6 agosto 2008

Il Papa risponde a 400 preti su sacramenti e ambiente (Alto Adige)


Vedi anche:

Il messaggio del Papa: "Dai ladini per Pechino. La Cina di Freinademetz. E di Benedetto" (Valente)

Oies, Le voci e le storie del popolo di Benedetto. Che dice: «Grazie della vostra pazienza» (Alto Adige)

L’appello del Papa: la Cina si apra al Vangelo (Pinna)

Il «Credo» di Paolo VI, un dono da riscoprire: la professione di fede «dimenticata»: una bussola nelle «inquietudini» postconciliari (Inos Biffi)

Il gioioso incontro del Papa con i sacerdoti nel Duomo di Bressanone. Intervista a Padre Lombardi (Radio Vaticana)

Paolo VI nel ricordo di Joseph Ratzinger e Karol Wojtyla (Radio Vaticana e Osservatore Romano)

Il Papa: "Da giovane ero piu' rigido sui sacramenti, ma col tempo ho capito che bisogna seguire l'esempio del Signore"

Benedetto XVI: "Il primato non è una monarchia assoluta ma un servizio per la Chiesa"

Bressanone: prime indiscrezioni sulle risposte del Papa ai sacerdoti

Trentennale della morte di Paolo VI: lo speciale di "Avvenire" (Semeraro, Roncalli e Gambassi)

Il Papa ad Oies, in Val Badia: "E' importante che la Cina si apra al Vangelo" (Parole del Santo Padre a Oies, in Val Badia, luogo natale di San Giuseppe Freinademetz, missionario Verbita in Cina, 5 agosto 2008)

Il Papa alla Cina: «Apriti a Cristo» (Mazza)

Estratto del saluto del Santo Padre a Oies: audio di Radio Vaticana

Cittadinanza onoraria di Bressanone a Benedetto XVI: la motivazione

Oies: Il Papa torna a pregare per la Cina

Paolo VI maestro della Parola (Osservatore Romano)

Intervista a Vian su Paolo VI ed il Concilio: "Montini non volle essere nient'altro che un testimone di Cristo" (Il Sussidiario)

Gli incontri con il Santo Padre: l'emozione di Don Carlo Milesi e della tredicenne Johanna (Alto Adige)

Visita del Papa ad Oies (Val Badia): servizio di Skytg24

Il Papa ha pregato sulla tomba dell’amico missionario (Alto Adige)

Giuseppe Camadini: "Paolo VI? Né incerto né triste, al contrario fu gentile e forte" (Osservatore Romano)

Paolo VI, il grande mediatore. L'omaggio di Benedetto XVI: "Seppe governare il Concilio" (Valli)

Giovanni Maria Vian: "Paolo VI, testimone di Cristo nell'amore al nostro tempo" (Osservatore Romano)

Il 6 agosto 1978 moriva Paolo VI: raccolta di articoli e commenti

Il Papa in Val Badia: servizio di Skytg24

Paolo VI ebbe meriti «sovrumani». Parola di Benedetto XVI (Bordero). DA LEGGERE!

L'arte di celebrare il servizio liturgico. Una riflessione alla luce del magistero ecclesiale (Nicola Bux per l'Osservatore)

L'arcivescovo Rowan Williams traccia le conclusioni della Conferenza di Lambeth (Radio Vaticana)

Un plauso a Franca Giansoldati: l'unica ad avere riportato le parole di Benedetto XVI su Paolo VI ed il Concilio!

Joseph Ratzinger: "Il tempo libero. Incontrare Dio nelle vacanze" (da "Imparare ad amare")

IL PAPA A BRESSANONE: TUTTI I VIDEO E LE FOTO

IL PAPA IN ALTO ADIGE: LO SPECIALE DEL BLOG

Le vacanze in Alto Adige

Il Papa risponde a 400 preti su sacramenti e ambiente

Il Papa ha incontrato 400 preti e religiosi nel Duomo di Bressanone.
Ha risposto a sei domande, e ha parlato di ambiente ("la Chiesa ora deve fare di più"), e dei sacramenti della comunione e della cresima: "Da giovane ero più severo, col tempo ho capito che bisogna seguire le vie del Signore".
Ieri la visita a Oies, nella casa di san Freinademetz.
Papa Benedetto XVI ha ammesso che ci sono stati tempi in cui anche la Chiesa ha lasciato un po' in "ombra" il discorso sulla creazione e l'ambiente. Tuttavia ha respinto l'accusa al cristianesimo di mancanza di sensibilità e anzi ha puntato il dito contro il materialismo moderno, che rischia di compromettere il futuro del pianeta.

Papa Benedetto XVI, parlando di sé e della sua esperienza umana e spirituale, lascia intravedere una maggiore apertura della Chiesa nell'amministrare i sacramenti anche a coloro che manifestano solo "barlumi di fede". "Da giovane ero più rigido", ha confessato, incontrando oggi nella cattedrale barocca di Bressanone, circa 400 sacerdoti della diocesi e rispondendo ad alcune loro domande. "Col tempo - ha detto - ho capito che bisogna seguire la via del Signore, aperta alla misericordia".

L'incontro tra Ratzinger e il clero locale è durato oltre un'ora e mezzo. Introdotto dal canto dei salmi è proseguito in un botta e risposta di circa un'ora: sei domande (4 in tedesco e due in italiano); 10 minuti per ciascuna risposta. Il tutto a porte chiuse. Tra le domande, quella di un parroco italiano, don Paolo Rizzi, che chiedeva con quanta larghezza i sacerdoti possano amministrare i sacramenti della prima comunione e della cresima anche a persone e ragazzi non pienamente consapevoli di questo passaggio spirituale. "Non posso dare una risposta infallibile", si è schernito il Pontefice.
"Quando ero più giovane - ha raccontato - ero più severo e pensavo che, trattandosi di sacramenti della fede, fosse più problematico amministrarli con troppa larghezza. Col tempo - ha proseguito - ho capito che bisogna seguire la via del Signore, aperto alla misericordia che accoglie anche coloro che hanno un barlume di fede.

Se possiamo vedere - ha proseguito - anche una piccola fiamma di desiderio di comunione nella Chiesa, c'è motivo di andare in quella direzione".
Padre Lombardi ha precisato che il Papa non ha fatto alcun riferimento alla questione della comunione per i divorziati sposati, che tuttora, in base alle norme della Chiesa, non possono ricevere l'ostia consacrata per la loro condizione di "peccatori". Tuttavia, l'invito alla magnanimità venuto oggi da Ratzinger potrebbe lasciare aperti spiragli a quanti, tra le stesse file ecclesiastiche, vorrebbero ammorbidire i divieti.

Un altro prete ha incalzato il Papa con una raffica di domande ''delicate'' su celibato sacerdotale, carismi delle donne e carenza di vocazioni. Benedetto XVI lo ha dribblato, limitandosi ad esortare i sacerdoti ad un maggiore senso comunitario. In questa chiave, anche ''il primato (petrino) non è una monarchia assoluta, ma un servizio per la Chiesa e per gli altri'', ha detto. Una frase dal sapore ecumenico, specie verso quel mondo ortodosso che non riconosce la superiorità del vescovo di Roma.

© Copyright Alto Adige online

1 commento:

mr. hyde ha detto...

"Se possiamo vedere - ha proseguito - anche una piccola fiamma di desiderio di comunione nella Chiesa, c'è motivo di andare in quella direzione".

pensate se lo avesse detto il cardinale Martini...e non aggiungo altro per non dar fuoco alle polveri.