25 febbraio 2008

Avvenire e la "stranezza" di certe candidature... (Il Giornale)


Vedi anche:

L'Istituto Patristico Augustinianum: "Un trait d'union tra università statali ed ecclesiastiche" (Osservatore)

Oggi il cardinale Tauran all'universita islamica Al-Azhar del Cairo. Intervista al nunzio, Mons. Fitzgerald

Eugenia Roccella per "Libero": "Le follie del dottor Viale: com'è bello abortire"

Il rischio di una fede contaminata da elementi magici e terreni, sottolineata dal Papa nella parrocchia romana di Santa Maria Liberatrice (Radio V.)

Fede, ragione, università: il prof. Possenti commenta il discorso mai letto dal Papa alla Sapienza (Zenit)

"L'omelia non è uno show". Giro di vite vaticano sulla Messa: "prediche" brevi, sacralità, niente stravaganze (Galeazzi per "La Stampa")

L’incontro fra il Papa e l’Elefantino devoto: Maurizio Crippa racconta come è nata la fascinazione di Giuliano Ferrara per il "professor" Ratzinger

È POSSIBILE OGGI EDUCARE? IL PROBLEMA, L’AUTOREVOLEZZA DEGLI ADULTI

Al mercato del figlio su misura: "La logica dell'eugenetica: ora anche i sordi vogliono bimbi sordi" (Osservatore)

Card. Grocholewski: "I dibattiti sono sempre ben accetti, ma i cattolici parlino ad alta voce" (Repubblica)

Documento contestato dell'Ordine dei medici sulla legge 194 e la pillola abortiva: lo speciale del Corriere della sera

IL PAPA SI FERMA A SALUTARE GIULIANO FERRARA A FINE MESSA TESTACCIO

Signori candidati, diteci l’antropologia di riferimento (Veronesi? I radicali?), editoriale di D'Agostino per "Avvenire"

Aldo Maria Valli loda il libro di Mancuso. Cita Martini ma non le obiezioni di Mons. Forte

IL PAPA: "PURTROPPO NON PARLO ROMANESCO"

Il presidente dei medici cattolici: "Stop all’ideologia"

Dio ha sete della nostra fede e del nostro amore.Come padre buono e misericordioso desidera per noi tutto il bene possibile e questo bene è Lui stesso

Medici, documento choc su legge 194 e pillola Ru486...«Ma non è quello votato» (Avvenire)

Il rischio di ogni credente è quello di praticare una religiosità non autentica, di cercare la risposta alle attese più intime del cuore non in Dio...

" L'identità dei Cattolici" di Ernesto Galli della Loggia

Mons. Grillo: "Chi ha paura delle «ingerenze indebite»?" (Il Tempo)

Il Papa ai giovani: emergenza educativa. Dai media realtà distorta (Bobbio)

Rosso "malpela" Zizola: "Certe "vispe terese" e la libertà di tutti"

Dai vescovi duro attacco a Veltroni

Milano - I vescovi rompono gli indugi e attraverso il quotidiano Avvenire lanciano un durissimo attacco a Walter Veltroni e alla sua scelta di candidare rappresentanti del Partito radicale ma soprattutto l'oncologo Umberto Veronesi, capolista in Lombardia. L'affondo è in un editoriale («Signori candidati, diteci l'antropologia di riferimento») firmato dal giurista Francesco D'Agostino, presidente onorario del Comitato nazionale di bioetica. «Gli elettori devono conoscere senza reticenze e senza ambiguità i programmi dei partiti che chiedono il loro voto - scrive -. Di programmi finora si parla ben poco, ma le candidature possono fornire indirettamente indicazioni programmatiche molto precise».

