7 novembre 2007

Mons. Angelo Amato all'Osservatore Romano: essere fedeli alla propria carta di identità religiosa è il migliore passaporto per dialogare con gli altri


Vedi anche:

Il testo integrale di "Rapporto sulla fede"

Il Papa: la Bibbia va letta personalmente ed in comunione con la Chiesa. Stretta di mano con arcivescovo russo Innokentiy

La Parola di Dio trascende i tempi. Le opinioni umane vengono e vanno. Quanto è oggi modernissimo, domani sarà passatissimo

PREMIER ROMENO A PAPA: GRAZIE PER IMPEGNO PER IMMIGRATI

Visita del Re saudita al Papa: lo speciale di Avvenire

Visita del Re saudita al Papa: il commento della Gazzetta del sud

Il Premier rumeno chiede udienza al Papa, accordata: si terrà stamattina

"Nuova" liturgia in Vaticano: la croce sta nel mezzo, non più di lato

Visita del Re saudita al Papa: il commento di Marco Tosatti (straordinario nel collegare l'evento di ieri alla lectio di Ratisbona)

Visita del Re saudita al Papa: il commento del Corriere della sera

Visita del Re saudita al Papa: il commento (eccellente) di Politi

SPECIALE: IL MOTU PROPRIO "SUMMORUM PONTIFICUM"

IL PAPA E L'ISLAM: LO SPECIALE DEL BLOG

Presentazione del libro "Generazione Tuareg. Giovani, flessibili e felici" (Rubbettino)

INCONTRO PAPA-RE SAUDITA: VIDEO DI SKY

Incontro Papa-Re Saudita: il commento di Zenit

Incontro fra il Papa ed il Re saudita: commento-video del Corriere della sera

Arabia Saudita - Storica visita di re Abdullah in Vaticano

Incontro Papa-Re Saudita: comunicato della Santa Sede

VATICANO-ARABIA SAUDITA/ IL PAPA E IL RE 30 MINUTI A COLLOQUIO

Visita di Re Abdullah II al Papa: il commento de "Il Foglio"

RE ARABIA SAUDITA GIUNTO IN VATICANO PER STORICA UDIENZA

Ancora sulla visita del Re saudita in Vaticano...

Don Oreste Benzi: lo speciale di Avvenire

Evento storico in Vaticano/ L'incontro del monarca saudita Abdullah con Benedetto XVI conquista tutta la stampa araba

Ruini: "La Chiesa non è buonista. Lo straniero rispetti la legge"

La visita presso il pontefice del re dell'Arabia Saudita: l'analisi di Franco Cardini

Card. Ruini: "Il politicamente corretto mi mette a disagio, come il religiosamente corretto"

La visita del Re dell'Arabia Saudita al Papa: il commento di "Repubblica"

Domani lo storico incontro fra il Re dell'Arabia Saudita e Papa Benedetto XVI: il commento dell'Osservatore Romano

Messa tridentina, Mons. Ranjith a Petrus: “Sacerdoti, Vescovi e Cardinali obbediscano al Papa”


Intervista all'arcivescovo Angelo Amato, segretario della Congregazione per la Dottrina della Fede

Verità, carità e libertà sono le strade per il dialogo con il mondo di oggi

Giampaolo Mattei

"Il dialogo non è un assoluto che sostituisce la verità e l'annuncio di Cristo. Essere fedeli alla propria carta d'identità religiosa è il miglior passaporto per entrare nel territorio religioso altrui e dialogare" con le "armi" spirituali e le modalità dei cattolici: la verità, la carità e la libertà. L'arcivescovo Angelo Amato, segretario della Congregazione per la Dottrina della Fede, riafferma così le coordinate per testimoniare oggi Cristo in una società che, paradossalmente, si presenta allo stesso tempo postmoderna e multireligiosa. Niente sincretistiche "onu delle religioni" o timidezze nel testimoniare e annunciare Cristo. Su questo tema egli è intervenuto, martedì, alla 47ª assemblea generale dei superiori maggiori italiani in corso a Castellaro (Imperia). E afferma: non si può essere "dilettanti" nel dialogo ecumenico, interreligioso e con quanti non si riconoscono in nessuna fede. Ecco l'intervista che l'arcivescovo Amato ha rilasciato a "L'Osservatore Romano".

