1 febbraio 2008

Tolleranza zero con i preti pedofili: il vescovo di Losanna, Ginevra e Friburgo chiede perdono alle vittime e istituisce una commissione speciale


Vedi anche:

CHIESA E PEDOFILIA: LA TOLLERANZA ZERO DI PAPA BENEDETTO XVI: I VIAGGI NEGLI USA ED IN AUSTRALIA ED I SINGOLI PROVVEDIMENTI

"Ultima deriva della procreazione artificiale": così mons. Sgreccia commenta l'ipotetica tecnica che permetterebbe alla donna di procreare figli da sé

Mostruosità "scientifiche": "Figli concepiti senza il papà" (Corriere)

Gli agostiniani donano al Papa l’Opera omnia di Sant’Agostino. Padre Remo Piccolomini: "Colpito dalla familiarità e dall'eleganza del Santo Padre"

«Cause dei santi, una bussola per le diocesi». Saraiva Martins: con la nuova «Istruzione» inchieste locali sempre più rigorose

Gravissimi insulti al Papa ed a Gianluca Barile in un ospedale campano

E Bologna accoglie la «lezione mancata» del Papa

SPAGNA: NOTA DEI VESCOVI PER LE ELEZIONI GENERALI DEL 9 MARZO (Sir)

Governi d'Italia. La politica della Chiesa (di Sandro Magister)

Il cardinale Ruini curerà il progetto culturale del Vaticano (Galeazzi per "La Stampa")

La visita del Papa al Seminario Romano Maggiore in occasione della Festa della Madonna della Fiducia (Radio Vaticana)

Embrioni trattati come "materiale biologico", non come un "qualcuno" ma come un "qualcosa": il commento di Alberto Bobbio

Mineo, il Papa non fa mai notizia. Ratzinger e il Vaticano completamente oscurati da RaiNews24 (Italia Oggi)

Il rabbino Jacob Neusner parla all'Osservatore del suo dialogo a distanza con Joseph Ratzinger: il Papa è un uomo coraggioso

Dibattito all'Università Cattolica del Sacro Cuore sul discorso del Papa alla Sapienza (Osservatore Romano)

Ricordi d'infanzia a Tittmoning (video del sito Benoît et moi)

SEGNALAZIONE BELLISSIMO SITO FRANCESE SUL PAPA: "BENOIT ET MOI"

La Chiesa apprezza ed incoraggia il progresso scientifico ma sente il dovere di illuminare le coscienze affinchè esso sia rispettoso di ogni essere umano

L’incontro del caos e della luce: la festa della Candelora (un testo di Joseph Ratzinger)

IL PAPA E L'OSCURANTISMO INTOLLERANTE DEI LAICISTI UNIVERSITARI: LO SPECIALE DEL BLOG

Il vescovo chiede perdono alle vittime dei pedofili

Bernard Genoud – vescovo di Losanna, Ginevra e Friburgo – si è espresso in merito agli abusi sessuali ai danni di minori compiuti nella sua diocesi: il prelato ha chiesto perdono alle vittime.
Al fine di garantire in futuro maggiore trasparenza, l'ecclesiastico ha deciso di istituire una commissione incaricata di effettuare verifiche in caso di sospetti concernenti membri del clero.


Dopo gli scandali legati ad atti di pedofilia commessi da religiosi, la diocesi di Losanna, Ginevra e Friburgo ha deciso di creare una speciale commissione incaricata di intervenire in presenza di situazioni dubbie. L'organo sarà presieduto dalla ex giudice istruttrice friburghese Françoise Morvant.

In particolare, ha spiegato venerdì alla stampa Bernard Genoud, la commissione dovrà registrare tutte le informazioni che riceve in merito a eventuali abusi, controllarne la veridicità e presentare un rapporto all'autorità diocesana. «Suggeriremo sistematicamente alle vittime di rivolgersi alla giustizia civile e, se necessario, le accompagneremo durante l'iter», ha aggiunto il vescovo.

Secondo Genoud, potrebbe anche essere necessario rivedere le direttive della Conferenza svizzera dei vescovi, introducendo segnatamente l'obbligo di denuncia contro i religiosi sospettati di abusi sessuali.

Richiesta di perdono

Si tratta della prima occasione in cui il vescovo Genoud si esprime ufficialmente in merito agli abusi commessi nella sua diocesi. Il prelato ha sottolineato il dovere, per la Chiesa, di domandare perdono alle vittime.
Il religioso ha in special modo evidenziato «la mancanza di trasparenza, di chiarezza, di comunicazione e di coraggio, che hanno purtroppo condotto a casi di recidiva». La linea telefonica speciale, recentemente istituita dal vescovo, è stata utilizzata da 14 persone: due casi sono stati trasmessi alla giustizia civile (uno a Friburgo, l'altro a Ginevra).

«Clero integro»

Il vescovo Genoud ha poi affermato che, nonostante la gravità dei casi in questione, la grande maggioranza del clero è integra e merita di essere difesa. In generale, il prelato ha affermato di non approvare lo spostamento, in caso di problemi, dei preti coinvolti. A suo parere, è necessario trovare soluzioni sul posto.
In merito alla questione dei risarcimenti alle vittime, l'ecclesiastico ha commentato: «Non apprezzo questo termine: preferisco si parli di "aiuto alla ricostruzione"». Secondo Genoud, le somme versate non hanno mai avuto l'obiettivo di pagare per ottenere il silenzio delle vittime. Le cifre sarebbero infatti state calcolate, per esempio, in base alle spese per le cure.

Banca dati

Dal canto suo, il nuovo responsabile delle questioni giuridiche della diocesi, l'abate Nicolas Betticher, ha rilanciato l'idea di creare una banca dati concernete i religiosi coinvolti in casi di abusi. Il prelato ha ricordato che papa Benedetto XVI aveva già sostenuto un'iniziativa simile cinque anni or sono.

Secondo Betticher, è importante assicurare la trasparenza tra i dati disponibili a Roma, quelli della commissione d'esperti in materia di abusi sessuali della Conferenza episcopale svizzera e della commissione diocesana. In generale, ha concluso il sacerdote, le strutture attuali devono comunque essere migliorate.

© Copyright Swissinfo e agenzie

2 commenti:

Luisa ha detto...

E da Ginevra posso dirvi che assistiamo qui sulla stampa e alla televisione ad una vera campagna anti-cattolica,pietosa ma purtoppo prevedibile.
Non passa giorno senza che un media se ne occupi, e con tutto il rispetto e la compassione per le vittime reali , stanno sorgendo, da tutte le parti vittime, che testimoniano sui media avidi di raccogliere le loro parole.
I pastori protestanti si mischiano al dibattito accusando la Chiesa cattolica di tutti i mali, di essere sprezzante, accusano il celibato dei preti, dimenticando tutti i pastori sposati e colpevoli di atti pedofili.
Insomma un clima avvelenato,che non promette niente di buono, ma che ha il merito non solo di fare la luce sui crimini commessi dai preti , ma purtroppo anche di mettere in luce tutti i pregiudizi contro la Chiesa e il Papa .

Raffaella ha detto...

Grazie della tua testimonianza, cara Luisa :-)