«Candidati la cui visione del mondo è stata esplicitata innumerevoli volte. È impossibile ignorare ad esempio la visione libertaria, e non liberale, di chi ha sempre militato nel Partito radicale. È impossibile ignorare - continua Avvenire - quale sia l'antropologia di Umberto Veronesi. Da visioni antropologiche “riduzionistiche” (come quella radicale o come quella di Veronesi), derivano inevitabilmente ampie conseguenze sul piano delle scelte politiche, non solo per quel che concerne i temi che oggi vengono definiti “eticamente sensibili” (dalla procreazione assistita all'eutanasia), ma anche per temi di ancor più ampio rilievo sociale, primi tra tutti quelli del matrimonio, della famiglia e delle adozioni. Non è l'identità confessionale che deve rilevare politicamente per l'elettore, ma l'antropologia di riferimento dei candidati e dei partiti. Non ci servono indicazioni tecniche o minuziose: ma l'esplicitazione di pochi e non equivoci principi di fondo».

«L'elettorato merita rispetto: perciò prima del voto dovrà essergli spiegata con la massima onestà che posizione assumerà ogni partito, quando verranno messi in discussione temi antropologicamente rilevanti. Anche i singoli candidati ovviamente meritano rispetto, purché però sappiano conquistarselo. Hanno un unico modo per farlo: dichiarare in modo limpido e chiaro i loro progetti politici e soprattutto come essi pensano di poterli promuovere nel contesto “reale” del partito in cui militano. Alcuni dicono che la chiarezza fa perdere voti. Non so se sia vero; ma so che l'intenzionale rinuncia alla chiarezza fa perdere, e a volte definitivamente, la dignità». Questa chiosa finale sembra avere come destinatario non tanto Veronesi, che non ha mai deragliato dalle proprie convinzioni, quanto piuttosto la senatrice «teodem» Paola Binetti, cattolica del Pd che appare schiacciata dalla sterzata laicista imposta da Veltroni.

Il quotidiano dei vescovi ha ieri anche tuonato contro il documento «choc» diffuso in nome dell’associazione degli Ordini provinciali dei medici su aborto, pillola del giorno dopo, diagnosi pre-impianto nella fecondazione assistita e assistenza ai neonati estremamente prematuri. Documento che non è quello votato dal consiglio dei 103 presidenti dei camici bianchi ed è stato dunque giudicato «fantomatico» I medici hanno però replicato: non si tratta di un falso, ma di una «piattaforma che vuole fornire spunti di riflessione».
Dal centrodestra, intanto, piovono critiche al Pd. «Veltroni, di fatto, espelle le posizioni a difesa della vita e della famiglia all'interno del suo partito», dice l'azzurra Isabella Bertolini. «Veltroni è uno specchietto per le allodole - protesta l'azzurro - lo stimiamo e ci dispiace che si sia prestato a questo gioco».

© Copyright Il Giornale, 25 febbraio 2008


Le battaglie di Veronesi che imbarazzano il Pd

Roma - Era stato meno tetragono sul suo futuro politico. Quando lasciò la poltrona di ministro della Sanità nel governo Amato (primavera 2001), dopo un anno passato a tentare di far dimenticare i precedenti quattro di Rosy Bindi, aveva detto addio alla politica, «senza rimpianti». «Torno fra gli scienziati, almeno parlano chiaro», aveva ripetuto nelle interviste di rito. «Non mi candiderò mai», aveva aggiunto. Due anni fa ha resistito alle lusinghe di chi lo voleva sindaco di Milano nel centrosinistra: scelse ancora la ricerca sul cancro e la cura dei suoi malati.
Ora ha cambiato idea e lo si può capire. A 82 anni, con l'eleganza e il sorriso che non lo abbandonano mai, ha accettato di guidare la lista del Partito democratico per il Senato in Lombardia. Avrà rispolverato i sondaggi che da ministro lo indicavano come il politico più popolare, perfino più dei duellanti Rutelli e Berlusconi, mentre il centrosinistra sprofondava.

Ma se sulla discesa in campo ha avuto un ripensamento, sulle convinzioni di fondo no. Veltroni l'ha scelto conoscendo alla perfezione qual è il pensiero del professor Veronesi sulle questioni «eticamente sensibili», uno dei temi caldi di questa campagna elettorale. Ed è un pensiero unico, incrollabile, coerente, immutato negli anni; un pensiero laico, scientista, antiproibizionista, che il grande ricercatore esprime sempre con misura e pacatezza ma senza cedimenti. La scienza come unica frontiera della ragione.

