguri del cardinale Bertone e la risposta "a braccio" del Papa: "Grazie perché donate il vostro amore anche al povero Successore di San Pietro"

VISITA DEL PAPA NEGLI USA: RACCOLTA DI VIDEO

Giovanni Maria Vian: il Papa negli Usa, "Viaggio storico" (Osservatore Romano)

Il Papa a Ground Zero: «Dio, converti chi odia» (Accattoli)

A Ground Zero “Mai più tanto odio e dolore” (Galeazzi)

PAPA IN USA - In cinque punti: i testi di Benedetto tracciano un percorso da “progetto culturale” (Sir)

Le sorprese di Benedetto (Angelo Scelzo per "Il Mattino")

Dolcezza e compassione: così Benedetto ha convinto gli americani (Pompetti)

Un’America entusiasta di Papa Ratzinger

Viaggio del Santo Padre negli Usa: il commento di padre Federico Lombardi (Radio Vaticana)

La prima volta del rabbino Neusner col vecchio amico Joseph (Magister)

In sei giorni Ratzinger ha conquistato l'America

L’ America impazzi­sce per Papa Bene­detto. La folla nelle vie di Manhattan ha lasciato stupiti anche i media

La Preghiera di Papa Benedetto XVI a Ground Zero: "Dio di pace, porta la tua pace nel nostro mondo violento" (Preghiera del Santo Padre durante la visita a Ground Zero di New York)

IL PAPA INCONTRA ALCUNE VITTIME DEGLI ABUSI SESSUALI DI PRETI

DISCORSI ED OMELIE DEL SANTO PADRE NEGLI USA

VIAGGIO APOSTOLICO DEL PAPA NEGLI USA (15-21 APRILE 2008): LO SPECIALE DEL BLOG (rassegna stampa, notizie, avvenimenti)

Su segnalazione della nostra Alessia leggiamo:

INDIA

Attivista per i diritti umani: il Papa all’Onu mostra la strada verso la pace

di Nirmala Carvalho

Lenin Raghuvanshi, ateo e comunista, dirige il Comitato di vigilanza del popolo sui diritti umani. Ad AsiaNews lancia un appello ai leader mondiali, che devono fare tesoro di quanto detto ieri da Benedetto XVI all’Onu: senza diritti umani non c’è pace, né diritto.

New Delhi (AsiaNews)

I leader mondiali “devono imparare dalle parole pronunciate ieri dal Papa all’Onu, impegnandosi a migliorare la situazione dei diritti umani nel mondo. Soltanto in questo modo potremo assistere alla nascita di un nuovo mondo, dove la dignità umana ed i diritti dell’uomo vengano tutelati e rispettati”. È l’appello consegnato ad AsiaNews da Lenin Raghuvanshi, direttore del Comitato di vigilanza del popolo sui diritti umani e vincitore nel 2007 del prestigioso Premio Gwuangju per i diritti umani.

L’attivista, ateo e comunista, aggiunge: “Benedetto XVI è ammirato non soltanto dai cristiani, ma anche da persone come me. Oggi è un giorno di grande speranza: i concetti di cui il Papa ha parlato davanti alle Nazioni Unite sono la base stessa della convivenza mondiale. Io lo ritengo un coraggioso difensore dei diritti umani ed un grande avvocato della dignità dell’uomo”.

Lo stato di diritto, l’etica, i diritti umani “sono i tre principi fondanti della democrazia. Sono interdipendenti, e devono essere amministrati con giustizia ed equità. Allo stesso tempo, il primo fra i diritti umani è la libertà di religione e di coscienza, un aspetto della vita umana che deve essere lasciato all’individuo. Nessuno può intervenire in queste sfere di coscienza, tanto meno lo Stato”.

Il Papa “ha espresso un concetto illuminante: la predominanza del bene comune. L’uguaglianza non può essere tale se non contempla l’equità: questa non può limitarsi soltanto alla giusta distribuzione delle risorse, ma deve essere rafforzata da azioni concrete e quotidiane compiute da tutti. Senza il bene comune, è impossibile fondare uno stato di diritto”.

Il rischio è quello “di lasciare li campo ad anarchia, terrorismo e violenza, fattori che nascono e si alimentano lì dove manca la dignità umana. Tutti i politici, i diplomatici, i governi devono imparare da quanto ha espresso ieri Benedetto XVI: la pace nel mondo, una pace sostenibile, non può che basarsi su giustizia, equità e prosperità”.

© Copyright Asianews

2 commenti:

Carla ha detto...

Sul "Messaggero" di Roma di oggi www.ilmessaggero.it alle pagg.1 e 24 c'è un articolo su un ringraziamanto pubblico di Fidel Castro a Papa Benedetto per il viaggio in USA, con molti, molti elogi, in particolare per i colloqui che a Washington Bertone (che 2 mesi fa è stato a l'Habana) ha avuto con Condoleezza rice sulla questione dell'embargo delle merci verso Cuba. Ciao Carla

Raffaella ha detto...

Grazie Carla :-)
Ho inserito l'articolo a tuo nome.
R.