22 luglio 2007

Messa tridentina: Benedetto XVI? Un uomo saggio!


Vedi anche:

SPECIALE: IL MOTU PROPRIO "SUMMORUM PONTIFICUM"

Padre Lombardi a SKYtg24: il Papa e il cardinale Zen parleranno della lettera alla Chiesa cinese

Melloni risponde a Brandmüller sul Concilio

I "censori" del Papa se la prendono anche con Magdi Allam e firmano un manifesto per "mettere all'indice" il libro "Viva Israele"

Chi c'e' dietro l'offensiva mediatica contro Magdi Allam?

L'ANGELUS DEL PAPA: VIDEO DI SKY

Il Papa e la Cina...in attesa della svolta

Oltre diecimila persone accolgono il Papa a Lorenzago

Il Papa all'Angelus: Se gli uomini vivessero in pace con Dio e tra di loro, la Terra assomiglierebbe veramente a un "paradiso"

Il cardinal di Hong Kong in Cadore su convocazione diretta del Papa

IL PAPA FRA I CORI: VIDEO DI SKY

Il Papa in Cadore: cronaca della tredicesima giornata

La scommessa di Papa Benedetto sulla Cina

SPECIALE: LA LETTERA DEL PAPA ALLA CHIESA CINESE

IL BLOG "LETTERA DI PAPA RATZINGER ALLA CINA"

La lettera del Papa alla Cina? Potrebbe segnare una svolta storica

MESSAGGIO DEL PAPA PER LA GMG DI SYDNEY

La modernita' nel Pontificato di Papa Benedetto

Il Papa: ringraziamo Dio perche' l'Europa e' in pace

Sulle tracce dei nonni materni di Papa Benedetto...

LA CONFERENZA STAMPA DEL CARDINALE BERTONE IN CADORE: LO SPECIALE DEL BLOG

IL PAPA IN CADORE: LO SPECIALE DEL BLOG

Decisione del Papa

La saggia scelta della Messa in latino

Fortunato Aloi

L'ultima recente decisione del Papa Benedetto XVI che, motu proprio, ha introdotto di nuovo la lingua latina nella celebrazione della S. Messa, ha sollevato una serie di riflessioni. C'è chi ritiene, infatti, che siffatta decisione costituisca un arretramento rispetto alle posizioni del Concilio «Vaticano II» e alle modifiche introdotte da Paolo VI; c'è chi invece saluta l'evento come una riaffermazione dei valori della liturgia tradizionale che aveva in Francia, col vescovo Lefevbre e i suoi seguaci, un caposaldo tant'è che si paventava uno scisma lefevbriano. E – secondo tanta parte degli organi di stampa – si è ritenuto che il Papa con la sua attuale decisione, la cui efficacia operativa decorrerà dal 14 settembre p.v., abbia voluto recuperare una buona parte di clero e fedeli tradizionali - lefrevbiani in primis – che avevano accettato, obtorto collo, la messa in lingua nazionale.
Tra queste due posizioni si collocano coloro che affermano che la Chiesa non aveva mai abolito il latino dalla propria liturgia. E ciò per il fatto che era sempre possibile, anche prima di adesso, ottenere da parte dei fedeli la Messa in latino. Non si esclude certamente questo, però quante difficoltà burocratiche si frapponevano all'accoglimento della richiesta della messa nella lingua di Roma! Tant'è che veniva, non di rado, tacciato di conservatorismo e/o di passatismo chi richiedeva la messa in latino! Quante accuse di tal segno non sono state mosse, da parte di diversi ambienti culturali-religiosi, nei confronti del vescovo Lefevbre e dei suoi seguaci! Bene, adesso con questo Pontefice, si è affermato il principio della chiarezza: basta che un certo numero di fedeli chiedano la messa in latino e il sacerdote, senza ostacoli di sorta, deve concederla! Non è forse, questo, un fatto nuovo e importante? Un riaffermare così i valori della tradizione che ha in quella cattolica-romana il suo «ubi consistam»! La logica di un malinteso ecumenismo stava ingenerando all'interno delle varie religioni processi di omologazione.
E non ha forse ragione il Papa Benedetto XVI quando afferma che «la Messa in latino piace ai fedeli e unisce la Chiesa»? E doveva venire un Papa tedesco a dirci e ad insegnare a noi italiani, presunti «eredi di Roma», queste verità? Evidentemente la Provvidenza ha preferito la Germania all'Italia nella scelta dell'Uomo giusto nell'attuale momento storico.

© Copyright Gazzetta del sud, 22 luglio 2007

1 commento:

magister_chori ha detto...

Io non calcherei la mano sulla valenza simbolica della lingua scelta secondo gli schemi opposti volgare=progresso + latino=regresso, o anche volgare=degenerazione + latino=purezza delle origini.
Quel che conta è la valenza comunicativa della lingua, la quale nel caso liturgico ha da comunicare niente meno che il Mistero.
Più che altro mi pare propizio un ritorno, almeno parziale, all'uso della messa in latino, per un fatto di CONOSCENZA della Tradizione, per poter mettere in discussione alcune traduzioni che - non era d'altronde evitabile - sono imperfette, a volte affrettate e foriere di errori.