27 ottobre 2008

Mons. Betori: "Anche la Chiesa pecca". E chiede scusa per i preti pedofili


Vedi anche:

CHIESA E PEDOFILIA: LA TOLLERANZA ZERO DI PAPA BENEDETTO XVI: LO SPECIALE DEL BLOG

Il Papa: insieme sotto la guida della Parola di Dio (Mazza)

Perché in Orissa e in Iraq perseguitano i Cristiani (Il Foglio)

L’appello del Papa: «Difendete i cristiani in Irak e India» (Tornielli)

Mons. Capovilla: "Quel giorno che elessero Roncalli" (Malavasi)

SINODO DEI VESCOVI 2008: VIDEO E PODCAST

Papa Ratzinger apre agli Ebrei: "Non usare mai il nome Jahvè". Il rabbino Di Segni: "Segno di grande rispetto" (Politi)

Il Papa: "Via al rinnovamento della Chiesa, senza arbitrii e soggettività" (Izzo)

Santa Messa conclusiva del Sinodo ed Angelus: i servizi di Salvatore Izzo

Maga Maghella si chiede: domani mattina il Sinodo troverà spazio sui giornaloni? Come sarà interpretato l'appello ai leader religiosi?

Il card. Scola: "Dal Sinodo è emersa la necessità di approfondire il rapporto tra Dio che parla, la Persona di Cristo, la Tradizione e la Scrittura"

Il Papa: "Nella liturgia appare che la Bibbia è il libro di un popolo e per un popolo; un'eredità, un testamento consegnato a lettori, perché attualizzino nella loro vita la storia di salvezza testimoniata nello scritto" (Omelia conclusiva del Sinodo dei vescovi)

Morto padre Michele Piccirillo, noto biblista e archeologo. I funerali mercoledì a Roma nella Basilica di San’Antonio (Radio Vaticana e Agi)

Il Papa: "Serve un metodo storico e teologico per la giusta lettura della Bibbia"

Il Papa: "Auspico che i Responsabili civili e religiosi di tutti i Paesi, consapevoli del loro ruolo di guida e di riferimento per le popolazioni, compiano dei gesti significativi ed espliciti di amicizia e di considerazione nei confronti delle minoranze, cristiane o di altre religioni, e si facciano un punto d’onore della difesa dei loro legittimi diritti" (Parole del Santo Padre alla recita dell'Angelus)

Benedetto XVI annuncia per marzo il suo primo viaggio in Camerun e Angola. Nell'ottobre del 2009 a Roma il Sinodo dell'Africa

Il Papa annuncia: "A marzo andrò in Angola e Camerun"

Arrigo Levi: "Pio XII nell'inverno del terrore" (La Stampa)

Suora indiana stuprata: «La polizia stava a guardare» (Zecchinelli e Barwa)

J. Ratzinger: "La liturgia è il centro della mia vita e della mia ricerca teologica" (dalla Prefazione all'Opera Omnia)

SINODO DEI VESCOVI SULLA PAROLA DI DIO (5-26 OTTOBRE 2008): LO SPECIALE DEL BLOG

OMELIE, DISCORSI E MEDITAZIONI IN OCCASIONE DEL SINODO DEI VESCOVI 2008

Nella sua prima celebrazione in Duomo il monsignore ha fatto riferimento al caso di don Lelio Cantini, spretato perché colpevole di abusi sessuali su minori

Betori: "Anche la Chiesa pecca"
E chiede scusa per i preti pedofili


FIRENZE

Si è aperto con un mea culpa per i peccati degli uomini della chiesa il ministero del nuovo arcivescovo di Firenze, Giuseppe Betori. "Siamo ben consapevoli del fatto che la chiesa è fatta di uomini che, protesi alla virtù, restano segnati dal peccato, e ciò è vero per ciascuno di noi e anche per la nostra chiesa fiorentina" ha detto il nuovo arcivescovo nella sua celebrazione nella cattedrale affollata.

"Sappiamo - ha aggiunto - i nostri limiti nella disattenzione nei confronti della parola del signore, nell'egoismo che inaridisce il servizio ai poveri, nell'inganno che avvelena i rapporti tra le persone, nello scandalo nei riguardi del prossimo, specialmente quando a patirne le conseguenze sono i più piccoli".

"Ciascuno - ha aggiunto il presule con evidente riferimento al caso di don Lelio Cantini, ridotto dal Papa allo stato laicale perché riconosciuto colpevole di abusi sessuali su minori - è chiamato a rispondere personalmente delle proprie colpe di fronte alla comunità ecclesiale e alla società.
Ma se queste cose accadono, è anche perché l'attenzione e la vigilanza di tutti si sono in qualche modo affievolite. Ognuno di noi, e io per primo, secondo il proprio ruolo e responsabilità, siamo chiamati a impegnarci attivamente a risalire la china, in un percorso di purificazione che non ammette alibi".

Nella sua messa di insediamento, monsignor Betori ha preferito "non proporre indicazioni pastorali: avrò modo - ha spiegato - di conoscere meglio la realtà fiorentina e di tracciare con il vostro aiuto le linee del cammino futuro. Voglio piuttosto ribadire il primato di dio, della sua conoscenza e amicizia. Non abbiamo bisogno di inventare altri programmi per il nostro cammino. Il programma ci è già dato: se cercheremo autenticamente dio avremo imboccato la strada della comunione tra noi e del servizio nella costruzione della città degli uomini".

© Copyright Repubblica online

5 commenti:

willy ha detto...

Per avere un' idea più completa della giornata dell' accoglienza di ieri ricevuta da Betori a Firenze vi consiglio di andare su questo sito:
http://corrierefiorentino.corriere.it/
c'è perfino una fotogallery..
Saluti

Anonimo ha detto...

articolo più completo e con fotogallery sulla giornata fiorentina di Betori
http://corrierefiorentino.corriere.it/

noirpink ha detto...

"Ma se queste cose accadono, è anche perché l’attenzione e la vigilanza di tutti si sono in qualche modo affievolite. Ognuno di noi, e io per primo, secondo il proprio ruolo e responsabilità, siamo chiamati a impegnarci attivamente a risalire la china, in un percorso di purificazione che non ammette alibi" dice Betori. Insomma , in parole povere: "Il prete abusa di tuo figlio? Potevi fare attenzione!"

Raffaella ha detto...

Mons. Betori si riferiva ai pastori della Chiesa.
Infatti ha detto: io per primo!
Facciamo pure polemica ma leggiamo bene i testi!
R.

Anonimo ha detto...

Si, dare scusa! Ma dire che la Chiesa pecca? no! La Chiesa soffre di questi casi. La Chiesa è santa.