21 settembre 2007

Messa tridentina: il commento di Martin Mosebach


Vedi anche:

Vaticano-Cina: i servizi di Asianews e Zenit

SPECIALE: LA LETTERA DEL PAPA ALLA CHIESA CINESE

Discorso del Papa ai politici cristiani: video di sky

Messa tridentina: il commento di Mons. Stenico (da Petrus)

Messa tridentina: le perplessità dei sacerdoti campani di fronte al divieto del vescovo di Caserta

Discorso del Papa ai politici cristiani: l'analisi di Politi

Cina-Vaticano: svolta alle porte?

OSSERVATORE ROMANO: LA SANTA SEDE RICONOSCE IL VESCOVO DI PECHINO

SPECIALE: LA LETTERA DEL PAPA ALLA CHIESA CINESE

Messa tridentina: "Il Foglio" conferma le indiscrezioni de "Il Giornale" sul motu proprio

Alcune reti terroristiche rimproverano l'Occidente di avere dimenticato Dio

IL PAPA NOMINA IL NUOVO ARCIVESCOVO DI MOSCA: E' UN ITALIANO

La Chiesa anglicana verso lo scisma?

Messa tridentina: le esperienze del Veneto e del Friuli

Messa tridentina: bagarre nella Cei. Bagnasco, Ruini, Scola e Caffarra "difendono" il Papa

Banco di prova per i rapporti fra Vaticano e Cina: oggi l'ordinazione del vescovo di Pechino

I media cattolici, “ponte” fra Chiesa e società

Domenica il Papa torna nella "sua" diocesi: Velletri-Segni

Il Papa: con l'islam dialogo sui valori

Messa tridentina: le considerazioni del Vescovo di Ivrea

Battuta del Papa sulle tasse: gli articoli della Stampa e di Libero

Messa tridentina: il comunicato con cui la diocesi di Milano vieta le celebrazioni secondo l'antico rito

Messa tridentina: la splendida ed argomentata presentazione del vescovo di Imperia-Albenga

Dove e come possiamo seguire le dirette televisive con il Santo Padre?

Il cardinale Zen ed il regime di Pechino

Papa-Condoleezza Rice: lo sgarbo che non c'e'

SPECIALE: IL MOTU PROPRIO "SUMMORUM PONTIFICUM"

Anche lo Strega tedesco scopre «la bellezza» della liturgia latina

di Punzi Vito

Non è un lefebvriano, ma anche lui ha accolto come una "buona notizia" il ritorno del messale latino. E in uno dei suoi ultimi saggi pubblicati in Germania (Eresia dell'assenza di forma. La liturgia romana e il suo nemico, Carl Hanser Verlag, Monaco 2007, pp. 251), ha difeso "la bellezza" dell'antica liturgia romano-cattolica. Si chiama Martin Mosebach ed è uno degli scrittori contemporanei più importanti di lingua tedesca. Giurista di formazione, è autore di decine di romanzi, sceneggiature, libretti d'opera, saggi sull'arte. Collabora con la Frankfurter Allgemeine Zeitung e nel prossimo ottobre riceverà il massimo premio letterario tedesco, il Büchner-Preis. Di rilievo, tanto per confermare la "dittatura dello scaffale", che non esiste alcuna sua opera tradotta in Italia. Mosebach è convinto che la cattolicità deve «tornare sulla via che la conduce alla riscoperta del Gesù storico». Ed è molto severo rispetto all'epoca postconciliare. Tanto da paragonarla alla guerra iconoclasta consumatasi a Bisanzio nei primi secoli del cristianesimo («Per l'iconoclastia romana affermatasi dopo il Concilio Vaticano II, come presagio, era già stato individuato un nome nel secolo precedente da Dom Prosper Guéranger: l'eresia antiliturgica»). Per queste "scoperte" Mosebach dice di essere debitore ai benedettini dell'abbazia di Fontgombault. Dove lo scrittore ha ritrovato il cuore dell'esperienza cristiana e dove «chi decide di diventare monaco entrando nel monastero di Fontgombault ha negli occhi l'educazione di un singolo uomo: la propria persona». A sostegno della battaglia che papa Ratzinger ha ingaggiato per archiviare l'iconoclastia postconciliarista, nel suo saggio Liturgia è arte Mosebach sostiene che è venuto il tempo che la tradizione torni ad essere "avanguardia". Infatti «ciò che abbiamo colto grazie all'epoca vuota di immagini sacre, priva di spazi sacri e carente di musica sacra, è che la più grande raffigurazione artistica si dà proprio nell'antica liturgia e che, qualora dovesse darsi ancora una volta un'arte religiosa carica di significati, questa non potrà che venire dall'antica liturgia».

Tempi num.38 del 20/09/2007

1 commento:

piero lalbi ha detto...

Mosebach, si fa notare, non è tradotto in italiano.
Penso che non lo si tradurrà tanto presto perché nel libro citato, Häresie der Formlosigkeit. Die römische Liturgie und ihr Freund, fa delle ginocchia il vero organo della fede cattolica. A p. 29 scrive infatti, o crediamo con le ginocchia o non crediamo più per nulla.
Un tempo la fede era anche questione di testa e di cuore…