In una società plurireligiosa, come si può testimoniare Cristo come unico salvatore del mondo?

Da una parte prevale oggi il pensiero debole, secondo cui tutto sarebbe relativo e pertanto non ci sarebbe una verità delle cose, ma tante opinioni più o meno plausibili. Da ciò risulta un agnosticismo religioso e un relativismo etico, che non permette di fare riferimento a norme morali condivise e iscritte nel cuore di ogni persona umana. La conseguenza è che di solito si ritiene etico quello che è legale, ad esempio aborto, divorzio.
Dall'altra parte, invece, nell'odierna società multireligiosa si afferma sempre più un pensiero forte, promosso dalle diverse convinzioni religiose, che per il cristiano fanno riferimento al Vangelo di Gesù Cristo e per i non cristiani ai loro libri sacri e alle loro credenze. La testimonianza dei cristiani oggi deve essere leggibile non solo da parte del nichilista e del relativista postmoderno, ma anche da coloro che ignorano o non condividono o addirittura si oppongono sia alla visione cattolica della fede sia alla fede cristiana nel suo complesso.
I cattolici, attraverso il magistero, hanno un orientamento chiaro per avere oggi una identità forte: ad esempio, è utilissimo il Compendio del Catechismo della Chiesa cattolica. Non si può venire meno a questa nostra identità altrimenti si perde anche il senso stesso del dialogo con l'altro.

Che cosa significa essere testimoni?

La testimonianza implica armonia tra la parola e la verità, fino a mettere in gioco la propria vita per rimanere fedeli alla verità. Testimoniare è l'attività primaria degli apostoli dopo la risurrezione. La testimonianza apostolica è confessione di fede e coinvolgimento personale. Gli apostoli non comunicano una ideologia, ma testimoniano una Persona. Gesù, loro salvatore. Pensiamo, poi, ai tanti martiri anche contemporanei. Una testimonianza data con la vita diventa motivo di credibilità e di attrazione per coloro che vivono al di fuori della Chiesa. La testimonianza agisce con discrezione ed esercita un innegabile fascino. Attira a sé senza violenza. All'uomo contemporaneo, ricco tecnologicamente parlando, ma fragile e confuso moralmente, il testimone si presenta come persona con una forte identità cristiana, che vive bene la sua fede e irradia serenità, pace, gioia, comprensione e misericordia.

Il dialogo ecumenico e interreligioso ha delle caratteristiche?

In campo ecumenico esiste un duplice dialogo: quello della carità e quello della verità. Il primo consiste nella conoscenza, nella comunicazione, nel rispetto, nell'amicizia, nell'accoglienza reciproca, nel superamento dei reciproci pregiudizi di ordine culturale, psicologico e storico. Il dialogo della verità, invece, non può essere generico ma bilaterale, deve essere condotto da specialisti, con cura.
Ben diverso è il campo interreligioso che si fonda sull'appartenenza dei credenti alla comune umanità e sull'apertura di ogni persona umana alla dimensione ascetica e spirituale. Anche qui si può distinguere il dialogo della carità da quello della verità. Il dialogo interreligioso - che ha come finalità la promozione della pace tra i popoli - non può e non deve escludere la conversione alla verità e alla fede cristiana, nel rispetto della libertà e della dignità di ogni persona. Paradossalmente però in una certa teologia cattolica delle religioni - e anche in una certa prassi "pastorale" - il dialogo interreligioso, diversamente da quello ecumenico, sembra essere giunto al suo capolinea, con l'affermazione perentoria secondo cui tutte le religioni sono altrettante vie alla salvezza.

