22 aprile 2008

Un Papa sorprendente ha stregato gli States (Mazza)


Vedi anche:

Gaggi: "E la folla «scioglie» Ratzinger". Veramente il Papa è sempre stato così solo che i media guardavano dall'altra parte...

A Saint Patrick come nel Seminario di Saint Joseph, il Papa entusiasma la «Grande Mela»

Il Papa, l’America e i non nati (Il Foglio)

Il viaggio di Benedetto XVI ha ridato vigore alla Chiesa statunitense

Un trionfo in America per il Papa (John Voice)

Attivista per i diritti umani: il Papa all’Onu mostra la strada verso la pace (Asianews)

PAPA IN USA - Il silenzio, la preghiera, il ricordo: A Ground Zero “la sintesi” del viaggio apostolico (Zavattaro)

Il Papa negli Usa: l'America applaude Benedetto e ora riflette (Bardazzi)

Le giornate del Papa negli Stati Uniti: il "diario" di Sandro Magister

Benedetto XVI: «La Chiesa statunitense si purifichi» (Marroni)

Le vetrate di Ratzinger e “Il fauno di marmo” di Nathaniel Hawthorne (Magister)

Il Papa negli Usa: il bilancio nel commento di Salvatore Izzo (Agi)

Audio e traduzione dell'intervento del Santo Padre al canale radiofonico "The catholic channel" di New York

Messaggi del Papa ai Capi di Stato di USA, Canada, Irlanda, Francia e Italia. La risposta del Presidente Napolitano

Tempo di bilanci per il viaggio del Papa: il servizio di Stefano Maria Paci (Skytg24)

La riconoscenza e l'augurio nel terzo anniversario di pontificato (Osservatore Romano)

Gli auguri del cardinale Bertone e la risposta "a braccio" del Papa: "Grazie perché donate il vostro amore anche al povero Successore di San Pietro"

VISITA DEL PAPA NEGLI USA: RACCOLTA DI VIDEO

Giovanni Maria Vian: il Papa negli Usa, "Viaggio storico" (Osservatore Romano)

A Ground Zero “Mai più tanto odio e dolore” (Galeazzi)

Le sorprese di Benedetto (Angelo Scelzo per "Il Mattino")

Un’America entusiasta di Papa Ratzinger

Viaggio del Santo Padre negli Usa: il commento di padre Federico Lombardi (Radio Vaticana)

La prima volta del rabbino Neusner col vecchio amico Joseph (Magister)

L’ America impazzi­sce per Papa Bene­detto. La folla nelle vie di Manhattan ha lasciato stupiti anche i media

IL PAPA INCONTRA ALCUNE VITTIME DEGLI ABUSI SESSUALI DI PRETI

DISCORSI ED OMELIE DEL SANTO PADRE NEGLI USA

VIAGGIO APOSTOLICO DEL PAPA NEGLI USA (15-21 APRILE 2008): LO SPECIALE DEL BLOG (rassegna stampa, notizie, avvenimenti)

UN INCONTRO FATALE. MOLTO POSITIVO

Un Papa sorprendente ha stregato gli States

SALVATORE MAZZA

Tra commozione e timidezza. E con il suo inglese a tratti un po’ incerto, e i tanti sorrisi. Non c’è dubbio che, al di là delle parole che ha pronunciato, Benedetto XVI abbia conquistato gli Stati Uniti. E ne sia stato conquistato. «Ero venuto a confermarvi nella fede – ha detto salutando tutti i fedeli degli Usa attraverso la radio cattolica – siete voi che che avete confermato la mia».

E c’è, in questa semplice frase, tutta l’umiltà del «semplice e umile lavoratore nella vigna del Signore», da cui gli Stati Uniti sembrano essere stati folgorati.

Domenica, saltando da uno all’altro dei molti canali televisivi statunitensi, non si vedeva altro che lui. A Ground Zero la mattina, allo Yankee Stadium il pomeriggio. Programmazione unica. Non era mai successo. Commentatori diversi, ma una comune espressione di ammirazione. Una scoperta. Molto più che positiva.

Un Papa diverso? Diverso, forse, agli occhi di una nazione che, fino a oggi, di Benedetto XVI aveva saputo poco e visto meno.

Complice, senz’altro, una certa freddezza dei media verso il Pontefice tedesco, considerato poco 'televisivo', così trattenuto nei gesti, quasi antispettacolare. Poi il Papa è arrivato. E, forse, proprio dalla scoperta dei suoi gesti è partita la marea di consenso che, in pochi giorni, ha sparigliato in un continuo crescendo le carte in tavola, e capovolto la situazione.

La breve 'chiacchierata', sul South Lawn della Casa Bianca, col bambino che era – incredibilmente – riuscito a superare il cordone di sicurezza, in teoria impermeabile, chiuso dal Secret Service attorno all’ospite. Oppure quel suo sembrare non avere alcuna intenzione di andar via dopo l’incontro a New York con i giovani e i seminaristi, travolto dal loro entusiasmo.

Il suo sorriso dolce, quasi sorpreso, davanti alle centinaia di migliaia di persone assiepate sulla Quinta Strada per vederlo passare. La sua espressione sgomenta, la commozione evidente, nel profondo del cratere di Ground Zero, e il suo incontro non certo formale con i parenti dei morti dell’11 settembre, le parole private scambiate con loro, mani nelle mani, senza fretta. Fino all’inchino di ringraziamento rivolto al violoncellista, le cui note struggenti avevano accompagnato quel momento solenne. Fino all’imbarazzato sorriso con cui, terminata l’omelia allo Yankee Stadium,
ha dovuto aspettare per diversi minuti che la folla finisse di acclamarlo – 'Be-ne-det-to, Be-nedet- to...' – prima di riuscire a riprendere la messa.
Negli occhi di tutti gli americani, la visita in Usa di Benedetto XVI è vissuta e cresciuta proprio attorno a questi gesti, il cui elenco sarebbe molto più lungo di quello accennato. Attorno alla scoperta di un Papa che non conoscevano; il quale, a sua volta, ha trovato nell’entusiasmo che l’ha circondato qualcosa che forse non s’aspettava, e che certamente, come egli stesso ha ammesso in quella frase improvvisata affidata alla radio, molto gli ha dato.

«Gesti potenti come le sue parole», li hanno definiti i commentatori americani, non solo cattolici, anche loro travolti dal fascino di una semplicità genuina fino a ieri, forse, perfino insospettata. A smentire l’idea di un Papa solo 'da ascoltare', e che invece è bello, molto bello, anche 'da vedere'.

© Copyright Avvenire, 22 aprile 2008

Bellissimo articolo :-)
R.

4 commenti:

mariateresa ha detto...

Questa sfornata di articoli, mia reverenda amica, mi sta provocando vette di autentica goduria.
Io ci speravo, ma veramente la realtà ha superato la fantasia.
Che il Signore ce lo conservi e lo protegga sempre.

Raffaella ha detto...

Cara, esimia, sono molto contenta anche io :-)

euge ha detto...

Care amiche mi associo in pieno alle vostre felicità...... devo dire che anch'io non mi aspettavo tanto!!!!!!
Comunque i fatti, le immagini e la gioia degli americani cantano anzi gorgheggiano!!!!!!!!
Mi associa mariateresa con tutto il cuore nel dire che Il Signore aiuti, accompagni e protegga sempre
la guida meravigliosa che ha voluto donarci.
Buona giornata

Carla ha detto...

Grande Benedetto! Sa parlare sia alle menti che ai cuori! Grazie al Signore che ce lo ha donato. Carla