26 agosto 2008

Dichiarazioni aberranti del presidente del consiglio hindu: "Violenze in India? Tutta colpa dei missionari che vogliono convertirci"


Vedi anche:

I nuovi martiri cristiani (Il Foglio)

Il Papa a Cagliari: a pieno ritmo la macchina organizzativa, ecco le indicazioni per i fedeli (Girau)

Da Castel Gandolfo un appello del Papa: «La violenza va ripudiata» (Monteforte per l'Unità)

Caccia ai Cristiani in India: due missionari arsi vivi. Mons. Cheenath: "Il governo non ci protegge"(Il Giornale)

La Chiesa resti vigile (Volontè). "Viaggio" fra telogogi delle miss e "Porziuncole" clonate

India/ Violenze anti cristiani, seconda vittima arsa viva. I mass media non stiano a guardare!

Ratzinger professore: il nuovo libro di Gianni Valente in uscita a settembre (Tornielli)

Papa Luciani, duttile e fermo ma capace di parlare alla gente (Romanato per l'Osservatore Romano)

Consiglio di lettura: "Benedetto. La biografia" di Stefan von Kempis (Marietti)

Giovanni Maria Vian: "Trent'anni fa la parabola di Giovanni Paolo I. Mostrato piuttosto che dato" (Osservatore Romano)

Secondo giorno di lavori al Meeting di Rimini. Intervista al cardinale Bagnasco sul ruolo sociale e politico dei Cattolici (Radio Vaticana)

Cina: arrestato il vescovo Jia Zhiguo.I cattolici temono una recrudescenza di persecuzione ed arresti ora che è finita la “tregua” olimpica (Asianews)

Pastoralità specifica per i separati che restano soli: alcune importantissime iniziative

Vasta eco per le parole di Benedetto XVI sul pericolo dei nazionalismi. Intervista al prof. Giovagnoli (Radio Vaticana)

Sette giorni di incontri e di mostre a Rimini: «Protagonisti o nessuno». Ma non è un reality (Osservatore Romano)

L'omaggio del Papa a Schubert, colui che "fece risuonare la poesia e parlare la musica"

Il primo settembre Papa Benedetto XVI riceverà in udienza privata Ingrid Betancourt

Cittadinanza onoraria a Georg Ratzinger, il fratello del Pontefice. La commozione del Papa (Jovino)

Crisi internazionale. La coscienza comune: la denuncia e il monito di Benedetto XVI (Zavattaro)

Vian: "Ecco la sfida che il Papa lancia ai partecipanti al Meeting" (Sussidiario)

"La Chiesa, un popolo che fa storia": l'intervento del card. Bagnasco al Meeting di Rimini

Card. Bagnasco: «Vogliono una Chiesa che rimanga chiusa in chiesa» (Il Giornale)

"Tutta colpa dei missionari che vogliono convertirci"

Parla S. H. Vedantam, presidente del Vhp, il «Consiglio» hindu

PABLO TRINCIA

«La suora bruciata viva? Le missioni attaccate dalla folla? Beh, noi hindu non c’entriamo un bel nulla, sono tutte bugie. I cristiani se lo sono fatto da solo, questo macello, in modo da poterci accusare liberamente. Si fidi di me, sono maestri in questo genere di cose. Sono dei truffatori assassini».
S.H.Vedantam, presidente dell’organizzazione radicale hindu Vishwa Hindu Parishad non usa mezzi termini, mentre si sfoga al telefono dalla sua residenza di Chennai, nel Sud dell’India.

E’ furibondo. Urla, impreca e sbuffa dall’altra parte della cornetta, vomitando veleno. I cristiani non li può vedere. Ne ha per tutti. E poco importa, se parla per un’organizzazione che alle spalle ha un curriculum di violenze interreligiose di tutto rispetto, tra cui quelle di sei anni fa in Gujarat, quando 790 musulmani e 254 hindu vennero massacrati. Senza contare un lungo elenco di missionari minacciati e massacrati di botte, a volte persino torturati e uccisi. Le vere vittime, secondo lui, sono gli hindu. Vittime di un complotto in questo caso orchestrato da missionari cristiani senza scrupoli.