Siamo, dunque, davanti alla grande opera della missio ad gentes di ieri, di oggi e di domani.

Certamente la missione evangelizzatrice della Chiesa conserva oggi tutta la sua pienezza: non è certo prevaricazione assolutistica e fondamentalistica, ma rispetto della verità del mistero salvifico di Cristo e obbedienza al suo comando di annunciare e di testimoniare il Vangelo a tutte le creature. La parità, come indispensabile presupposto del dialogo, riguarda la pari dignità personale degli interlocutori e non i contenuti. Il cristiano in dialogo non può nascondere o tacere la verità della sua fede fondata sul mistero di Gesù Cristo.

Eppure ci sono correnti che ritengono sufficiente la cooperazione umana senza invito alla conversione a Cristo.

È vero, non si può tacere che non pochi oggi ritengono la missio ad gentes come una sorta di prevaricazione nei confronti di altre religioni. Di conseguenza non viene ritenuto più praticabile il comando missionario di Cristo. Lo stile sempre valido è quello di san Francesco. In realtà la libertà non può essere mai disgiunta dalla verità. Il fatto che ci siano diverse proposte religiose non significa che de iure siano tutte ugualmente vere. Certo la verità della rivelazione cristiana accolta con fede non può e non deve essere imposta con la forza, ma nella libertà e nell'assoluto rispetto della coscienza altrui. Non si può, però, pregiudizialmente impedire al cristiano di testimoniare la propria fede, di motivarla e di proporla con carità e libertà al prossimo. Si tratta di una offerta legittima e di un vero e proprio servizio che il cristiano fa al suo prossimo. Su questa base antropologica, quindi, la missio ad gentes risponde non solo a una retta epistemologia del dialogo interreligioso, ma anche a una corretta comprensione della libertà e del rispetto altrui. L'evangelizzazione è un'opportunità per il non cristiano di conoscere e di aprirsi liberamente alla verità di Cristo e al suo Vangelo. È questo l'atteggiamento della Chiesa fin dal giorno della Pentecoste.

Lei ha parlato di questi temi all'assemblea dei superiori religiosi italiani. Dove sta andando la vita consacrata?

La vita consacrata è una delle più antiche interpretazioni della sequela Christi nella storia. Nonostante una cultura, come quella postmoderna, indifferente e nichilista, che rifiuta certezze e verità, la vita consacrata - soprattutto in Europa - sembra un bosco dove, accanto a vecchie piante che muoiono, fioriscono giovani alberi che ne prendono il posto. È la parabola della vita stessa e delle sue stagioni, che nascono, muoiono, rifioriscono. Così io non propongo tanto le lamentele sulla vecchiaia o sulla mancanza di vocazioni, quanto la certezza che Gesù chiama ancora oggi i giovani di tutto il mondo alla sua sequela.

© Copyright L'Osservatore Romano - 8 Novembre 2007

3 commenti:

Anonimo ha detto...

un paio di settimane fa, ascoltando radio vaticana, sono stato incuriosito da una piccola casa editrice napoletana: ecclesiae domus. il direttore, invitato in trasmissione per presentare alcuni suoi lavori ha parlto di un libro da poco editato dal titolo emblematico: "Relativismo: una fida per i cristiani". sono riuscito, a fatica, ad acquistarlo. finalmente emergono nuove forze anche nell'editoria cattolica. consiglio a tutti l'introduzione di Bruno Forte: "lo scandaloso dovere di ricordare la verità".

Gimmi Cucciari, Sora

Raffaella ha detto...

Grazie, Gimmi :-)

Anonimo ha detto...

Ho letto il libro Relativismo: una sfida per i crisiani.
Un lavoro editoriale di grande interesse che invita la riflessione.
Complimenti alla casa esitrice Ecclesiae Domus di Napoli-