Dall'aborto all'eutanasia, dalle droghe libere alla fecondazione assistita, dalla pillola del giorno dopo alla clonazione, non c'è un argomento di carattere etico che trovi Veronesi d'accordo con la Chiesa. «Sono integralista soltanto nella lotta al fumo», ribadisce. E nel cibo vegetariano. Sul resto il suo maestro è Seneca, filosofo stoico morto suicida: «Non è fondamentale vivere, ma vivere bene. Una vita dimezzata perde il suo significato».

«L'eutanasia è un atto di carità», ha sempre sostenuto: «con il consenso del paziente» nel caso in cui voglia «interrompere una vita diventata dolorosa, insopportabile, senza prospettive, una vita di emarginazione e solitudine». Per esempio, i malati in stato vegetativo permanente, quelli che Veronesi chiama sbrigativamente «morti viventi».

Da ministro chiese più volte che si aprisse «una grande discussione etica e filosofica, senza crociate contro o a favore»; ma il suo convincimento è chiaro: «Nella concezione laica della vita noi pensiamo che ciascuno abbia il diritto di scegliere il proprio destino e di decidere di interrompere la propria esistenza quando sussista un insieme di condizioni, come in casi di grande sofferenza o di solitudine».
La legge 40 sulla procreazione assistita è «ingiusta e disumana, antiscientifica, illiberale e oscurantista». Veronesi si batté contro l'astensionismo al referendum criticando tra gli altri Francesco Rutelli («che lo faccia la Chiesa è normale, che un politico dei massimi livelli accetti questa condizione è una cosa che mi lascia sconvolto»); dopo la sconfitta è tra i promotori di un comitato per la riscrittura delle norme. Era il 1995, invece, quando si schierò per la liberalizzazione delle droghe leggere; e scatenò una tempesta quando si ripeté da ministro. «Sono contrario a ogni tipo di droga, ma il proibizionismo non paga. Il tossicodipendente è un malato da curare, ogni mezzo è valido per curarlo e liberarlo dal rischio di overdose e infezioni».

Veronesi è uno strenuo difensore della legge 194: «Ha funzionato bene, ha diminuito le interruzioni di gravidanza e non vedo la necessità di cambiarla, o vogliamo tornare al sistema selvaggio dell'aborto clandestino?». Ed è un propugnatore della pillola Ru486: «Assurdo che non venga offerta alle donne come alternativa all'intervento. Se abbiamo la possibilità di interrompere una gravidanza con un metodo farmacologico, meno traumatico di un'operazione chirurgica ma capace di ottenere lo stesso effetto, non vedo perché rinunciarvi». E la clonazione? «Nessuno deve fermarla», sentenziava quando si aprì il dibattito sulle cellule staminali: «Clonare cellule significa salvare delle vite».

L'Espresso l'ha magnificato come il «gran laico»; nel 2000, anno del Giubileo, Repubblica beatificò l'allora ministro come «unica voce davvero laica nel coro mistico di fine secolo». Adesso, da candidato al Senato, sa di avere qualche problemino con i cattolici del Pd. Ma ha già messo le mani avanti: «Non tratterò temi etici, nella mia attività parlamentare mi occuperò di fame nel mondo e disarmo. Sono soprattutto un pacifista». Chissà se basterà per andare d'accordo con la Binetti.

© Copyright Il Giornale, 25 febbraio 2008

1 commento:

Carla ha detto...

Si è risentito Veltroni per l'editoriale di Famiglia Cristiana e invoca il "rispetto tra laici e cattolici". Suona strano detto all'indomani della conclusione di un patto di ferro con una componente politica come quella radicale che nei confronti della Chiesa, dei cattolici e di Papa Benedetto ha sempre avuto e mantiene tuttora atteggiamenti di aperta ostilità, non disgiunta, in alcuni casi da vere e proprie aggressioni (aborto, eutanasia-caso Welby, fecondazione assistita, Chiesa e ICI, coppie di fatto, matrimoni gay, e quant'altro, credo che basti).