22 ottobre 2008

Il Papa nell'Introduzione alla sua Opera Omnia: "Non proponevo nuove trasformazioni ma semplicemente mettere al centro dell'altare la croce"


Vedi anche:

Card. Ricard: "Libertà religiosa per tutti e dovunque" (Osservatore Romano)

Presentato il primo volume dell’Opera Omnia di Joseph Ratzinger (Radio Vaticana)

Il Papa: "Volevo cancellare un capitolo controverso del mio libro sulla liturgia..."

Joseph Ratzinger: "Ma il cristiano non spera solo in un «mondo migliore»" (da Escatologia-Morte e vita eterna)

Il professor Ratzinger spiega l’aldilà. Torna in libreria il volume " Escatologia - Morte e vita eterna" (Galli)

Il Papa: "Cristo è una persona che mi ama, con la quale posso parlare, che mi ascolta e mi risponde, questo è realmente il principio per capire il mondo"

La camorra ed il Papa antiretorica (Valli)

Conferenza stampa di presentazione del 1° volume dell'Opera Omnia di Joseph Ratzinger-Benedetto XVI in edizione tedesca

Luca Volontè: "Sesso, Pio XII, scienza e camorra. L’ultima moda: attaccare il Papa" (Libero)

Ravasi: a scuola un'ora di Bibbia obbligatoria per tutti (Accornero)

Il Papa all'udienza: "Cristo è una persona vivente, che mi ama, mi ascolta e mi risponde" (Sir)

Il Papa e il Patriarca Bartolomeo I: «Un’esperienza di vera comunione» (Muolo)

Critiche quanto mai esasperate ed ingenerose sul discorso del Santo Padre sulla "Fides et ratio" (Lodovici)

Sinodo, proposizioni e documento finale: ultimi ritocchi (Sir)

Mons. Ravasi sull'anticlericalismo: "Ferire la coscienza intorpidita" (Osservatore Romano)

Il Papa: non cedete alla tentazione di abbandonare i malati inguaribili (Politi)

Giovanni Maria Vian: "Se la Parola torna poliglotta" (Osservatore Romano)

Rabbino Rosen: "Pio XII è una figura controversa, ma la targa del museo è davvero eccessiva" (Caprile)

DIVAMPANO LE POLEMICHE SULLA BEATIFICAZIONE DI PIO XII: ATTACCARE PACELLI PER COLPIRE BENEDETTO XVI? RACCOLTA DI ARTICOLI

Anniversario dell'elezione di Giovanni XXIII: martedì 28 ottobre Benedetto XVI scenderà in San Pietro per abbracciare i Bergamaschi (Dignola)

Papa Ratzinger, la scienza e la solita stampa oscurantista (Liberal)

La Sua analisi è chiara, Dottor Lecter: ecco come i giornaloni hanno preconfezionato gli articoli su Pompei (di Clarice Sterling)

Quando la stampa dà lezioni pure a Papa Ratzinger (Santambrogio per "Libero")

«Ero agnostico e indifferente.Poi fui abbagliato dalla Luce» (dal libro-intervista "Perché credo". Andrea Tornielli a colloquio con Vittorio Messori)

Esce oggi il libro-intervista «Perché credo»: Andrea Tornielli a colloquio con Vittorio Messori (Brambilla e Sacchi)

Se i silenzi sulla Shoah portano un solo nome...Perchè allo Yad Vashem di Gerusalemme non compaiono le foto di Roosevelt e Churchill? (Battista)

SINODO DEI VESCOVI SULLA PAROLA DI DIO (5-26 OTTOBRE 2008): LO SPECIALE DEL BLOG

Papa: Messa 'spalle al popolo'? Lo facevano i primi cristiani

Benedetto XVI nell'introduzione a volume di sua 'opera omnia'

Città del Vaticano, 22 ott. (Apcom)

La cosiddetta messa 'spalle al popolo' non è un'invenzione peregrina, ma una prassi invalsa presso gli antichi cristiani - e superata solo in tempi moderni - che mette in evidenza come preti e fedeli preghino insieme Dio, vero centro della liturgia e della vita cristiana: lo ribadisce il Papa in un passaggio dell'introduzione all'undicesimo volume in lingua tedesca della sua 'opera omnia' presentato oggi in Vaticano.

Joseph Ratzinger ripercorre la vicenda delle polemiche suscitate da un suo libro pubblicato nel 2000, quando era cardinale, 'Lo spirito della liturgia. Un'introduzione', per fare chiarezza.
Fautore di una liturgia sobria e solenne (da Papa, ad esempio, ha promulgato il Motu proprio che ha liberalizzato il messale tridentino, la cosiddetta messa in latino), Benedetto XVI spiega che nel volume del 2000 affrontava la questione liturgica in modo ampio e dettagliato.

"Purtroppo quasi tutte le recensioni si sono concentrate su alcuni capitoli: l'altare e la direzione della preghiera nella liturgia. I lettori delle recensioni si devono essere convinti che l'intero libro trattava della direzione nelle celebrazioni e che il suo contenuto era di voler reintrodurre la messa 'spalle al popolo'.

Di fronte a queste rappresentazioni - confessa il Papa - per un certo tempo ho pensato di eliminare quel capitolo - nove pagine di circa duecento - in modo che potesse finalmente emergere quello che nel libro effettivamente mi interessava".

Un'idea alla quale rinunciò, spiega Benedetto XVI, tanto più che nel frattempo sono stati pubblicati altri libri (di U.M. Lang e di S. Heid) che fanno chiarezza in materia. E spiegano ancor più diffusamente quello che Ratzinger aveva affermato. "Il pensiero che preti e fedeli nella preghiera si guardino l'un l'altro è emersa solo nei tempi moderni ed era del tutto estranea agli antichi cristiani", scrive oggi il Papa.

Il senso del suo ragionamento, allora, era "non di fare nuove trasformazioni, ma semplicemente mettere al centro dell'altare la croce che presti e credenti guardano insieme, per farsi guidare dal Signore che tutti pregano insieme".

© Copyright Apcom

3 commenti:

giuseppe ha detto...

sublime questa idea di mettere almeno il Crocifisso al centro dell'altare.resto dell'avviso che guardare tutti insieme verso l'altare renda piu alto il valore dellaSantaMessa

euge ha detto...

Anch'io trovo giusto che la Croce sia posta al centro dell'altare e non solo perchè lo dice Benedetto XVI ma, perchè secondo me è giusto che durante la celebrazione della Messa che riporta al sacrificio di Cristo, i fedeli rivolgano la loro attenzione spirituale a Colui che si è immolato per la salvezza degli uomini.

Anonimo ha detto...

Nella mia parrocchia, ma vedo che la "moda" dilaga in tante altre la croce è stata tolta dal classico posto sull'altare maggiore in mezzo ai seio classici candelieri che sono stati tolti pure loro lasciando l'altare spoglio. La croce è stata sostituita con una croce processionale molto piccola a fianco dell'altare cu cui si celebra. Eco come le parole del papa arrivano al mio parroco... Marco