Signor Vedantam, ma davvero è convinto che i cristiani si siano fatto tutto da soli?

«Certamente. Lei non sa di cosa è capace quella gente. Hanno ucciso il nostro leader sabato scorso e ora ci accusano di averli presi di mira. In realtà si sono bruciati le chiese per poterci incolpare e fare la parte delle vittime».

La polizia dice che a uccidere il vostro leader sarebbero stati i guerriglieri maoisti. Come fa a essere dire con certezza che siano stati i cristiani?

«Lo so e basta. Ho anch’io i miei informatori e non dubito delle loro parole. Sono anni che ci fanno una guerra senza esclusione di colpi. A volte usano l’astuzia, altre volte la violenza. Ma le ripeto, noi siamo contrari alla violenza e crediamo nel dialogo e nella convivenza».

Veramente non si direbbe, a leggere i rapporti di diverse organizzazioni in India e all’estero. Negli ultimi anni, dove c’è stata una violenza interreligiosa, spesso si fa il vostro nome.

«Non c’è niente di vero, in questo. E’ tutta propaganda politica che ha il solo scopo di denigrarci. E’ una vera cospirazione, e i cristiani sono tra i principali responsabili».

E cosa vi avrebbero fatto?

«Sono anni che tentano di convertire migliaia di poveri hindu innocenti. Li attirano con l’inganno e poi cominciano con il lavaggio del cervello. Molti ci cascano, dopotutto provengono dalle fasce più povere della popolazione. Li pescano tra gli intoccabili e le popolazioni tribali e li portano in chiesa, con la promessa di soldi e assistenza medica».

Voi però siete accusati di aizzare la popolazione nei loro confronti. Ieri delle persone sono morte.

«Però noi non convertiamo nessuno. Non facciamo proselitismo. Ma se qualcuno ci impedisce di pregare le nostre divinità nel nostro Paese, ci arrabbiamo».

Come in Gujarat, nel 2002. Più di mille morti, la maggior parte dei quali musulmani. Diverse inchieste hanno puntato il dito contro il Vishwa Hindu Parishad.

«Ma quella è stata una reazione a un attacco da parte dei musulmani. E anche in questo caso, siamo stati vittime della propaganda contro di noi, che non c’entriamo nulla. Le ripeto, siamo un’organizzazione pacifica».

Pensa che sia possibile raggiungere un accordo di convivenza con i cristiani?

«Certo, ma devono smetterla subito con questa campagna di conversioni. Altrimenti i problemi si riproporranno in futuro».

© Copyright La Stampa, 26 agosto 2008 consultabile online anche qui.

Agghiacciante, incredibile...le parole di questo signore si commentano da sole!
R.

2 commenti:

Giuseppe ha detto...

Cara Raffaella: questo signore presiede un'organizzazione estremista pluriassassina, strutturata sul modello delle squadracce fasciste italiane d'un tempo(che onore!). Con personaggi di questo genere un governo realmente democratico dovrebbe "dialogare" a suon di ergastoli, esattamente come facciamo noi, in Italia, coi residuati delle Brigate Rosse. Ma il governo indiano è - diciamo -democratico apprendista.
La mia perplessità nasce dallo spazio propagandistico che un quotidiano italiano concede a posizioni terroristiche aberranti, senza neanche un tentativo di contraddittorio. Non è una vergogna?

euge ha detto...

Campagna di conversioni......????? Ma dico diamo i numeri?????? Se non erro hanno dato fuoco non solo alle chiese ma anche ad asili per i bambni cosa diavolo centrano le conversioni? Vorrei ricordare che l'India ha beneficiato a questo punto non sò se meritatamente, dell'aiuto di Madre Teresa che si è prodigata fino alla fine per chi aveva bisogno senza un attimo di tregua; è sempre la solita storia aberrante di chi in nome di chissà quale indipendenza religiosa ( chi la mai messa in discussione), scatena una violenza senza precedenti su innocenti ed indifesi. Che il governo indiano abbandoni i cristiani perseguitati e massacrati a se stessi non c'è da meravigliarsi. Evidentemente ormai nel mondo il sentimento anticristiano è diventato talmente forte da identificarsi con l'anticristo.